Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Resoconto del viaggio in Marocco - estate 2001.

Dopo aver dovuto rinunciare al previsto viaggio in Iran a causa delle mutate formalità doganali, che hanno fatto aumentare di molto l'impegno economico necessario a visitare in camper quello splendido paese, l'associazione ha optato per una meta classica: il Marocco.
Dopo aver percorso gli oltre 2000 km che ci separano dal Marocco, ci siamo così ritrovati allo stretto di Gibilterra in 23 persone, compresi 8 ragazzi, su 8 camper.
Prima tappa in Marocco a Volubilis, ricca città romana che controllava la fertile piana e che oggi è un vasto campo di imponenti rovine. Poi ci siamo trasferiti alle città imperiali di Meknes e di Fes, visitando mercati, moschee e mederse ed il campo dei conciatori, dal caratteristico "profumo"...
La notte una festa di matrimonio che si svolge nei locali del campeggio ci ha svegliato, ricordandoci che nei paesi arabi e' usanza in queste occasioni festeggiare per tutta la notte.
La mattina siamo ripartiti verso l'Atlante ed il deserto che si estende dietro di esso, e dopo qualche fermata alla foresta di cedri con le sue scimmie ed ad un lago di montagna ci siamo fermati a dormire, ormai ai margini del Sahara, alla sorgente di Meski, dalle limpide acque che sgorgano nel palmeto.
Il giorno dopo ci attendeva la pista di Merzouga, una facile sterrata di circa 50 km che attraverso un deserto piatto porta al margine dell'erg Chebbi, ben visibile da lontano per le grandi dune che lo compongono. Ci siamo sistemati in uno dei comodi campeggi che si trovano alla base delle grandi dune, giusto in tempo per un'escursione in cammello al tramonto tra le sabbie rosate, un'esperienza che certamente rimarra' a lungo impressa in tutti noi.
Dalla zona di Erfoud, famosa per i suoi bei fossili che abbiamo acquistato in gran numero, ci siamo poi spostati di nuovo verso le montagne con le gole del Todra e del Dades, profonde vallate cosparse di villaggi dalle caratteristiche abitazioni e fortezze di fango. Poi ancora le oasi ed il deserto di Ouarzazate e di Zagora.
Nonostante le frequenti piscine che allietano le soste nei campeggi, il caldo di agosto nel Sahara, che supera facilmente i 45 gradi, e' una prova dura, soprattutto per alcuni partecipanti. Tre equipaggi decidono di evitare altro deserto, e quindi decidono indipendentemente, tra Ourazazate e Marrakech, di separarsi dal gruppo. Uno fara' un ritorno anticipato verso l'Italia e la frescura delle Alpi, altri due rimarranno nel nord del paese evitando la seconda parte del programma che ci ha portato nel deserto a sud di Agadir.
La tappa successiva e' stata a Marrakech, ricca di bellezze artistiche che dimostrano lo splendore di un'epoca in cui gli arabi erano giunti fin dentrol'Europa. Abbiamo girovagato tra botteghe e saltimbanchi che ancora oggi affollano la sua grande piazza, senza una particolare vocazione turistica, ma solo per la curiosità dei numerosi marocchini che insieme ai turisti si attardano tra le varie attrazioni.
Abbiamo ancora proseguito verso sud, prima attraverso le stupefacenti formazioni granitiche che costellano la valle di Tafraoute, poi verso il mare nel campeggio di una coppia di francesi che sono ormai un punto di riferimento per i nuovi nomadi del deserto che viaggiano in moto e fuoristrada. Il giorno dopo abbiamo fatto un'escursione in fuori strada per raggiungere attraverso distese sassose la grande "spiaggia bianca", battuta dalle onde dell'Atlantico, che non hanno impedito a noi ed ai nostri ragazzi un bagno nel grande oceano.
Dopo le fresche brezze siamo tornati ancora a vedere l'immenso deserto della zona di Akka e Tata, dove un nastro di asfalto di recente costruzione attraversa grandi vallate e montagne variegate che rendono evidente l'esistenza di un'acqua che oggi non c'e' piu'. Nella zona pitture rupestri ci mostrano la vita di quei tempi remoti.
L'itinerario ci ha poi riportato verso il nord, non senza pero' visitare ancora la costa marocchina: la cosmopolita Agadir, il pittoresco porto di Essouira, le fabbriche di ceramica di Safi, la nuova grande moschea di Casablanca, i monumenti di Rabat. Prima di lasciare il Marocco incontriamo di nuovo uno degli equipaggi che ci aveva lasciato per un ultimo bagno insieme. Poi il ritorno verso l'Italia, ed il ricordo di questo splendido paese.

Il viaggio si è svolto regolarmente, abbiamo percorso circa 8.000 km fuori dall'Italia, ed a parte una foratura, qualche piccolo insabbiamento ed un danno in manovra sul traghetto, non abbiamo avuto altri inconvenienti eccetto i soliti piccoli guasti degli impianti. La natura molto eterogenea dei partecipanti, dall'"esperto" di viaggi estremi con camper 4x4, alla coppia di pensionati (che si è rivelata la piu' resistente), la sofferenza dimostrata da alcuni per il grande caldo, non ha permesso loro di fruire nella maniera migliore del viaggio. Potremmo dire che pur essendo stato il gruppo in buona armonia, non si e' sviluppato quel clima di amicizia che permette spesso di superare in allegria gli inevitabili disagi.
Personalmente riteniamo che alcune mete, come il Marocco e la Turchia, che vantano ormai una tradizione consolidata di turismo anche plein air, vengano nell'immaginario collettivo considerate piu' semplici di altre meno note e piu' esotiche. Per esempio rimaniamo convinti che un viaggio in Siria e Giordania sia meno faticoso e piu' rilassante di uno in Marocco, sia per i km percorsi che per il clima, mentre comunemente si pensa il contrario. Ci ripromettiamo in futuro, nelle informazioni che sempre mandiamo agli aspiranti partecipanti, di mettere ancor piu' in risalto i disagi e le temperature che si affrontano in estate su queste destinazioni, in modo che poi non ci si trovi in difficolta' ed impreparati durante il viaggio.
Giuseppe e Sara

Viaggio in Marocco
28 luglio - 25 agosto 2001

1°giorno(28/7/01): incontro con il gruppo sull'autostrada nei pressi del confine con la Francia nel pomeriggio e quindi proseguimento.

2° giorno(29/7/01): attraversamento della Francia lungo l'autostrada e proseguimento per la Spagna.

3°giorno(30/7/01): proseguimento del viaggio

4°giorno(31/7/01): arrivo in Marocco in serata, sosta a Ceuta o nelle vicinanze.

5°giorno(1/8/01): Ceuta-Meknes (km.300 circa) , visita di Volubilis e primo giro in città.

6°giorno(2/8/01): passeggiata in città Bab Maansour, il Mausoleo di Moulay Ismail, la Medersa Bou Inania , i souk. Nel primo pomeriggio trasferimento a Fes(km. 60) dove cercheremo di sostare in un campeggio con piscina per rifocillarci un po'.

7°giorno(3/8/01): visita di Fes

8° giorno(4/8/01) : Fes-Meski( km.350 circa).Attraversamento del Medio Atlante attraverso le foreste di cedri arrivo in serata a Meski dove campeggeremo nei pressi della famosa 'sorgente blu'

9°giorno(5/8/01): bagno nella piscina naturale e proseguimento per Erfoud da dove con una pista di circa 37km. raggiungeremo le gigantesche dune dell'erg Chebbi .(km. 100 circa)

10° giorno(6/8/01) : passeggiata sulle dune e giro all'oasi di Merzouga. Ritornando verso Erfoud ci fermeremo per vedere la zona da dove vengono estratti i famosi fossili. Giro per Erfoud alla ricerca dei fossili più belli nei numerosi negozietti e proseguimento verso le gole del Todra (km. 250 circa) Se i tempi lo consentiranno raggiungeremo le gole in serata.

11°giorno(7/8/01): visita delle gole del Todra e delle gole del Dades.(km.120 circa)

12°giorno(8/8/01): Dades-Zagora(km.350 circa). Attraversamento della via delle kasbah e della splendida valle del Draa. Se possibile sosteremo al camping di Zagora dove è possibile rinfrescarsi in una piccola piscina.

13°giorno(9/8/01): Zagora-Tazzarine-Ourzazate(km.350 circa).Riprendiamo la strada per Ourzazate , prendiamo la deviazione per Tazzarine ,lungo il percorso è possibile vedere pitture rupestri risalenti all'epoca preistorica. ( Se il luogo ci affascina potremo sostare a Tazzarine altrimenti proseguiremo per Ourzazate)

14°giorno(10/8/01): sosta ad Ourzazate per riposarci un po', visita della cittadina capoluogo della regione dove è possibile anche trovare qualcosa di simile ad un supermercato. Escursione ad Ait Benhaddou, uno dei luoghi del Marocco più amati dai registi dove sono stati ambientati film come Lawrence d'Arabia e Gesù di Nazareth.

15°giorno(11/8/01): Ourzazate-Marrakech. Trasferimento da Ourzazate a Marrakech attraverso il passo del Tizi-n-Tichka. Prima visita di Marrakesh.(km.200 circa)

16°giorno(12/8/01): giornata interamente dedicata alla visita della città.

17°giorno(13/8/01): Marrakesh-Tafraute (km.390 circa ). Da Marrakesh ci spostiamo fino a Tafraute incastonata tra rocce di granito rosa, da dove è possibile visitare i pittoreschi villaggi della valle di Almen.

18°giorno(14/8/01): Tafraute-Goulimine(km.220 circa). Passeggiata nella zone di Tafraute e proseguimento per Goulimine dove sosteremo in un campeggio gestito da una coppia di Francesi.

19°giorno(15/8/01): se possibile effettueremo un'escursione in 4x4 alla Plage Blanche. Partenza per Akka con sosta da definire.

20°giorno(16/8/01): Foum El Hassan,Akka, Tata. Uno degli itinerari marocchini più incantevoli che sta diventando rapidamente famoso da quando è stata asfaltata la strada che lo attraversa.

21°giorno(17/8/01):Tata-Agadir. Completiamo il circuito e giungiamo ad Agadir.(Goulimine- Agadir compreso il circuito del Tata km.560 circa). Breve giro in città e sosta sulla famosa spiaggia.

22°giorno(18/8/01):Agadir Essauira.Visita di Essauira con il caratteristico porto dove è possibile mangiare all'aperto il pesce cotto al momento, importante centro della lavorazione del legno di tuia, unlegno simile al mogano ricavato dagli alberi di conifere.(km. 210)

23°giorno(19/8/01):Essauira-Safi-Rabat(km.400)

24°giorno(20/8/01): visita di Salè e Rabat, proseguimento per Larache-Asilah

25°giorno(21/8/01):mattinata al mare proseguimento per Ceuta ,imbarco in tarda serata.(Rabat-Ceuta km.300 circa)

26giorno(22/8/01): in viaggio attraverso la Spagna.

27°giorno(23/8/01): in viaggio attraverso la Spagna.

28°giorno(24/8/01): in viaggio attraverso la Francia

29giorno(25/8/01): arrivo a Ventimiglia in giornata ,da qui ognuno proseguirà il viaggio verso casa.

Camper e Giramondo Home Page