Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Tunisia in camper Capodanno 2012
28 dic. 2011 - 6 gen. 2012

Ad un anno di distanza ritorniamo in Tunisia, questa terra ricca di paesaggi e genti che ha visto negli ultimi mesi la cosiddetta rivoluzione dei gelsomini, una protesta spontanea dei giovani tunisini che ha portato alla fine del regime di Ben Alì. La nuova Tunisia ci accoglie se possibile con ancora maggiore cordialità di come la ricordavamo, ed anche se i difficili problemi economici non sono superati, vi è una diffusa speranza di un futuro migliore. Poco turismo, prezzi bassi, carburante ad un terzo del costo di quello italiano favoriscono la nostra vacanza insieme al clima particolarmente mite ed alla simpatia del popolo tunisino.
Torneremo soddisfatti da questo breve giro che ci ha portato a conoscere le principali meraviglie della Tunisia.
Il nostro programma ci porta subito al profondo sud, nell'oasi di Ksar Ghilane dove passeremo il Capodanno, tra palme, dune e sorgenti termali.


Tramonto lungo la strada di Ksar Ghilane.


Il gruppo sulle dune di Smila


L'escursione in quad tra le dune, divertimento assicurato

Dal deserto ci spostiamo nella zona dei villaggi berberi per apprezzare le particolari architetture usate dai berberi diventati stanziali: ghorfas, case sotterranee, camere scavate nella roccia.


Antica ospitalità in una casa di Matmata: tè alla menta e pane con olio e miele.


Si contrattano tappeti a Tujoune


Il gruppo sale al villaggio abbandonato di Doiret


La moschea scavata nella roccia di Doiret

Attraverso il lago salato ci spostiamo a nord, per visitare Tozeur e le oasi di montagna.


Ci siamo attardati ed arriviamo al lago salato al tramonto. E questo luogo magico ci regala colori e sfumature che non avevamo mai visto


Un canyon della zona di Tamerza

Si ritorna verso Tunisi, ma senza tralasciare le belle rovine romane a Sbeitla e la città santa di Kairouan.


La porta di Antonino Pio ed il Campidoglio di Sbeitla


Vista notturna della grande moschea di Kairouan

E' stato un giro rapido, ma l'ospitalità tunisina, gli splendidi paesaggi, il clima mite ed un gruppo simpatico e pieno di interesse ci hanno lasciato un ricordo indelebile di questo inizio 2012.