Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Turchia Est – 4-29 agosto 2009

Vedi anche foto e diario di viaggio di Lia Righi

 

Per questa vacanza ci siamo posti un obiettivo ambizioso e a quanto pare erano molti coloro che aspettavano la nostra proposta, perché il nostro è il terzo gruppo che Camper e Giramondo riesce a formare nei mesi di luglio e agosto. Perciò, partiamo verso le regioni più remote della Turchia, dove solitamente il grande flusso turistico non giunge. Ecco l’itinerario:

Tour

Tour Turchia_Est

Dopo la traversata in nave da Ancona a Igoumenitza, traversiamo rapidamente la Grecia e giungiamo a Istambul, la porta sull’Asia, dalla storia millenaria. Due giorni sono troppo pochi per gustare appieno l’atmosfera di questa città unica, ma l’oriente ci aspetta, e noi abbiamo fretta di arrivare.

Medusa Testa della Medusa nella Moschea Cisterna a Istambul

La prima tappa è Ankara. Anche qui la sosta è breve, perché ci aspettano il Tuz Golu (lago salato) e le chiese rupestri della valle di Ilhara, prima di arrivare ai magici scenari della Cappadocia.

Ankara Vista di Ankara dalla città vecchia

Tuz Golu Passeggiata sul Tuz Golu

Ihlara Valle di Ihlara

Goreme Valle dei piccioni a Goreme

Balloon Mongolfiere a Goreme

Il Nemrut Dagi ci dischiude i suoi tesori, come il tumulo funerario di Antioco I Commagene.

Nemrut Dagi Tramonto sul Nemrut Dagi vicino a Kahta

Un po’ più in là, l’omonimo Nemrut Dagi ci accoglie invece con la sua caldera e i suoi cinque laghi, oltre che con un panorama mozzafiato sul lago Van.

Camper sul lago

I nostri camper nella caldera del Nemrut Dagi di Tatvan

Dopo un breve contatto con un vero gioiello dell’architettura armena, come la Chiesa della Santa Croce dell’isola Akdamar, sul lago Van, giungiamo alle pendici del maestoso monte Ararat, ai cui piedi possiamo deliziarci con le singolari architetture dell’Ishak Pasha Saray e venire a contatto con realtà molto diverse dalla nostra. Non ci facciamo mancare ovviamente l’impronta dell’Arca di Noè!

Giornale turco Il nostro arrivo non passa inosservato, meritiamo una pagina nel giornale turco

Akdamar Chiesa armena della Santa Croce sull'isola di Akdamar

Ararat Ai confini con l'Iran con l'Ararat sullo sfondo

Camping Murat Salita verso l’Ishak Pasha Saray a Dogubayazit

Lasciata Dogubayazit ci lasciamo incantare dalla visita di Ani, l’antica capitale dell’Armenia: ciò che rimane della poderosa città murata cattura gli occhi, la mente e il cuore.

Ani Sito archeologico di Ani nei pressi di Kars

Dopo l’Armenia è ora la Georgia che ci mostra i suoi tesori, purtroppo negletti: le sue grandi e belle chiese, situate in luoghi spesso difficilmente accessibili, ma incantevoli, sono molto trascurate.

Yusufeli Chiesa georgiana presso Yusufeli

Il grande est si è quasi completamente svelato ai nostri occhi ed è giunto il momento di arrivare al mare. Trebisonda, il monastero di Sumela, le località balneari: è ancora un’altra Turchia quella che si apre davanti a noi.

Sumela All'interno del Monastero di Sumela

L’ultima tappa ci porta ad Hattusa, con le sue millenarie rovine della civiltà hittita.

Hattusa Porta dei leoni ad Hattusa

Adesso il nostro viaggio è davvero concluso, e non ci resta che prendere la via del ritorno.

Lia e Antonio