Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Il mio diario.


Questo e' il mio diario del viaggio in Iran appena fatto, che ho vissuto e percepito insieme alle mie emozioni e sensazioni: in poche parole, quello che un lungo viaggio presenta ad ognuno di noi .











QUELLI CHE …....................IN IRAN.........................DI TUTTO DI PIU'

Dal 14 Maggio 2010 al 29 Giugno 2010


In 11 camper, 21 persone, come una grande famiglia in vacanza, abbiamo lasciato la nostra terra, sbarcando a Igumeniza e attraverso i colori ed i profumi della GRECIA e le montagne incantate dei territori magici della TURCHIA, siamo entrati in IRAN.


Qualcuno è arrivato in questa nazione con un po' di apprensione e qualcuno, come noi, con tanta curiosità, nei confronti di un paese, decantato da molti, non sicuro, e per tanti ancora perfino pericoloso.


Niente di tutto questo, perchè al contrario, abbiamo trovato una popolazione molto civile; l'accoglienza poi non ne parliamo proprio, tanto che ovunque passavamo, sia in camper che a piedi, avevamo intorno a noi “ovazioni da stadio”!



Venivamo attorniati da giovani, anziani, donne e uomini che volevano farsi

fotografare con noi ( sembravamo celebrità dello spettacolo!!!!). Tutti gli occhi e le attenzioni erano per noi , tanto

che alla fine del viaggio ,ci siamo sentiti un po' oppressi da tutte queste attenzioni.


Questo è la dimostrazione di affetto che le popolazioni Iraniane ci hanno regalato unitamente alla loro ingenua semplicità!


I territori ci hanno presentato la parte migliore delle loro magiche meraviglie di tempi remoti e la natura ci ha offerto il tutto del suo niente.


I paesi, i piccoli villaggi senza tempo, le grandi città, i siti leggendari, le moschee incredibili ci hanno aperto le loro porte, sul poco e sul tanto, sul bello e sul meno, su antiche memorie arcaiche,ed in fine sulla presente realtà dei giorni nostri.


Insieme ci siamo immersi nel loro modo di vivere e di pensare, specialmente noi donne che abbiamo portato sopra di noi ( io in particolare un po' meno) le loro usanze mettendo il velo e coprendoci il più possibile.


Sempre insieme, abbiamo saltellato migliaia e migliaia di volte sui dossi di tutte le strade percorse: ci siamo districati a fatica nel caotico e vorticoso traffico e soprattutto ci siamo difesi dall'assalto di ogni tipo di mezzo che ci arrivava da tutte le parti.


Insieme abbiamo risolto i tanti ed immancabili problemi sia tecnici che di percorso ( meno uno purtroppo che si è dovuto fermare per un guasto): abbiamo salito le alte montagne, lassù dove osano le aquile: abbiamo respirato, emozionandoci, gli odori di civiltà remote nei tantissimi siti e cercato di immaginare come fosse stato il ritmo della vita in quei tempi.


Ancora insieme ci siamo affacciati sulla porta dell'inferno, quando il caldo soffocante ci ha investito senza pietà,fino a renderci simili a “zombi” in movimento: il grande calore ha reso i nostri camper infuocati, intoccabili in ogni sua parte ed i frigoriferi pronti ad esalare l'ultimo respiro!


Sempre insieme, abbiamo gioito, quando nelle grotte di “Alisar” , su traballanti barchette, ci siamo rigenerati, per 2 ore, in un magico fresco surreale.


Le grandi città più importanti, si sono presentate a noi come : TEHRAN la capitale, città moderna in tutto il suo splendore, un'affascinante varietà umana e a buon diritto il grande, caotico e dinamico cuore pulsante del paese.


KASHAN: un'oasi ai margini del deserto; un bel bazar, edifici d'epoca “qagiara” e un'atmosfera magnificamente rilassata.


YAZD: un'antica foresta di “torri del vento” e vicoli tortuosi, piena di romantici alberghi e ristoranti.


ISFAHAN: detta “La metà del mondo” con le sue imponenti moschee, ponti incantevoli, giardini lussureggianti e la sublime piazza “IMAM SQUARE”.


PERSEPOLI: La maestosità, la potenza e la grazia degli Achemenidi, radunata in uno dei più bei siti archeologici del mondo.


SHIRAZ: cuore della cultura persiana, bella da visitare, ma con il primato del caldo!!! (si sono sfiorati i 50 gradi!!!)


CHOQA ZANBIL: Rara “zippurat” che da 3000 anni domina la zona semidesertica fra le città di SHUSH e SHUSHTAR.


Ora a conclusione di tutto, non mi resta altro da fare che ringraziare tutti i compagni di questo viaggio che con noi hanno condiviso i momenti più salienti, le varie decisioni, i nervosismi, le apprensioni e tutti i momenti di sana allegria.


Per tanto vi salutiamo caramente, grazie di tutto insieme a gli auguri più sinceri che la vostra vita e i vostri viaggi futuri, siano sempre al meglio di ogni prospettiva: spero in fine che in un angolino dei vostri ricordi più cari, ci sia un piccolo posto anche per noi, che siamo stati insieme a voi, gli artefici di un bellissimo viaggio nel paese dove tutto è niente e dove tutto è di più!!!!


Grazie di cuore, Grazia e Ademaro.

Camper e Giramondo Home Page