Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Dalla Costa Azzurra alla Costa Brava via Camargue e Lingua doc

(con rientro tortuoso costeggiando Tirreno e Adriatico - Ottobre Novembre 2003)

di Sandro Prian

 

PREMESSA

Si tratta di un viaggio a obiettivi limitati. Si vuole visitare seriamente le coste del tirreno prima a ovest, costa azzurra, camargue, lingua doc, costa brava e poi dal lato est, Liguria Toscana e Lazio.

Tempo previsto 30 giorni, mete particolari nessuna. Periodo Ottobre-Novembre 2003

itinerario camargue

 

DIARIO di BORDO

Mercoledì 8 Ottobre Km 208

Partiamo da casa poco convinti. La moglie costipata con qualche linea di febbre. Prendiamo tempo facendo un giro ampio.

Per primo andiamo a Bergamo all'iper ORIO al SERIO mangiamo in parcheggio visitiamo i vari negozi e facciamo spesa. La spesa fatta consiste in un set di tre coperchi con manico laterale tali da non generare ingombro nei scaffali del camper, da notare che ogni singolo coperchio a seconda da che lato lo si usa, sfruttando le apposite scanalature circolari di incastro copre tre diametri (per esempio 14, 16 e 18)

Nel pomeriggio scendiamo via Crema fino a Lodi dove vive una delle nostre figlie. Facciamo visita, e la moglie riposa.

Giovedì 9 Ottobre Km 138

Alle 8 colazione dalla figlia e alle 9 visita al negozio Media Word. Sono sempre alla ricerca di una TV colori a 12 volt economica.

Mangiamo sempre a Lodi, saluti alla figlia e partenza per la Liguria.

Non facciamo molta strada, punto su S. Angelo lodigiano e vado a Stradella per collegarmi alla SS.10, seguo Voghera, Tortona, Novi Ligure ed a Ovada mi fermo.

C'è una ottima area di sosta con acqua e scarico ben segnalata all'inizio del paese. Con grande sorpresa trovo una ventina di camper perché c'è un raduno di camperisti organizzato da LA GRANDA.

Mi aggrego e mi fermo per la notte.

Venerdì 10 Ottobre Km 292

Approfitto per scaricare e fare acqua. L'area di sosta di Ovada è funzionale.

Partenza per il mare (Voltri), strada stretta ma bella. Sorpresa quando arriviamo al passo del Turchino in quanto la galleria è alta 2.75 mt. Per fortuna c'è un ingresso autostradale a Masone, subito dopo Novi ligure, per cui entriamo in autostrada per uscire Savona Vado ligure. Voglio costeggiare il mare lungo la statale: Spotorno, Noli e Finale Ligure dove mi fermo nell'area sosta per camper per mangiare in riva al mare.

(costo 5 euro anche se mi sono fermato solo 2 ore)

Procediamo lungo la costa nel pomeriggio per Albenga, Alassio, Diano marina (Oasi park per canper ben segnalato e a pagamento) Imperia (park per camper sul molo). Prima di S. Remo rientriamo in autostrada per la Francia.

Trovo molto traffico soprattutto in Francia dove ci sono lavori in corso. Supero Monaco e Nizza e Cannes ed esco a Frejus. I costi autostradali francesi sono esorbitanti (19 euro), se uscite a Frejus est, (St Raphael), risparmiate 4 euro.

Ci fermiamo per dormire dopo 15 Km di statale a Le Muy, che è un bel paese da visitare, ci siamo fermati all'ingresso del paese venendo da Frejus nel parcheggio del mercato Casino (con distributore). Molto ampio e si vede dalla statale.

Sabato 11 Ottobre Km 144

Dopo aver fatto la spesa al supermercato siamo partiti lungo la statale. A Le Luc abbiamo girato sulla SS 97 per il mare.

A Cueres abbiamo girato per Hyeres. Arrivati al mare siamo andati a Gient in punta alla penisola dove partono le navi per l'isola di Porquerolles. Niente di speciale tranne il fatto che si può parcheggiare il camper a pagamento e visitare l'isola a piedi.

Ritornati verso la laguna abbiamo mangiato sulla riva guardando i fenicotteri.

Il pomeriggio abbiamo viaggiato lungo il mare per Carqueranne e poi Toulon. Attraversata la città (sabato pomeriggio!!) abbiamo costeggiato fino a Sanary e poi siamo tornati un po indietro sulla penisola fino al porto di Le Brusc dove abbiamo trovato da dormire sul molo con altri camper

Domenica 12 Ottobre Km 106

Partenza per Marsiglia alle 9.00 Passato Sanary, porto di villeggiatura ma anche di pescatori, bello ma con pochi parcheggi. Passiamo Bandolo, sempre turistico ma con più parcheggi. Troviamo un mercatino di roba usata, un banco di pesce dove comperiamo il pesce per questa sera, ed un mercatino di frutta e verdura. Prezzi molto cari ma credo se ne approfittino per il turismo e per la domenica. A Bandolo, prima di entrare ci sono ottimi parcheggi lungo la riva del mare per chi ama fare i bagni e prendere sole.

Passiamo Ciotat e ci fermiamo a mangiare in pineta a Cassis.

Tra Cassis e l'ingresso a Marsiglia c'è una bella strada su un altopiano con numerose aree di parcheggio ombrose sotto pini per pranzare, come al solito ci si ferma sulla prima e poi se ne trovano di migliori.

Procediamo per l'attraversamento di Marsiglia che volutamente facciamo nel centro e nel lungo mare. Si passa un viale infinito con infiniti semafori fino ad arrivare alla piazza con una colonna-monumento centrale. per uscire a nord lungo la costa si procede per la Grande Litoranea. Non ci siamo fermati, ma nella zona subito dopo il monumento a colonna più che in Francia sembrava di essere in Marocco.

Passato St. Louis, l' Estaque, e la Rove si scende al mare a Carry poi a Sausset fino a Carro dove finisce la strada sul molo del faro. A questo punto si nota in cima al molo un camper service con parcheggio a pagamento (4.6 e) per almeno 60 camper. E' in riva al mare sugli scogli, posizione migliore per lavare e cucinare il pesce non si poteva trovare.

Essendo porto di pescatori al mattino dalle 8.30 alle 12 c'è pure il mercato del pesce, per cui non so se domani me ne vado o mi fermo, tutto dipende dal prezzo del pesce.

Lunedi 13 Ottobre Km 0

Dopo aver visto il mercatino del pesce fatto dalle barche dei pescatori che arrivano al porto, e dopo aver visto i cefali da 8 etti a1 euro al pezzo, abbiamo deciso di fermarci.

Pranzo a base di cefali alla piastra, cena a base di cefali, in pratica abbiamo fatto il pieno di pesce.

Ottima la passeggiata fino al faro di Capo Couronne, si passa una bella spiaggia lungo il mare e delle scogliere da foto. A Capo Couronne si può andare anche in camper, ci sono ampi spazi e piccola spiaggia per pernottare, si è un pò isolati.

Martedì 14 Ottobre Km 79

Partenza da Carro per Martigues. Visita al Market e poi avanti per ss 568 direzione Fos- Arles. Dopo Fos , a Ventillon, giriamo verso Port St Louis. E' tutta zona industriale con fabbriche e raffinerie e depositi metalliferi. Vi sono vari terminali per attracco navi e depositi di petrolio senza fine. Mi sento molto nel mio ambiente anche l'odore dell'aria mi ricorda i miei 35 anni di petrolchimico.

Arrivati a Porto St Louis ci dirigiamo verso la punta estrema però a fine del paese troviamo una Area Attrezzata con acqua e scarico gratis e posto camper ombreggiato in riva al mare dove ci fermiamo a mangiare.

Nel primo pomeriggio ritorniamo sui nostri passi per andare a Salin de Giraud. Bisogna attraversare il Rodano (traghetto 4 euro). Arrivati al paese fiancheggiamo ancora il rodano dalla parte opposta (S.D36D). Ci fermiamo alle saline, visitabili, che sono infinite. Penso che i suoi depositi possano soddisfare l'intera europa per almeno un anno. C'è pure un trenimo (5 euro) che fa il giro delle saline.

Procediamo fino alla fine della D36D fino ad arrivare alla fine in riva al mare a Plage de Piemanson dove troviamo numerosi camper dispersi anche sull'arenile, gente appassionata di mare e di surf e di pesca,. Decidiamo di fermarci anche perché sulla laguna si vedono un centinaio di aironi che ci fanno compagnia.

Mercoledi 15 Ottobre Km 100

Partenza dalla Plage de Piemanson (ma che altre carte chiamano Plage de Arles) dopo aver dormito tranquilli ed aver visto un' alba sul mare.

Ripassiamo per le saline di Giraud e arrivati in paese giriamo a sinistra verso le Salins du Midi.

All'inizio di questo secondo paese c'è la Plaza de Toros (festa il 18 Ottobre) alla fine del paese c'è una area attrezzata con scarrico ed acqua proprio dietro i pompieri.

Procediamo per la strada asfaltata che porta a Faraman (attenzione alle indicazioni). A Faraman inizia una strada sterrata, bella e ampia (sulla sinistra quando si arriva) che porta al faro di Beaduc, (segnalata come sentiero ma ben praticabile perché al faro c'è un ristorante). Merita fare quella strada, anche se dopo si dovrà ritornare indietro, solo per vedere i fenicotteri da vicino. Fermato il camper sui bordi, dopo alcuni minuti venivano a pochi metri sulla riva. Non si può fare l'anello completo fino a St. Bertrand per cui si torna parzialmente indietro e si prende la laterale asfaltata per La Belugue (l'unica che c'è).

Da li si attacca la D36D e si va a St, Bertrand, le Salin de Bodon, Fielouse, lungo la C134 fino all'apice a Villenueve.

Lungo la strada si trovano dei belvedere ma non sono molto validi.

Da Villenueve si va a ovest verso la statale d570 che porta a St. Maries de la Mer. a Mas de Pioch prendiamo una laterale che costeggia la statale, più interessante, la D85a.

Arrivati a St. Maries passiamo il centro proprio nel momento in cui stanno uscendo dall'arena. Troppo tardi. La prossima e ultima rappresentazione sarà il giorno 29 Ottobre.

Ci ritiriamo nell'area per camper attrezzata, per 6 euro 24 ore, dopo aver fatto una passeggiata per il centro. Io ero già venuto anni or sono ma oggi St. Maries è diventato un paese troppo turistico.

Giovedi 16 Ottobre Km 23

Passeggiata al centro di St. Maries, visita alla chiesa del 1200 che merita ed acquisto di vino sfuso a 1.4 euro al litro, non male ma credo si possa trovare meglio, e a meno, in campagna.

Dopo aver pranzato partenza per Aigues Mortes per una stradina a ovest della statale , la D38 in mezzo alla palude. a Bac du Sauvage si deve traghettare per andare nell'altra sponda del piccolo Rodano (gratis ogni mezzora). Si procede per la D85, sempre in mezzo alle paludi fino ad incontrare la D58 a Sylvereal.

Prima di entrare ad Aigues Mortes troviamo due grandi supermercati dove facciamo spesa. Ad Aigues c'è una area di sosta che si trova al di la del canale, di fronte alle mura della città, ben segnalata. Il parcheggio mi risulta gratis (fuori stagione) ma l'uso del carico/scarico è a gettone. Non chiedetemi dove si compera il gettone. Un giro in città merita anche se ormai il turismo l'ha trasformata, in compenso c'è una festa in corso e domani c'è una specie di corrida alle 6 di sera. Non penso di fermarmi anche se qui le corride non sono cruente (per il toro) si limitano a levare una coccarda messa tra le corna del toro.

Il parcheggio gode di una ottima vista sulle mura illuminate del paese, quelli del comune passano al mattino verso le 9 e chiedono 5 euro

Venerdi 17 Ottobre Km 32

Il tempo non è bello, pioviggina, quindi decidiamo di muoverci poco, solo nei dintorni. Andiamo a visitare Le Grau du Roi circa 10 Km in riva al mare. Si tratta di un porto grande con relativa città, e supermercati adeguati. Troviamo in centro due aree per camper, una di fronte all'arena a pagamento ed una vicino al cimitero non a pagamento, entrambe con possibilità di carico e scarico. Sfruttiamo l'occasione poi andiamo ad appartarci verso il faro dell' Espiguette, ci piace mangiare isolati in mezzo agli aironi ed ai cavalli. Nel pomeriggio ritorniamo ad Aigues Mortes perché c'è una festa con i tori. Arriviamo tardi e vediamo solo i tori che se vanno. Ci ritiriamo dopo aver visto tutte le giostre (piuttosto antiquate) arrivate per la festa.

Sabato 18 Ottobre Km 116

Da Aigues Mortes siamo scesi verso le Grau du Roi senza entrare, girati a sinistra per la Grande Motte. Attraversata la Grande Motte (non è interessante) si è proseguito per il lungomare che offre sia belle spiagge sia ampi parcheggi.

Si è passato Carnon e Palavas dove c'è una area attrezzata sul porto.

Andiamo a visitare la basilica del XII sec. di Maguelone (da Palavas lungo il mare). Tornando indietro costeggiando la laguna passiamo per Villenueva dove esiste una seconda strada per andare alla basilica di Maguelone alla fine della quale c'è un ottimo parcheggio adatto anche per i camper.

Ritorniamo a Villenueve e costeggiamo la laguna. Passiamo Sete (che già conosco) per la zona lungo il mare (Plage le Crniche), bella da vedere e poi percorriamo i 12 Km di molo con le onde del mare che arrivano fino in strada. E' un peccato non potersi fermare perché la spiaggia è veramente bella ed abbordabile.

Arrivati a Merseillan Plage troviamo un mercatino dell'usato (tutti i sabato e domenica) niente di speciale anche perché in Francia nei mercatini portano a vendere veramente roba vecchia ma tanto vecchia che non vale veramente niente.

Procediamo per Agde e giriamo per Le Cap Adge dove troviamo un grande parcheggio con svariati camper che dal 15 settembre è aperto senza barriere.

Fatto il giro del paese (molto turisticizzato), che è un grande porto, acquistato un pò di verdura (prezzi cari e poca roba) ci si ritira a giocare a carte e poi a dormire.

Domenica 19 Ottobre Km 94

Si ritorna in statale ma si decide di fare una giornata passando tutte le stradine meno conosciute con l'obiettivo di costeggiare il mare.

Ci perdiamo subito a La Tamarissiere in un vicolo cieco in riva la mare..

Ritorniamo sulla n112 e lasciamo dopo 3 Km per Vias Plage poi Portiragnes e poi Villenueve e Serignan ed infine Valras Plage. I panorami sono monotoni, palude e vigneti infiniti, ogni fattoria vende vino. Da Valras andiamo a Grau de Vendres dove finisce la strada in un porto di pescatori con vendita di crostacei anche alla domenica. Purtroppo non c'è il ponte che speravo per cui si risale il canale Aude lungo la sua sponda sinistra. Dopo pochi Km trovo un ponte non segnalato nelle carte e passo l' Aude nei pressi di Pageze (due case di campagna ma che vendono vino).

Si arriva a Fleury e si ridiscende a mare per la bellissima D1118. A metà strada ci sono dei parcheggi favolosi in mezzo alla pineta dove raccogliamo funghi per la sera, (per gli intenditori: Amanita Ovoidea, Russula Grisea, Boletus Scaber, Amanitopsis Umbrinolutea) in equa quantità. Passiamo Narbonne Plage e continuiamo lungo il mare fino a Gruissan. In questa tratta ci sono dei lungomari favolosi per i bagni. Facciamo scarico e carico a Gruissan Plage (ci sono molti camper ma si è isolati e tira vento forte). Torniamo a Gruissan paese e ci fermiamo in un parcheggio in riva al canale.

Lunedi 20 Ottobre Km 47

Girando per Gruissan ho trovato il camper service in riva al porto, è bello e gratuito in Ottobre, solo che è mal segnalato.

Lasciamo il paese per andare a Narbonne. In pratica non ci siamo arrivati perchè c'è una periferia talmente ricca di ipermercati di tutti i tipi che abbiamo perso tutto il giorno tra un supermercato ed unan'altro.

Poiché c'è il sole andiamo alla area attrezzata alle saline, ben segnalata ed in riva al mare liberi di aprire tavolino e parabola per vedere un pò di TV italiana (solo Rai 1 perché manca segnale in analogico) ma soprattutto per cucinare con la piastra una fetta di coscia di maiale, cotica compresa, tipica di queste parti.

Notte movimentata dal vento. Ripescata la parabola a pochi metri dal camper, pari alla lunghezza del cavo.

Martedi 21 Ottobre Km 94

Partenza da Gruissan per Narbonne, evitati i centri commerciali siamo ripetutamente passati per il centro senza trovare adeguati parcheggi. Prendiamo la N9 per Perpignan. Dopo 3 Km, passata la autostrada cambiamo itinerari per costeggiare la laguna di Bagesprendendo la D105. Passiamo Bages e ci fermiamo a mangiare a Peyriac de Mer. Sono due paesi genuini poco trasformati dal turismo.

Rientriamo sulla N9 per uscirne poco dopo per vedere la riserva africana (tipo zoosafari) a cui rinunciamo per i costi elevati (19 euro x pers.). Puntiamo su Sigean per andare al mare a Port la Nouvelle.

Visitiamo il paese ed il porto che è una grande zona industriale. C'è una zona vecchia bella, ed una orribile zona nuova a base di bassi condomini estivi.

Procediamo per La Palme (sempre sulla N9) per poi uscire verso Leucate. La laguna di Leucate è quasi interamente adibita all'allevamento delle ostriche, il resto è monopolizzata dagli appassionati di wind surf (che sono molti e molto giovani).

Tra Leucate Plage e Port Leucate, subito dopo il ponte che collega la laguna al mare, c'è una area attrezzata non segnalata, tranquilla, gratuita, con scarico e carico. Ci sono quattro camper e decidiamo di passare la notte.

Mercoledi 22 Ottobre Km 68

Partenza sempre lungo la costa. Visitiamo Port Leucate andiamo verso il Water Park, ovviamente chiuso, ma sul cui retro si aprono delle spiagge enormi e libere.

Dopo pochi Km visitiamo Paquebot Lydia (l'incrociatore insabbiato nel 63 e trasformato in museo e discoteca)

Di seguito Port Barcares e Le Barcares dove ci fermiamo a mangiare .

Procediamo per Canet Plage e St. Cyprien Plage ma vengono a mancare le Aree di Sosta per camper per cui continuiamo fino a Argeeles Plage dove, proprio sul porto troviamo uno slargo dove poterci fermare e dormire con altri tre camper e fare un partita a bocce.

Domani affronteremo la costiera.

Giovedi 23 Ottobre Km 81

Oggi si prevede una giornata a guida impegnativa. Partiamo da Argeles Plage dove abbiamo dormito e ci immettiamo subito sulla SS.114 , passiamo Port Vendres dopo di che iniziano i tornanti.

Si tratta di una sessantina di Km sulla scogliera con vista panoramica sul mare, unica. Nella parte francese la strada e bella, larga e nuova; La Carretera de la Costa spagnola un pò meno, non c'è comunque problema per qualsiasi camper.

A Colera, un porticciolo spagnolo in riva al mare ci fermiamo a mangiare.

Nel pomeriggio continuiamo lungo la costa fino a Llansa dove lasciamo la SS.252 (ex SS.114 francese) per andare verso la punta della penisola, a Cadaques.

Questo paese merita una visita. La parte vecchia molto caratteristica, calli strette, piene di fiori, tutte le case bianche. Una chiesa con un altare barocco unico per fantasia e grandezza. In paese è vietato girare in camper, io l'ho fatto ma ve lo sconsiglio perché non è possibile comunque muoversi al di la del lungomare. C'è un ottimo park all'ingresso (11,5 euro x 24 ore oppure 5.6 euro per la notte)

Venerdi 24 Ottobre Km 91

Partiti da Cadaques al mattino. Rifatto alcuni Km indietro sulla GI614 per prendere il bivio per Roses.

A Roses abbiamo costeggiato fin oltre il faro ma ci sono troppe case e pochi parcheggi a mare per cui ritorniamo, sempre lungo il mare, in un rione a ovest: St. Margarida da Salatar. In questa frazione troviamo un mercato municipale coperto. Qui effettivamente è tutto meno caro per cui dal mercato siamo usciti con del prosciutto crudo tagliato a mano, del baccalà appena fritto, tre polipi per questa sera, e due bottiglie di wiskey (burbon che piace a me).

I prezzi, mediamente al 50% ma nella carne anche meno.

Ovviamente ci fermiamo a mangiare quanto comperato anche se sono le 11 del mattino.

Procediamo su una bella strada la C260 e dopo aver visitato uno stand di terracotta, vasi, piastrelle ecc.., ci fermiamo in un LiDL per fare confronti con i prezzi in Italia. Ne usciamo con un carrello di bottiglie di vino una diversa dall'altra (prezzo medio 0.7 euro)

Dopo pochi Km lasciamo la C260 per andare a St. Piere Pescadores e da li, attraversato il fiume El Fluvia, costeggiamo verso L'Escala per una stradina asfaltata ma non segnalata. Moltissimi i campeggi molti chiusi, finché arriviamo in prossimità di L'Escala alle rovine romane di EMPURIES. Ottimo il parcheggio, 2.4 euro la visita. Molto belli il pezzo di mare di fronte alla rovine che era un vecchio porto romano.

Visitiamo L'Escala che dice poco, merita invece il promontorio di Cala Montgo, soprattutto la baia a sud (Cala Montgo) dove ci si potrebbe fermare a dormire ma la moglie non vuole.

Lasciamo L'Escala e per la GI632 andiamo prima a Bellcaire ed all'incrocio con la C31 andiamo a Torroella passando per Ulla e direttamente al mare a L'Estartit.

Parcheggiamo proprio di fronte alle isole Medes, gli spazi sono ampi e ci sono altri camper fermi come piace a mia moglie.

Passiamo alla cottura dei polipi mentre assistiamo ad una gara di bocce seria tra una comitiva di francesi.

Sabato 25 Ottobre Km 64

Partiti dall' Estardit verso Torroella, a metà strada troviamo un ottimo supermercato con un nome strano, nel parcheggio un mercatino di robe usate (oggi è sabato) per cui ci fermiamo.

Facciamo acquisti vari tra cui dell'ottimo vino sfuso a 1.4 euro e del pesce piccolo da friggere.

A Torroella prendiamo la C31 per Cap De Begur. Appena iniziata la statale troviamo un ottimo parcheggio con panchine in una pineta dove ci fermiamo a friggere il pesce. Dopo il pisolino procediamo per Pals e Regencos fino a Begur.

A Begur scendiamo verso sud verso Fornells fino a Platja Aiguablava . Ci sono dei panorami meravigliosi e delle discese da brivido.

Procediamo per Tamariu lungo la costiera fino al faro di Sant Sebastia. Per fortuna non si deve tornare indietro perché le pendenze arrivano al 35%.

Al porto (Calella de Palafrugell) ci sono dei bei spazi ed anche dei camper fermi, ma sembra di essere al centro di una città e non fa per noi.

Ci spostiamo all'interno verso Parafugell per una stradina in mezzi al bosco (GIP 6543) ovviamente per raccogliere funghi (è il momento dei lattari rossi da pineta). A Parafugell riprendiamo la statale C31 per Palamos. Arrivati a Palamos ci spostiamo fuori paese a Platja D'Aro dove optiamo per andare in campeggio proprio in riva al mare, è il primo campeggio che facciamo dopo 17 giorni.

Domenica 26 Ottobre Km 113

Partenza dal campeggio (15 euro) per Sant Feliu de Guixols.

Una volta arrivati siamo scesi al porto e poi abbiamo costeggiato il promontorio. La scogliera è bella, le rocce sono rosa come quelle di Arbatax in Sardegna solo che tutto viene rovinato da costruzioni invasive a più piani, dei veri condomini.

I migliori angoli e le migliori visuali sono monopolio di Hotel o Centri turistici.

Lasciamo Sant Feliu per andare a Tossa lungo la strada costiera GI682 che un camperista deve fare per conoscere la Costa Brava. Sono 21 Km di sali e scendi a strapiombo sul mare (strada bella) con piccole insenature, scogli e le immancabili strutture turistiche anche se più rade.

A Tossa de Mar conviene fermarsi per guardare il promontorio con il castello.

Lasciamo Tossa dopo aver mangiato per andare a Llagostera per la GI681 all'interno in mezzo ai boschi..

Da Llangostera andiamo a Girona con la C65 che è il capoluogo della regione.

La città è grossa ma la giriamo tranquillamente passando anche per il centro in quanto oggi è domenica ed il traffico è limitato.

Da Girona prendiamo la N11 per andare a fermarsi a Figueres. Troviamo un bel parcheggio , con altri camper, vicino al Parc Bosc Municipal (giardini pubblici con annessa area sportiva).

Lunedì 27 Ottobre Km 87

Al mattino visita alla città . Purtroppo, di lunedì, il museo è chiuso e non possiamo fermarci un'altro giorno. La città ha un bel centro pedonale con una caratteristica cattedrale del XIII secolo.

Ritorniamo in parcheggio che troviamo pieno , per ripartire verso la Francia.

Seguiamo la statale N11 per La Jonquera. Da questo paese fino al confine è un continuo mercato di generi vari. Se ci fosse parcheggio mi fermerei.

Scesi in Francia a Le Boulou c'è una buona Area per Camper dietro al cimitero per cui ci fermiamo a mangiare e fare acqua.

Dopo varie chiacchere con un camperista italiano diretto in Marocco, partiamo per Perpignan.

Attraversiamo tutta la città, anche il centro per vedere il castello ed il ponte. Procediamo poi a nord verso Rivesaltes, visita ad un supermercato per poi andare verso il mare via Port Barcares per fermarsi subito dopo Port Leucate dove ci eravamo già fermati in precedenza.

Martedì 28 Ottobre Km 210

Dopo aver caricato e scaricato partenza per Narbonne. Lungo la strada, prima della fine della laguna a sinistra e verso la laguna, si trova una seconda aerea di carico e scarico e parcheggio. Alla fine della laguna rivedo quell'assembramento (giovanile) di circa 50 camper di appassionati di windsurf.

Arrivati a Narbonne periferia facciamo acquisti ai vari supermercati cambiando marca per fare confronti e visionare differenti prodotti.

Procediamo per Carcassone (circa 60 Km) dove arriviamo verso le 12 giusto per mangiare, sotto le mura c'è un parcheggio a pagamento (5 euro) dove ci si ferma senza limiti di tempo.

L'interno delle mura è deludente in quanto non esiste spazio che non ci siano in vendita stupidate per turisti, il resto dello spazio è occupato da bar e ristoranti, ciò nonostante ci sono degli angolini degni di attrazione fotografica.

Visitato Carcassone ho avuto la masochistica idea di andare in montagna a Mazamet (la D118) in autunno con la nebbia. Posto da funghi meravigliosi, li vendevano per strada, ma si è visto poco.

A Mazamet prendo la N112 per St Pons De Thomieres, bel paese dove mi sarei fermato se in quel bel parcheggio non ci fosse stato il mercato l'indomani (mercoledi) mattina.

Altri 20 Km verso Bezieres per la N112 e mi fermo a St. Chinian su un parcheggio super tranquillo in riva al torrente , illuminato con tre case vicino in direzione cimitero.

Mercoledì 29 Ottobre Km 184

Pioggia di notte ma bello di giorno e non è freddo (11 gradi la minima notturna). Si parte da St Chinian e sempre per la N112 si arriva a Bezieres

Ci perdiamo nell'enorme periferia fatta di supermercati e capannoni vari per poi puntare su Pezanes (strada N9). Visitiamo il paese che ha una zona storica antica notevole, si tratta del paese dove Molier fece importanti rappresentazioni.

Mangiamo su un ampio parcheggio gratis a 300 mt dal centro.

Nel pomeriggio ci avviamo sulla N113 per Montagnac e Meze (in riva alla laguna) dove tutti i negozi vendono ostriche e conchiglie di vario genere.

Puntiamo su Monpellier senza entrare, con obiettivo Nimes.

Arriviamo a Nimes in tempo per visitare la parte storica e l'isola pedonale. C'è un anfiteatro romano un tempio ed un portale del 1^ secolo ante cristo. Non sono all'altezza di Pola o di Verona ma sono molto interessanti (vedremo domani Arles).

Ci fermiamo in un viaolone enorme a doppio senso con parcheggio centrale (Avenue Jean Jaures) dove si parcheggia gratis. L'unico problema sarà la rumorosità.

Giovedì 30 Ottobre Km 138

Lasciato Nimes al mattino per Tarascona, solo dopo essere saliti a nord abbiamo trovato la D999. Arriviamo prima a Beaucarie (25 Km) che è sulla riva destra del Rodano e poi, passato il ponte, siamo andati a Tarascona.

C'è un bel parcheggio gratis proprio al di là del ponte tra il castello-fortezza e la chiesa di St. Marta.

Visita d'obbligo al castello (6.1 euro) di cui, dall'interno si ammirano le strutture solamente in quanto è spoglio; vale il giro in terrazza per la panoramica.

Interessante anche la chiesa di St. Marta con la sua cripta (almeno ci sono le scritte in italiano).

Dopo mangiato puntiamo su Arles prendendo la N570 e ci fermiamo all'ingresso della città a fianco alle mura in riva al Rodano (parcheggio gratis).

Entriamo in città per un grosso portale, visitiamo la Arena, che è più ben messa di quella di Nimes, a forma ovale . Visitiamo poi l'Anfiteatro romano (3 euro) e la chiesa di St. Trophine di cui merita sia i quadri all'interno che il portale monumentale di ingresso.

Rientrati in camper decidiamo di andare al mare a Carro dove ci eravamo fermati all'andata e dove vendevano il pesce al mattino.

Arriviamo al parcheggio attrezzato in punta a Carro che è già buio.

Venerdì 31 Ottobre Km 149

Notte ventosa, mare in burrasca, onde fantastiche fino quasi al camper, quindi, niente pesce.

Ci fermiamo comunque nell'area attrezzata (4.6 euro) fino a dopo il pranzo, solo per ammirare e fotografare le onde che si frangono sugli scogli. Troviamo pane fresco e questo è sufficiente.

Nel pomeriggio partiamo verso l'interno senza nessun obiettivo se non quello di evitare Marsiglia.

Puntiamo a nord verso Aix facendo gran parte della circonvallazione nord (non si paga) uscendo per Aix e poi riuscendo per Gardanne sulla D6 che sembra una autostrada.

A Gardanne ci fermiamo in un supermercato per l'eccesso di pioggia che sta innondando tutte le strade. Verso sera si continua per la D6 passando Trets fino alla N7 per St Maxim, Brignoles, Le Luc fino a Le Muy dove ci fermiamo per dormire sullo stesso parcheggio del supermercato Casino come avevamo fatto all'andata.

Sabato 1 Novembre Km 175

Per fortuna oggi non piove allora abbiamo pensato di andare verso l'Italia facendo un giro all'interno. Puntiamo a nord verso Draguignam (la N555) e poi lungo la D562, che è tutta collina, andiamo a Grasse.

Lungo la strada si passano piccoli paesi. Grasse invece, è una città tipica dell'entroterra della costa azzurra. Molto elegante, piena di fabbriche di profumi che, in giorno lavorativo, possono essere visitate.

Da Grasse puntiamo su Nizza per entrare in autostrada.

Cerchiamo di fermaci nei vari Autogrill ma non ci riusciamo, o troppo pieni di camion o troppo bui. Arriviamo in Italia dove all'altezza di di San Remo , il primo distributore dopo la uscita di Arma di Taglia troviamo un distributore autostradale con scarico e carico per camper. Ottimo parcheggio per dormire per cui ci fermiamo.

Domenica 2 Novembre Km 258

Lasciamo il distributore autostradale e continuiamo fino a Diano Marina e usciamo a St. Bartolomeo per poi costeggiare tutta la Liguria. E' domenica e questo può essere fatto.

Quindi Imperia, Alassio, Albenga, Finale Ligure dove c'è l'area attrezzata piena di camper. Passato Savona , Varazze e tutta Genova . Passata Genova si decide di costeggiare tutto il Tirreno ed andare a Roma a salutare alcuni parenti, in pratica rinviamo il rientro a casa di alcuni giorni.

Arrivati a Rapallo rientriamo in autostrada per uscire a Sarzana (La Spezia sud).

E' già imbrunire, prendiamo il lungomare per Marina di Massa e ci fermiamo su un bel parcheggio (lato opposto al mare) per dormire.

Lunedì 3 Novembre Km 306

Partenza lungo il mare da Marina di Massa fino a Viareggio.

Si tratta di uno dei lungomari più famosi, in effetti è un continuum di Lidi, Bar, Ristoranti che non danno accesso al mare ne a camper (e non lo pretendo) ma nemmeno ai pedoni.

Alcuni tratti più curati, altri un po' trasandati, dopo aver visto le coste mediterranee francesi direi che si può fare molto di più.

A Camaiore mercato molto grosso di Lunedì.

Quasi assenti gli spazi per camper anche se ho notato che i parcheggi hanno la barra in ingresso ma non in uscita. Più spazi per poter parcheggiare si trovano a Viareggio . Bello l'ultimo tratto in mezzo alla pineta.

Rientrati in Aurelia cerchiamo di recuperare tempo ed in una sola tirata arriviamo alla penisola di Orbetello.

Entriamo per il lato nord e ci fermiamo sulla pineta per mangiare, la pulizia del bosco lascia a desiderare . Ho notato che verso Porto St Stefano c'è una area attrezzata ma non ho verificato però a Orbetello paese , in riva alla laguna, c'è un ampio parcheggio per camper, comodo anche per dormire.

Procediamo per l'Aurelia ed usciamo a Tarquinia. Breve visita al paese che già conosco per andare a dormire a Tarquinia Lido.

Qui gli spazi dedicati ai camper si sprecano, probabilmente il sindaco è un camperista.

Martedi 4 Novembre Km 127

Non abbiamo trovato lo scarico/carico camper che avevamo previsto, abbiamo trovato una comoda fontanina nell'ultimo parcheggio che ci ha permesso di fare il cambio totale dell'acqua.

Procediamo sempre verso sud utilizzando l' Aurelia. Passiamo Civitavecchia senza usare la superstrada. Passiamo St. Marinella e St. Severa. Tra questi due paesi ci sono dei buoni slarghi in riva al mare per fermarsi a mangiare.

Ci fermiamo invece a Cerveteri in riva al mare dove c'è un enorme spazio sterrato.

Riprendiamo l' Aurelia ma a Torrimpietra entriamo in autostrada (1.6 euro) per affrontare il grande anulare di Roma. Noi dobbiamo andare a far breve visita a parenti ad Ariccia per cui usciamo dall'anello per la via Appia e via Ciampino, Albano (come sempre intasata dal traffico) arriviamo ad Ariccia dove parcheggiamo il camper a sud del paese dove c'è un piccolo campo sportivo.

Mercoledì 5 Novembre Km 0

Giornata dedicata ai parenti ed a fare scorta di vino.

Giovedì 6 Novembre Km 0

Giornata dedicata ai parenti

Venerdì 7 Novembre Km 179

Partenza tarda,versole12.00 dopo aver salutato tutti. L'obiettivo di oggi è L'Aquila.Per non entrare nell'anulare di Roma optiamo per Velletri a sud e poi per la SS600 entriamo in autostrada a Valmontone.

Dalla A1 passiamo alla A24 per L'Aquila però dopo una oretta usciamo a Vicovaro per fare un tratto di strada normale(laS5). Meritava solo per vedere questi paesetti abbarbicati sulla costa della montagna: Arsori, Carsoli, e Pietrasecca. A Tagliacozzo rientriamo in autostrada per uscire a L'Aquila.

Cerchiamo parcheggio alla stazione, ma impossibile.

Andiamo a St Maria di Collemaggio ma non ci soni più parcheggi come una volta (come scritto in recenti portolani).

Ci fermiamo in via Strinella (via periferica a lato di St. Maria di Collemaggio) perché troviamo un parcheggio nuovissimo diviso in due zone una per auto ed una per camper.

Sabato 8 Novembre Km 169

Il parcheggio di via Strinella, praticamente sotto il castello, è un parcheggio per camper con acqua e scarico solo che è talmente nuovo manca la segnaletica e la colonnina non è ancora funzionante.

Essendo vicino al castello si decide di lasciare fermo il camper e visitare il centro a apiedi.

Visitiamo la chiesa di St. Bernardino, la piazza del Duomo con le sue due chiese ed il mercato e, ritornando, il forte spagnolo.

Verso le 12.00 rientramo in autostrada direzione Teramo.

Si mangia in una enorme piazzola di sosta in autostrada prime della galleria.

Passata la grande galleria (oltre 10 Km) in breve si arriva a Teramo (solo 2.5 €)

Presa l'adriatica si risale tranquillamente la SS16

All'imbrunire arriviamo all'altezza di Loreto e sapendo della bella area di sosta ci ritiriamo per mangiare e dormire all'ombra della cattedrale (8 €).

Domenica 9 Novembre Km 188

Visita alla cattedrale, oggi è domenica quindi l'assembramento di gente notevole. Ci sono corrieredi pellegrini da tutta Italia a cui si aggiungono le cerimonie per la festa del 4 Novembre così oltre alla processione troviamo la banda del paese.

Per fortuna abbiamo visitato la basilica ieri sera prima di cenare.

Oggi abbiamo visitato la pinacoteca. Interessanti, molto, i bozzetti del Maccari (a cavallo del 900) che ha poi affrescato la cupola della chiesa. Interessante perché si vede come dalle bozze si passa alla realtà.

Fatta la visita procediamo verso nord passando tutta la riviera romagnola. Ci fermiamo per mangiare e dormire a St. Apollinare in Classe, davanti alla basilica dove è possibile caricare scaricare.

Lunedì 10 Novembre Km 220

Continuiamo a salire lungo la statale verso nord fino ad arrivare a Chioggia. Ci fermiamo per mangiare in un ampio parcheggio sulla riva del grande canale sul lato di Sottomarina a 200 mt dal mercato ittico generale. Si tratta di un ben parcheggio (3.5 € al giorno i camper , 6 € in estate). Molto comodo, infatti nel pomeriggio andiamo a visitare Chioggia in lungo ed in largo, mercato compreso. Pesce niente perché di lunedì i mercati del pesce sono chiusi e pensare che, almeno quello piccolo di città, è aperto anche alla domenica.

Verso sera, in una tirata unica rientriamo verso casa

 

LE NOTTI

GG LUOGO PARK € GIUDIZIO PERCHE'

1 Lodi park lungo la strada - discreto tranquillo periferia

2 Ovada area attrezzata - ottimo servizi ed ampio park

3 Le Muy park del market - discreto tipico park di market

4 Le Brusc park sul molo - discreto poco spazio

5 Carro area attrezzata 4.6 ottimo in riva al mare

6 Carro area attrezzata 4.6 ottimo con vendita pesce

7 Plage Piemanson park in spiaggia - buono isolato ma in mare

8 StMarie le Mer area attrezzata 6.0 ottimo vicino alla città

9 Aigues Mortes area poco attrezzata 5.0 buono scarichi a gettone

10 Aigues Mortes area poco attrezzata - buono e i gettoni ???

11 Cap D' Adge park aperto a VR - buono no scarichi, ombra

12 Gruissan paese parkeggio - discreto scarichi alle saline

13 Gruissan saline area attrezzata - ottimo vista sul mare

14 Port Leucate area attrezzata - buono scarichi e carichi

15 Argelis Plage park - discreto riva mare, ventoso

16 Cadaques park custodito 11.2 buono con servizi e doccia

17 Al'Astartit plage park lungo mare - discreto vista sul mare

18 Platja D' Aro campeggio 15.5 buono in riva al mare

19 Figueres parkeggio - buono no servizi ma centrale

20 Port Leucate area attrezzata - buono carichi e scarichi

21 Chinian park di paese - buono luce e tranquillo

22 Nimes park di città - discreto su un viale rumoroso

23 Carro area attrezzata 4.6 ottimo in riva al mare

24 Le Muy park supermercato - discreto tranquillo

25 San Remo park autostrada - buono con scarico e carico

26 Marina di Massa parkeggio - discreto tranquillo e illuminato

27 Tarquinia Lido park per camper - buono acqua si scarichi no

28-30 Ariccia park campo calcio - discreto tranquillo

31 L'Aquila area attrezzata - buono non ancora in funzione

32 Loreto area attrezzata 6.0 ottimo anche la doccia

33 Classe area attrezzata - ottimo tranquillo e ampio.

 

CONCLUSIONI

Abbiamo visitato l'intero arco costiero che va da Roma a Barcellona. Interessante i vari aspetti che assume la costa che va dalle spiagge di Viareggio alle scogliere della costa brava, dai lidi sassosi della liguria alle sabbie mobili della foce del rodano.

Ciò che più ha impressionato è stata la flora delle foci del rodano (camargue) e la spettacolarità della costa azzurra e della costa brava.

Ciò che più a deluso è stata l'invasione edilizia di certi angoli soprattutto in Spagna e parzialmente anche in Francia.

Il tutto poi si riduce nel fare confronti campanilistici del tipo:

FRANCIA

Invidio il modo in cui curano gli spazi verdi nelle zone balneari anche nei periodi invernali, la fantasia con cui abbelliscono i rondò stradali . La minimalità con cui costruiscono le case al mare e la possibilità di trovare nell'arco della giornata una area di sosta con scarico e carico mediamente gratis

Non apprezzo invece le cacche di cane che infestano i marciapiedi, il mancato uso della lingua italiana nei musei, chiese e luoghi turistici e le trasmissioni TV col metodo Secam per cui la mia TV (dir vero vecchia e b/n) non funziona.

SPAGNA

Invidio la cordialità delle persone ed i bassi prezzi al mercato dei generi alimentari

Non apprezzo l'invasione edilizia della costa brava che poteva benissimo essere camuffata se almeno non avessero usato il colore bianco delle case e dei condomini

ITALIA

Invidio ma più che altro apprezzo il poter spiegarmi e farmi capire in lingua italiana,

Non apprezzo la scarsa pulizia ed il disordine delle zone balneari nel periodo invernale e la mancanza di accessi liberi al mare , non parliamo poi delle barre limitatrici d'altezza, di cui se ne fa un uso spropositato.

Io vorrei proporre una legge che obbliga l'apertura delle barre nei 4 mesi invernali, da novembre a marzo sono veramente inutili.

 

SPESE GIORNALIERE

Prima di partire stimo la spesa globale nel seguente modo:

euro previsti = Km/10 + 20*gg (Km=Km previsti mentre gg=giorni previsti)

obiettivo di questo viaggio (30 gg e 3500 Km) risulta 31,6 Euro/giorno

Si deve tener presente che il camper attrezzato adeguatamente con pasta, caffè, vino e molte altre derrate che possiamo stimare in almeno 200 euro di spesa. I risultati finali sono stati:

33 giorni 4000 km e 950 € di spesa (28.8 € al giorno)


Camper e Giramondo Home Page