Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Ringraziamo Maria Carla e Franco Mazzadi ( e-mail: maricama@tin.it) da cui riceviamo questo dettagliato e recentissimo resoconto di viaggio in Marocco:

SPAGNA - MAROCCO - PORTOGALLO - '99/'00

PARTECIPANTI: 2 adulti (65 e 70 anni)

MEZZI DI TRASPORTO: Camper Laika Ecovip 4, ruote non gemellate; biciclette.

PERNOTTAMENTO: Camper

ITINERARIO

Pordenone - Celle Ligure - Barcellona - Tarragona - Valencia - Helche - Granada - Cordova - Tetouan - Rabat - Agadir - Sidi Ifni - Tiznit - Agadir - Guelmin - Fort Bou Jerif - Tafraoute - Agadir - Taroudant - Ouarzazate - Mhamid - Marrakech - Casablanca - Meknes - Tetouan - Siviglia - Villa Real - Fuseta - Lisbona - Costa Nova - Porto - Santiago - S. Jean Pied de F. - Carcasson - Celle - Pordenone

PERIODO: 13 novembre '99 - 15 marzo '00: 20 gg in Spagna, 87 gg in Marocco, 10 gg. in Portogallo

PRINCIPALI ATTRATTIVE: Granada, Siviglia, Cordova, Santiago in Spagna; la spiaggia e il clima di Agadir, Tafraoute, Taroudant, Marrakech, la moschea Amman II di Casablanca, la valle del Dra e le zone di deserto in Marocco; Villa Real, Faro, Fatima, Lisbona, Batalha, Porto in Portogallo; ovunque i mercati e il paesaggio.

DIFFICOLTA': alcune strade del Marocco e l'insistenza persecutoria di alcuni marocchini.

COSTI: complessivamente circa 8.200.000 lire, cosi' ripartite:

giorni

distanze

carburante

autostrade

trasporti

campeggio

musei

Italia

4

1.210

290.000

137.000

0

0

Francia

3

1.440

170.500

86.000

0

43.500

0

Spagna

20

4.000

498.000

70.000

100.000

625.000

103.500

Marocco

87

4.025

621.000

34.800

570.500

1.007.000

153.000

Portogallo

10

935

160.000

82.000

75.500

166.000

22.000

124

11.610

1.739.500

409.800

746.000

1.841.500

278.500

5.015.300

 

riepilogo

turismo

5.015.300

regali+extra

900.000

vitto

2.000.000

telefonino

250.000

 

PREPARAZIONE:

Passaporti validi; assicurazione veicolo estesa anche al Marocco. Revisione veicolo. Rifornimento generi alimentari: pasta, riso, scatolame, caffè, olio, aceto, vino. Scorta di pellicole fotografiche e per telecamera. Medicine di uso normale.

Guida usata: T.C.I. Archeo. Informazioni sono state ricavate dai resoconti di viaggi, trovati in questo sito, e da campeggiatori della nostra zona che avevano già effettuato viaggio e soggiorno.

 

DIARIO DI VIAGGIO

13 novembre: (484 km) partenza da Pordenone e arrivo a Celle Ligure

14 -15 nov: sosta a Celle e dintorni.

16 nov: (km 492) viaggio da Celle in autostrada fino all'area di sosta di Montpellier, dove passiamo la notte.

17 nov: (km 342) viaggio in autostrada fino a Barcellona. Sosta nel Campeggio Toro Bravo a Castelldefels, che raggiungiamo percorrendo la circonvallazione con direzione aeroporto

18 nov: giro a Barcellona, dove arriviamo con l'autobus.

19 nov: (km 113) spostamento verso Tarragona con l'autostrada A 16 e la statale 340. Pernottamento in un campeggio di Torredembarra, prima di Tarragona.

20 nov: giro a Tarragona (graziosa), dove ci rechiamo in treno.

21 nov: (km 288) percorriamo la carrettera 340 verso Valencia, pernottamento nel campeggio Los Pinos a El Saler, che si raggiunge dopo Valencia, passando vicino al porto; il campeggio è un accampamento di residenziali.

22 nov: giro a Valencia, dove ci rechiamo con l'autobus 11

23 nov: (km 215) spostamento verso Elche; dopo Cullera imbocchiamo la statale 332; al km 76 ci fermiamo nel campeggio, caro e lussuoso, La Marina.

24 nov: ( km 362) ci dirigiamo verso Granada, percorrendo la A 92. A Granada il campeggio Sierra Nevada e' chiuso; prendiamo la strada verso Madrid e all'uscita 123 seguiamo le frecce per andare al campeggio Granada di Peligros (Cerro de la Cruz s/n 18210 Peligros); il campeggio è in bella posizione collinare, pulito e il gestore è molto gentile.

25 nov: scendiamo a Peligros e da qui un pulman ci porta a Granada. Visita alla città

26 - 28 nov: visita alla città.

29 nov: (km 178) facciamo il pieno di butangas al bombolone. In Spagna i distributori di gas sono rarissimi, ne abbiamo visto uno all'uscita di Valencia sulla strada per Elche e uno è appunto a Granada, località Chana in prossimità della ferrovia. Ci dirigiamo verso Cordova percorrendo la 432. Qui troviamo facilmente il campeggio (piuttosto trascurato) seguendo la strada per il centro e le indicazioni per il Parador. Il campeggio si chiama El Brillante ed è municipale, Avda del Brillante, 50 - tel 957 403836.

30 nov - 1 dic: visita alla città

2 dic: (km 309) ci dirigiamo verso Malaga, seguendo l'autovia per Siviglia e dopo una ventina di chilometri la carrettera 331. A Malaga prendiamo la 340 e la percorriamo fino a San Roque, nei cui pressi ci fermiamo in un campeggio, La Casita, piuttosto squallido.

3 dic: (km 73) Ad Algeciras, in un'agenzia della stazione marittima compriamo i biglietti di andata e ritorno per Ceuta. Il traghetto è un catamarano moderno e in meno di un'ora siamo a Ceuta. Qui non ci fermiamo a far spese, anche se la zona è portofranco, e ci dirigiamo, dopo aver fatto il pieno di gasolio, alla frontiera. Impieghiamo più di un'ora per le pratiche. Quindi ci dirigiamo verso Tetouan e imbocchiamo la strada per Martil, dove ci fermiamo al Campeggio Al Bustena, segnalato da una freccia, che è migliore di quello municipale.

4 dic: visita a Tetouan, dove ci rechiamo con un taxi. Interessante la Medina, ma il museo segnalato dalla guida è chiuso.

5 dic: km 281) Partiamo da Martil con direzione Rabat. La strada, che per la prima parte è la stessa che porta a Tangeri, è stretta con curve, ma percorribile senza troppe difficoltà. A 15 chilometri prima di Larache prendiamo l'autostrada a pagamento fino a Rabat; seguiamo le indicazioni per Salè, dove ci fermiamo al campeggio municipale, squallido. Visita a Salè.

6 dic: Visita a Rabat. Il museo è molto trascurato ed alcune statue sono momentaneamente esposte in musei francesi.

7 dic: (km 336) facciamo il pieno d'acqua che è a pagamento e partiamo verso il sud, percorrendo l'autostrada fino a Casablanca e poi una strada a due corsie ben tenuta. Ci dirigiamo sulla P 12 verso Safi, dove pernottiamo nel Campeggio Intenational, Route Sidi Bouzid, in collina a 4 chilometri dal centro (al termine della P 12 si gira a destra, al terzo semaforo ancora a destra e da qui si seguono le indicazioni).

8 dic: (km 321) Ripercorriamo la P 12 e poi prendiamo la P 8 per Agadir. La strada è stretta ma in ordine, dapprima pianeggiante, poi collinare e dopo Essaouira tortuosa e a saliscendi. Arriviamo ad Agadir, dove ci sistemiamo nel campeggio International, molto pieno, anche di italiani. Decente ma non perfetto.

9 dic - 24 gennaio 2000: soggiorno ad Agadir. Sole, spiaggia, passeggiate, feste, spese al souk, chiacchere, ecc.

25 gen: (km 200) partenza con una coppia di amici conosciuti ad Agadir per Tiznit e poi Sidi Ifni, dove ci fermiamo al campeggio sul mare. La strada è buona, panoramica.

26 gen: (km 77) Giro nel piccolo e grazioso paese, che conserva i resti della dominazione spagnola, e poi ritorno a Tiznit. Qui ci fermiamo nel campeggio municipale, piuttosto affollato.

27 gen: Giro di Tiznit, bel centro chiuso da mura merlate.

28 gen: (km 93) rientro ad Agadir

29 gen - 4 febbraio: soggiorno ad Agadir

5 feb: (km 214) Partenza da Agadir con direzione Tiznit e poi, percorrendo un tratto montagnoso, Guelmin. A Guelmin prendiamo la strada per Sidi Ifni e dopo qualche chilometro si gira a destra per Abeynou. Questo pezzo di strada, di 10 chilometri, ha una sola corsia asfaltata, per cui, incontrando un altro veicolo, occorre uscire parzialmente dalla carreggiata. Abeynou è un'oasi con due piscine termali; in quella più grande, per gli uomini, si può accedere dopo le sette di sera anche in coppia, l'acqua è piacevolmente calda, forse contiene ferro.

6 feb: (km 51) da Abeynou torniamo verso Guelmin e appena superata la porta giriamo a destra per Fort Bou Jerif; la freccia indica anche Spiagge Bianche. Percorriamo 30 chilometri di strada ad una corsia, asfaltata, e poi 9 chilometri di strada sgangherata e a volte tortuosa; ci fermiamo nel campeggio Fort Bou Jerif, accogliente e con doccia calda compresa nel prezzo (10.000 al giorno per camper e due persone, luce elettrica dalle 18 alle 23). Giro nei dintorni. Suggestivo.

7 feb: (km 250) ripercorriamo la strada per Guelmin, poi Tiznit e quindi ci dirigiamo verso Tafraoute. Il tratto Tiznit Tafraoute è dapprima pianeggiante in un pianoro desertico, poi ondulato e infine, dopo Tighmi, decisamente ripido e tortuoso; superiamo il passo Kerdous, 1100 m, e poi imbocchiamo la strada che passa per Tahala. Dal bivio ci sono 42 chilometri per arrivare a Tafraoute. Ci fermiamo nel campeggio municipale all'ingresso del paese sulla sinistra.

8 feb: giro in paese e nei dintorni. Posizione bellissima in mezzo a montagne dai colori mutevoli e vegetazione rigogliosa (palme, mandorli in fiore).

9 feb: (km 160) Rientro ad Agadir per la strada che passa per Ait Baha, direzione Ait Melloul. Strada di montagna fino ad Ait Baha, tortuosa, stretta tra roccia e burrone, interminabile. Paesaggio stupendo con paesi arroccati e mandorli in fiore.

10 - 13 feb: sosta ad Agadir

14 feb: (km 78) Partenza per Taroudant. Pernottamento nel parcheggio situato di fronte alla stazione di polizia Giro in città, graziosa e curata, specialmente i giardini e i viali intorno alle stupende mura.

15 feb: (km 287) Partenza per Ouarzazate. Strada buona. Si superano alcuni passi tra cui il Tizi n'Bachkoum di 1700 metri. Ci sistemiamo nel campeggio che si trova dopo la Kasba ed è indicato con una freccia sulla destra. Giro in paese, interessante.

16 feb: (km 253) Ci dirigiamo verso Zagorà, meta Mhamid. La strada è tortuosa e sale superando il passo Tizi'Tinififft, 1680 metri, tra roccioni rossastri e crepacci da canyon; a Agdz inizia la valle del Dra tra palmeti, ksour e kasbe: bellissima. Dopo Zagorà la strada si allontana a tratti dal Dra e, superate due basse catene montuose, arriva a Mhamid, un villaggio prossimo al deserto. Al tramonto camminata sulle dune di sabbia, accompagnati in loco con un sgangherata jeep e ad un prezzo notevole (120.000 lire). Pernottamento nel campeggio Chez Bachir Khadiri oltre il paese.

17 feb: (km 253) Ritorno a Ouarzazate.

18 feb: visita a Ouarzazate

19 feb: (km 208) Ci dirigiamo verso Marrakech per la strada del Tizi n'Tichka, passo a 2260 m. Strada stretta e tortuosa, particolarmente ripida dopo il passo. Straordinario il paesaggio. Ci sistemiamo nel campeggio che si trova sulla strada per Casablanca a 13 km da Marrakech, dove ci rechiamo con un taxi

20 feb: (km 13) Ci spostiamo nel parcheggio dietro il minareto della Koutoubia per essere in centro di Marrakech e anche perché infastiditi dal comportamento dello scorbutico gestore del campeggio. Visita alla città.

21 feb: (km 250) Andiamo a Casablanca (ottima strada) dove ci fermiamo al campeggio Oasis, dopo qualche giro per riuscire a trovarlo. Comunque arrivati a Casablanca, provenendo dalla strada per l'aereoporto, bisogna andare verso El Jadida e dopo il supermercato Majanna, girare a destra e poi al secondo semaforo a sinistra, qui ci sono le frecce che indicano il campeggio.

22 feb: giro a Casablanca

23 feb: (km 247) andiamo a Meknes prendendo l'autostrada dopo Rabat. Dall'uscita Meknes est ci si dirige verso Meknes e poi si costeggiano le mura. Si entra da una grande porta dentro le mura, si gira a sinistra, si supera un'altra porta, Bab Naoura, poi diritto fino alla freccia che indica il Campeggio, che si trova subito dopo una porta sulla destra. Visita alla città.

24 feb: visita alla città

25 feb: (km 247) Per andare a Volubilis, da Meknes, bisogna seguire le indicazioni per Moulay Idriss, la città santa. Si percorrono una trentina di chilometri e lasciando sulla destra Moulay Idriss, biancheggiante su un colle, sulla sinistra si segue l'indicazione Oualili e siamo nel sito archeologico che merita essere visitato (biglietto di ingresso in due 8000 lire). Dopo la visita proseguiamo per Larache , Tetouan e quindi a Martil ci fermiamo nel campeggio Al Bustena

26 feb: (km 330) Ci avviamo verso Ceuta e passiamo la frontiera in meno di un'ora, anche grazie al fatto che lo sportello n.4 riservato agli stranieri non è affollato. Il traghetto parte alle 13.45 ma rischiamo di perderlo perché non abbiamo sistemato l'orologio all'ora spagnola. Un giro nei negozi di Ceuta ci conferma che i prezzi non sono inferiori a quelli di un normale supermercato europeo. Dopo un'ora sbarchiamo e ci dirigiamo verso Cadice. A Puerto Real prendiamo la N IV verso Siviglia e ci fermiamo a Dos Hermanas nel campeggio "Camping Motel Club del Campo" che si trova sulla vecchia strada Cadice Siviglia, Avenida de La Libertade; per accedervi si può uscire dalla N IV alla seconda uscita provenendo da Cadice.

27 feb: (km 271) Andiamo a Siviglia (c'è un autobus che parte davanti al campeggio e ferma in centro a Siviglia). Visita alla città.

28 feb: Visita a Siviglia

29 feb: (km 183) Andiamo in Portogallo e ci fermiamo nel campeggio municipale in località Monte Gordo di Vila Real Sant'Antonio, pittosto affollato.

1 marzo: passeggiata a Villa Real

2 marzo: (km 51) Andiamo ad Olhao, località Fuseta, dove ci fermiamo nel campeggio prospiciente la laguna, affollato, ma molto accogliente ed economico.

3-4-5 marzo: soggiorno ed escursioni nei dintorni in treno (Faro, Albufeira, Tavira)

6 marzo: (km 313) Lasciamo l'Algarve per dirigerci a Lisbona; gli ultimi 100 km li facciamo in autostrada, che è piuttosto cara (24000 lire). Ci fermiamo nel meraviglioso campeggio di Monsanto. Visita a Lisbona

7 marzo: visita a Lisbona

8 marzo: (km 308) Prendiamo l'autostrada per dirigerci a Nord. Ci fermiamo a Fatima e poi proseguiamo per Batalha (straordinario il monastero). Non riusciamo a trovare il campeggio a Coimbra perché il traffico in centro è notevole per cui decidiamo di andare verso la costa. Ci fermiamo in un campeggio semiaperto a Costa Nova, presso Aveiro.

9 marzo: (km 82) Ci spostiamo verso Porto fermandoci a Maddalena nel campeggio "Moinho de Vento", pulito ed economico. Da qui un autobus ci porta a Porto. Visita alla città.

10 marzo: (km 288) L'autostrada ci porta a Santiago de Compostela, dove ci fermiamo nel campeggio Las Cancelas. Visita alla città vecchia e al santuario.

11 marzo: (km 414) Percorrendo la strada parallela al Camino de Santiago viaggiamo sulla strada N 547 fino a Lugo, poi sulla N 540, quindi sulla N VI, diretta a Madrid. Questa confluisce sulla N 120 con direzione Leon, che è un'autovia ma non a pagamento. Poco prima di Leon prendiamo la strada per Burgos e ci fermiamo a Carrion de Los Condes, nel campeggio, un po' trascurato, "El Eden".

12 marzo: (km 358) Riprendiamo il viaggio; passiamo Burgos e ci dirigiamo sulla N 1 verso Vitoria e poi Pamplona, sulla N 240. Percorriamo la circonvallazione nord di Pamplona e imbocchiamo la N 135 che porta in Francia attraverso i Pirenei per Roncisvalle. Superato il passo di Ibaneta (1057 m) si scende rapidamente verso la Francia e qui ci fermiamo in un modesto ed economico campeggio a Saint Jean de Port.

13 marzo: (km 389) ripartiamo e ci dirigiamo verso Pau passando per strade secondarie ma interessanti dal punto di vista del paesaggio. A Pau prendiamo la 117 fino a Tolosa e da qui la 113 per Carcasson, dove ci fermiamo nel campeggio, ottimo, vicino alla cittadella medievale. Visita alla cittadella.

14 marzo: (km 638) in autostrada ci dirigiamo verso l'Italia, passiamo il confine e ci fermiamo a Celle.

15 marzo: (km 484) partenza da Celle viaggio in autostrada e arrivo a Casa!


Camper e Giramondo Home Page