Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Diario di viaggio di Sandro Prian



In cerca del caldo a ovest in Marocco

(Gennaio-Marzo 2004)

 

PREMESSA

Si tratta di un viaggio tardivo fatto con l' obbiettivo di sfuggire al freddo ed alle nebbie della valpadana. Tardivo in quanto partire il 9 Gennaio per svernare è troppo tardi, d'altro canto si fa una certa fatica a stare lontano dai figli e dai nipoti soprattutto nei periodi delle feste natalizie.

mezzo

Camper Mcluis semintegrale del 2001 con due persone età 60 anni

documentazione

carta geografica 1/800.000 della EURO-CART (non ho trovato di meglio)

Camping du Maroc in francese della Guide J. Gandini comperato al Marjanne in Marocco. Testo fondamentale per un camperista anche se in francese. Della stessa casa editrice c'è Pistes du Maroc in 4 volumi per chi ha il fuori strada.

Guide Weekend n.16 Il deserto e le città imperiali c.e. Mozzi

Marocco del Touring Club Italiano

Spese previste

Prima di partire stimo la spesa globale nel seguente modo:

euro previsti = Km/10 + 20*gg (Km=Km previsti mentre gg=giorni previsti)

obiettivo di questo viaggio (80 gg e 8000 Km) risulta 33,0 Euro/giorno

Si deve tener presente che il camper attrezzato adeguatamente con pasta, caffè, vino e molte altre derrate che possiamo stimare in almeno 300 euro di spesa.

CONSIGLI

acqua

In marocco l'acqua è uno dei problemi da affrontare.

Al nord fino a Casablanca, si trova nei campeggi l'acqua sia potabile che da pozzo. Attenzione quindi di chiedere quale è quella potabile. Nei distributori non mi fido.

Dopo Casablanca la potabile è rara quindi si fa sempre quella da pozzo anche nei campeggi aggiungendo un poco di ipoclorito sodico (varechina).

Raramente potrete usare la vostra canna, i rubinetti sono tra i più disparati e quindi procuratevi un buon imbuto ed una tanica oppure un adattatore universale.

Per mangiare e per lavarsi i denti, sempre acqua minerale. Vendono dappertutto taniche da 5 lt per 1,2-1,5 € io ne tengo una in uso ed una di scorta. Si trova anche acqua minerale gassata .

alimentari

carne. la troverete manzo dappertutto assieme al capretto. Si tratta di carne genuina ma non frollata per cui più tenace (cucinatela bene). Al sud, dopo Agair troverete anche carne di cammello.

La carne di maiale è rara e si trova solo in negozi dei mercati nei centri turistici (Agadir) mentre gli insaccati li trovate in tutti i supermercati Marjane.

Frutta ottime le arance limoni mandarini, scadenti le mele locali, attenzione alle banane che sono piccole e le vendono abbastanza crude (produzione locale) bisogna lasciarle maturare.

Verdura ottime le carote, patate, piselli, rape, pomodori e fagiolini. Scadenti i carciofi e le melanzane. Rara l'insalata

Pane, latte, zucchero, olio, pasta, riso: nessun problema in qualsiasi negozietto. Attenzione all'olio di oliva, è molto buono ma mi fido solo dei supermercati (2,7€ litro). Turisti che hanno assaggiato dell'ottimo olio dai contadini poi quello comperato non era uguale.

vino e liquori

quello di casa è sempre migliore, però trovate vino in tutti i supermercati Marjane al prezzo di 2,3-3,0€. Si tratta di produzione locale di Meknes. Ci sono poi vari vini stranieri, basta pagare. In tali supermercati si trovano anche liquori a prezzi quasi italiani, wisky di battaglia a 9€ , (l'Italia è lo stato con i liquori a prezzo più basso di tutta Europa).

Se volete fare scorta comperate il vino al supermercato di Ceuta, vino spagnolo, passabile, in varie confezioni.

Scarichi

Poiché in Marocco si va di campeggio in campeggio non c'è problema. E' quasi indispensabile avere la cassetta perché spesso, i punti di scarico sono i più disparati, spesso il WC stesso.

Energia elettrica

Nei campeggi non manca. A volte, sui campeggi troppo pieni non ci sono attacchi sufficienti. La tensione arriva si e no a 200V ma è sufficiente per le esigenze del camperista. Scordativi le attrezzature da 500 o 1000 Watt come fornelli, phon, stufette, mandereste in tilt il sistema. Questa scarsa affidabilità consiglia l'uso di pannelli solari. Se non li avete ricordatevi che il marocco offre molto, per esempio ci sono pannelli usati da 60 a 80 Watt che costano da 120 a 230€, nuovi sui 300€, regolatori di pannelli che vanno da 15 a 25€ e non mancano meccanici affidabili per montarli (sia ad Agadir che a Izgane che Tiznit)

Carburante

Nessun problema c'è il gasolio (0,50€) ed il gasolio ecologico (0,70€). Le pompe sono frequenti comunque ogni paese ne ha una, si consiglia di usare distributori delle grosse città e di marca nota oltre a Afriquia locale ma affidabile, io ho fatto di tutto e il ducato è sempre andato bene.

Cambio moneta

Le banche sono chiuse il sabato e la domenica, Chiudono prima di mezzogiorno ma aprono 2 ore nel pomeriggio. Se siete in località turistiche esistono i Change che sono aperti anche al sabato.

Con 100€ danno 1080dhiran, orientativamente 1€ = 10dh il cambio è fisso nel senso che in qualsiasi parte è sempre uguale anche se cambia di qualche decimo da giorno a giorno

Gas per cucinare

Esistono dei stabilimenti che riempiono bombole di gas anche per i turisti (chiusi al sabato e alla domenica), si distinguono facilmente per i grossi contenitori, quasi sempre sferici di dimensioni notevoli

Kenitra: all'uscita da Kenitra sulla strada per Tangeri

Mohammedia: (Casablanca nord) al porto

El Jadida: a sud strada per Safi ditta Jorf Lasfar a 15 km

Safi: strada per Essaouira a bordo mare a 5 km

Agadir: 2 km prima di Agadir venendo da nord lungo il mare (da taghazout)

Ksiba: sulla strada 2 km dopo Beni Mellal venendo da Azilal

Meknes: so che c'è ma non so dove

Marrakech: a 15 Km sulla strada per Safi

Er Rachidia: stazione di carburante all'ingresso in città

Tiznit: arrivando da Agadir all'ingresso della città a sinistra vicino distributore Afriquia

Traghetto

Le possibilià sono tre:

Da Alcegiras a Tangeri è il più usato perché da il vantaggio del passaggio Spagna/Marocco via mare ed in un ambiente normale, costo medio a/r 300€ circa

Da Alcegiras a Ceuta, si traghetta in terra Spagnola per cui dopo si deve fare il passaggio di confine via terra, c'è il vantaggio che Ceuta è zona franca il gasolio costa 0,47€ e la super a 0,55€, costo medio a/r circa 260€

Da Sete (Francia sotto Montpelier) a Tangeri è il più conveniente (600€ a/r camper+2 persone +1 animale+ 5 pasti e cabina) io ho speso 180+180€ di gasolio + 260€ traghetto e non sono andato a Tangeri. Si tratta di una linea di navigazione COMARIT marocchina (www.comarit.com a Sete sete@comarit.com) Partenze circa ogni 4 giorni alle 19.00 merita approfondire, la qualità è buona (riferito da chi usato questa offera).

Da controllare anche la EURO-MER che ha sede a Montpelier e che fa la stessa linea www.euromer.net

I bambini

Spesso verrete abbordati da bambini che chiedono qualcosa. Spesso al nord chiedono soldi, mentre al centro sud chiedono bonbon o penne o altro. Io posso consigliarvi questo:nsn

  • non date mai soldi, è degradante per chi li da e per chi li riceve
  • portatevi un paio di Kg di caramelle che saranno sempre ben accettate, io ne avevo 2 Kg e li ho finiti nella sola andata, la prossima volta arrivo a 5 KG.
  • Portate vestiti in disuso soprattutto per bimbi e per uomo, saranno sempre ben accettati e preziosa merce di scambio. Sarà molto facile scambiare un maglione con una Tagin o con un vassoio, in pratica io ho lasciato anche i pantaloni

 

 

DIARIO di BORDO

1^-Venerdi 9 Gennaio Km 150

Nel pomeriggio scendiamo via Crema fino a Lodi dove vive una delle nostre figlie. Facciamo visita, e la moglie riposa.

2^-Sabato 10 Gennaio Km 125

Mangiamo sempre a Lodi, saluti alla figlia e partenza per la Liguria.

Non facciamo molta strada, punto su Pavia, seguo Voghera, Tortona, Novi Ligure ed a Ovada mi fermo.

C'è una ottima area di sosta con scarico ma con acqua e servizi chiusi (perché è inverno??) ben segnalata all'inizio del paese. Trovo neve abbondante ai lati della strada

3^-Domenica 11 Gennaio Km 410

Ho fretta di sfuggire alla neve. Entro subito in autostrada (anche perché il passo del Turchino ha una galleria h.2.75 mt) e continuo in autostrada passando per Savona Imperia fino al confine di Ventimiglia (€ 17.70).

Proseguo in autostrada francese fino a Le Mui con un salasso incredibile (4 pedaggi per un totale di € 14.90) Opto per la statale passando Le Luc, Brignoles, poi a Tourves decido di aggirare Marsiglia a nord (è domenica) e vado a St Maxim, a Trets, Gardonne e a Septemes dove prendo la A55 (gratis) per andare a dormire in riva al mare a Carro. Prendere l'uscita per Carry le Rouet e con una superstrada si arriva al camper service di Carro che conosco bene.

Il pagamento (4.6 € per le 24 ore) è automatico e dopo aver pagato si alza la barra di accesso.

4^-Lunedi 12 Gennaio Km 300

Niente pesce, troppo caro. Partiamo da Carro per Arles qui prendiamo la direzione Mompeliere. A metà strada giriamo verso il mare a Lunel per la Grande Motte, Palavas poi Sete dove ci fermiamo a mangiare lungo il mare/laguna. Io collaudo il nuovo binocolo che scatta foto digitali, immortalando vari gruppi di fenicotteri.

Procediamo poi lungo la costa per Agde Bezieres e Narbonne. Dopo Sigean optiamo per Port Leucate tra mare e laguna dove c'è un camper service a noi noto anche se non segnalato.. Ci fermiamo per dormire tra Port Leucate e port Barcares.

5^-Martedi 13 Gennaio Km 427

Niente acqua solo scarico. Procediamo subito verso il confine usando la strada statale. A Boulou (prima di entrare in paese, direzione cimitero) c'è un camper service con acqua e scarico.

Troviamo qui, un camerista francese che ci racconta la sua avventura del giorno prima avvenuta a Castelldefels (a sud di Barcellona). Alle 5 del mattino una rapina a mano armata, uno col fucile ed uno con la pistola, e pensare che aveva parcheggiato sotto un bel lampione per essere più sicuro, sono riusciti a spaventare e mettere a cuccia il loro bel cane (un doberman giovane).

Procediamo velocemente lungo la SS11 passando Figueres e Girona fino ad arrivare al mare a Malgrat. Passiamo Barcellona sempre sulla SS11 e procediamo lungo il mare per Castelldefels (da evitare) Sitges, El Vendrel

Per evitare Tarragona entriamo in autostrada (30 km, pagamento rateale alla francese tot. 5 € ) uscendo in riva al mare ad Ampolla. Non troviamo posti adeguati per dormire allora andiamo sul delta dell'Ebro a Deltebre la Cava. Parcheggiamo all'ingresso in una area mista Champion Corriere e Turismos.

6^-Mercoledi 14 Gennaio Km 256

Gran parte della giornata è dedicata alla visita delle foci dell'Ebro. Noi siamo appassionati di uccelli e siamo attrezzati con binocoli a fotocamera digitale per cui il collaudo è stato fatto con l' ibis nero e con l'airone guarda buoi, uccelli che non vediamo sul delta del Po. Traghettato l' Ebro (4 €) abbiamo proseguito lungo le risaie del delta.Nel pomeriggio lasciamo il delta per scendere a sud. Passiamo Valencia, impressionante la massa di condomini, ed altrettanto impressionante le costruzioni moderne nella zona sportiva e culturale a sud. Nella zona moderna, merita una visita la città delle scienze e delle arti. E' un complesso ultramoderno di cui merita vedere anche solo la architettura. Purtroppo i biglietti di ingresso a tutti i padiglioni sono cari (25,85 € e rid. 18,18 €). Si può ugualmente entrare nella città e pagare i singoli ingressi . Per esempio (soprattutto per chi ha bambini, il museo delle scienze il cui motto è: proibito non toccare, costa 6,01€ mentre costa più caro il museo oceanografico 19,80€ mentre il Planetario 6,61€.

Procediamo lungo la costa e dopo una ventina di Km ci fermiamo in un campeggio, non che manchino le aree dove fermarsi ma avevamo bisogno di una vera siesta.

7^-Giovedi 15 Gennaio Km 388

Giornata di trasferimento. Prima di partire ricambiamo tutta l'acqua (sapeva di ferro). Procediamo per la SS 332 Cullera, Gandia, Oliva, Altea, qui ci fermiamo a mangiare in riva al mare. Riprendiamo per Villa joiosa ma prima di Alicante entriamo in autostrada (che qui è gratis, per ora). Passiamo Elche e Murcia , Alhama, Totana e dopo 10 Km di Lorca abbandoniamo la 340 per prendere l' autostrada (A9) per Granada. Si tratta di una strada nuova (5 anni fa sono passato e non c'era). Mi fermo a dormire in un distributore di benzina all'altezza di Cular. Mancano 100 km circa da Granata.

8^-Venerdi 16 Gennaio Km 144

Questa notte ha fatto freddo (6-8 gradi) solo questa mattina, guardando l'altimetro, mi sono accorto che siamo a 1000 metri di altitudine. In effetti questa nuova autostrada (A92) che da Puerto porta a Granada è tutta in quota. Riprendiamo ma strada per Granada ma ci fermiamo a Guadix per vedere i sassi (come a Matera) esiste infatti un paese Pullera, In cui le case sono tutte incastrate nella roccia di tufo. Merita una visita. Rientramo nella A92 e verso il tardo pomeriggio arriviamo a Granada. Io non me la ricordavo così grande, è comunque facile attraversarla per andare a est dove ci sono due campeggi per stazionare, sono sempre sulla A92 ma dal lato est della città. Ci sono autobus (2 linee) per andare in città ogni mezzora.

9^-Sabato 17 Gennaio Km 0

Questa notte ha fatto freddo e fino alle 11 nebbia. Andiamo in citta con l'autobus (a/r 1,30€) che porta fino alla stazione ferroviaria. Io conosco Granada e sono già stato a visitare l'Alambra, chi viene a Granada deve visitarla come deve fare alla sera il classico giro turistico serale in corriera (che organizzano hotel e camping). In città esiste un servizio di bus turistici con secondo piano scoperto. Biglietto costa 10 € e vale due giorni. Traccia un anello della città toccando i punti salienti per cui puoi scendere e prendere il successivo. Molto interessante per chi si ferma almeno due giorni.

10^-Domenica 18 Gennaio Km 303

Partenza dal campeggio dopo aver caricato acqua e scaricato tutto. Essendo abbastanza freddo si parte subito per il mare verso Motril (SS323). Arrivati alla SS340 sul mare, puntiamo a ovest direzione Malaga. A Nerja ci fermiamo per visitare le grotte (Cuevas de Nerja) e mangiamo nel comodo parcheggio (1 €).

Continuiamo per la SS340 superando Malaga, Torremolinos, Marbella ecc….

La costa del sol è bella, basta chiudere gli occhi quando si vedono quei mostruosi condomini da 20 piani in riva al mare.

La SS340 si alterna ad una autostrada a pagamento che non merita. Arrivati in vista di Gibilterra deviamo per il porto di Algeciras. Prendiamo tutte le informazioni per il traghetto, le linee sono varie e le partenze quasi ogni ora. I prezzi sono pressoché uguali e sono 17.35€ persona e 107,15€ camper per andata, ritorno idem con scono del 10 oppure15%. In totale una linea (Buquebus) mi fa 255€ e un'altra (Euroferry) 240€.

Andiamo a dormire nel parcheggio del porto vicino al bar.

11^-Lunedi 18 Gennaio Km 150

Al mattino ci chiamano dei camperisti francesi per fare il biglietto in comune e raggiungere sconti più elevati. Conclusione paghiamo 250€ a/r quando ieri sera mi proponevano 240. Noi uomini chiusi in campar mentre hanno trattato le donne.

Ci imbarchiamo alle 11.00 ed arriviamo alle 12.00, scesi a ceuta subito gasolio a 0.47 €/lt (la super 97ott a 0.612€ mentre la super 95ott a 0.55€). Di seguito spesa al discount, niente di speciale solo scorta di vino ed wisky.

Alla frontiera bisogna compilare un modulo per ogni persona ed un modulo per il camper. Ci sono persone che per pochi euro te lo compilano. Allo sportello, raggruppati una decina di passaporti, vanno a timbrarli e bisogna aspettare mezzora. Si parte per Tetuan, grande circonvallazione poi per tangeri. Dopo 20 Km si passa a direzione sud verso Rabat . Arrivati al mare a Larache ci fermiamo in una area di sosta della Comarit a 2 Km nord del casello autostradale (periferia sud di Larache).

12^-Martedi 20 Gennaio Km 0

In questo park non c'è la corrente ma i servizi sono passabili e l'acqua è buona.

Andiamo in periferia del paese a piedi per comperare pane e frutta. Ci si deve abituare perché l'ambiente è decisamente molto differente.

Nel park della Comarit c'è anche un ristorante dove abbiamo prenotato il couscous per domani.

La COMARIT è una linea di navigazione Sete-Tangeri che, a/r camper + 2 persone + cabina per dormire + 5 pasti fa un prezzo di 600€ se si considera che ho speso 200€ di gasolio per passare la spagna + 200 tornare + 250 traghetto direi che se dovessi ritornare in marocco farò meglio i miei conti.

13^Mercoledi 21 Gennaio Km 0

Sempre fermi a Larache, bel tempo e buono il couscous del ristorante (14€ per 2 persone) il vino però ce lo siamo portati dal camper (cosa normale per tutti i turisti)

14^-Giovedi 22 Gennaio Km 0

Fatto il pieno di acqua si parte per Rabat. Non prendiamo la autostrada ma seguiamo la SS per El Ksar El Kbir e poi per Souk El Arba.

Appena usciti da Larache, 2 Km dopo il casello autostradale, c'è una zona industriale segnalata, e sembra ci sia una ditta che riempie bombole di gas. A me è sfuggita ma è da tener presente.

Al primo paese che si incontra c'è un mercato io vorrei fermarmi ma la moglie non ha il coraggio di scendere dal camper. Non siamo ancora entrati nell'ambiente, dobbiamo abituarci.

Per strada ho notato che il mezzo di trasporto più comune è il carretto tirato dall'asino o l'asino stesso.

A metà strada ci fermiamo per mangiare su uno slargo, ma tutti, soprattutto bambini si fermano a guardare e a chiedere, ci sentiamo molto osservati.

Poco più avanti troviamo un camperista francese in trattative con un venditore di tartufi bianchi, ne compera 1,5 Kg per 5 €. , per me non avevano alcun profumo.

Procediamo per Kenitra, la attraversiamo indenni e procediamo per Rabat. Arrivati alla periferia di Sale (il Rabat prima del fiume) costeggiamo la medina fino ad arrivare al mare e troviamo la segnaletica campeggio. (8€ al giorno con luce per chi il libretto del TCI a pag 54-55 si trova in B4 in basso su quella stradina che porta al canale ).

15^-Venerdi 23 Gennaio Km 0

Fermi a Rabat. Il campeggio è passabile, si può fare la doccia calda e c'è la corrente.

Andiamo a visitare la medina (mercato) di Rabat da soli. Traghettiamo il fiume (1.5 dirham) con una barchina instabile ed entriamo subito nel mercato. Impressionante è dir poco. Comunque ci destreggiamo, ci perdiamo, ci ritroviamo e dopo 3 ore ne usciamo indenni con un kg di zucchine ed uno di pomodori.

Esperienza notevole che ripeteremo domani. La medina di Rabat è comunque molto più pulita delle medine che avevamo visto in egitto.

16^-Sabato 24 Gennaio Km 0

Sempre fermi a Rabat, ritorniamo alla medina ma da una parte differente. Facciamo le spese premeditate come un paio di ciabatte un servizio di bicchieri un colino per la pasca che ci mancava frutta verdura carne e pesce per 2 giorni. I prezzi sono veramente bassi. In euro la carne di manzo ottimo taglio sta sui 7-9 € mentre il pesce di qualità sui 6 € (questo al mercato) sulla riva del fiume era tutto a metà prezzo ma l'igiene e l'odore non ci hanno invitato.

17^Domenica 25 Gennaio Km 120

Partenza per Casablanca. Subito fuori Rabat ci fermiamo al supermercato Marjane. Troviamo un buon libretto, in francese, Camping du Maroc, che merita in quanto la segnaletica per i camper lascia a desiderare. Trovo anche interessante la vendita di liquori e di vino come da noi. Finita la scorta si trova del vino locale a 2 €/lt. I prezzi dei prodotti locali sono sbalorditivamente bassi. Ottimi pomodori a 0.4 €/Kg, arance a 0.3 sardine a 0.5 pesce di qualità a 6€ e carne da 6 a 10 €/Kg e questo in un supermercato come le nostre COOP.

Per strada ci fermiamo a chiacchierare e bere un caffè con un ragazzo locale che aveva la macchina targata Venezia. Lavora a Jesolo in una carpenteria ed era a casa per la gran festa del montone.. All'inizio avevo dei timori che si sono dimostrati solo preconcetti.

Prendiamo l'autostrada 2.8€ prima e 1,1€ dopo (alla francese). Il concetto autostradale è leggermente diverso dal nostro, lungo le corsie di emergenza spesso vendono frutta e verdura, si fermano le corriere per far salire e scendere le persone, ho trovato pure una gregge di capre che pascolava. Attenzione agli attraversamenti pedonali, nei centri abitati sono frequenti.

Dall'autostrada si esce all'ultima uscita Casablanca Ovest. Si segue il vialone per 4-5Km si contano i semafori, al 4^ si gira a sinistra (c'è la segnalata camping) dopo 100 altro semaforo e si gira a destra, altri 100 mt e a destra, in mezzo alle case tra banchetti di frutta e verdura si trova l'ingresso del camping Oasis.

Solito prezzo, 8€ al giorno e 1€ la doccia.

Fuori del camping ci sono 3 banche per il cambio, attenzione che come in Italia, sono chiuse alla domenica, al sabato pomeriggio e nell'intervallo di mangiare (dalle 11,30 - 1430)

18^-Lunedi 26 Gennaio Km 0

Prima in banca, apre alle 8.15. Il cambio è pressoché uguale con 100€ danno 1080Dh, in pratica io faccio il cambio mentale 1€ 10 Dirham

Partiamo in taxi piccolo per il centro, sono circa 7Km e si paga da 1.5 a 1.7€ a seconda del traffico e dei vari giri che vi fa fare il tassista. L'obiettivo è la visita alla grande moschea di Hassan II.

La visita risulta molto interessante, si paga 10€ a testa con la guida. La moschea pur essendo una opera di recente costruzione (anni 90) è la 3^ al mondo per grandezza si parla di 20.000 persone dentro e 60.000 fuori. Si può fare le foto ed io mi sono sfogato.

All'uscita attraversiamo la vecchia medina, a sinistra uscendo dalla moschea, che risulta essere più caotica e sporca di quella di Rabat. Vendono di tutto in modo molto caratteristico.

Prendiamo il taxi e ripassiamo per il centro moderno e rientriamo in campeggio.

19^-Martedi 27 Gennaio Km 0

Giornata fermi a Casablanca più per i dolori alla gamba che per la visita alla città, diciamo che gamba deve riposare dopo 3 giorni di camminate.

In taxi al supermercato Marjane 12 €, spese varie tra cui la scheda di memoria per la macchina fotografica digitale, questi articoli hanno lo stesso prezzo che in Italia.

20^-Mercoledi 28 Gennaio Km 106

Giornata di trasferimento da Casablanca a El Jadida. Sono solo 100 km ma facendoli con calma e curiosando nei vari paesi ci si impiega 5 ore.

Da Casablanca parte una statale più interna che per uscire è pratica . In periferia faccio gasolio a 0,56€.

Lungo la statale, sulla destra, si trovano laterali che portano alla strada costiera. Questa finisce a Azemmour e prima del paese ci sono spiagge e villaggi in riva al mare dove ci fermiamo per mangiare.

Azemmour è un grosso paese con una bella muraglia rossa.. Non ci fermiamo ed andiamo lungo il mare a El Jadida a cercare il camping Internazional (1, avenue des Nations Unies tel. 023 34 27 55).

Entrando da nord, se non trovate la segnaletica seguite quella del Ristorante Al Khaima che è più facile, arrivati al ristorante, fate altri 100 mt e a sinistra trovate l camping, (7,4€ con luce)

21^-Giovedì 29 Gennaio Km 0

Giornata dedicata alla visita della città. Partiamo tardi a piedi lungo il mare. La passeggiata 3Km circa, merita, lungomare bello ma trascurato. Visitiamo prima il mercato, molto curioso volendo si trova del buon pesce fresco, poi vicino al mare, visitiamo la cittadella portoghese. Si tratta di una vecchia fortezza portoghese, ampia, come una casba, adibita ad abitazioni. I nomi delle calli sono scritte in portoghese, meritevole è la visita alle vecchie cisterne (1€ a testa).

Si ritorna in campeggio in petit-taxi (1€)

22^-Venerdì 30 Gennaio Km 173

Giornata di trasferimento. Usciamo da El Jadida lungo la statale che porta a Safi. Al primo grosso rondò deviamo per Port Jorf Lasfar (zona di porto ed industriale con centrale termica) sia per cercare il gas sia per raggiungere la costiera.

Per quanto riguarda il gas la ditta si chiama TISSIR GAZ e si riconosce perché è l'unica con un grosso serbatoio sferico. Se venite dalla statale rossa dovete ritornare a nord per 3 Km . Se venite da El Jadida lungo il mare lo vedete sulla vostra sinistra. Comunque oggi è venerdì, avevano poca voglia e non mi hanno carico il gas.

Proseguiamo lungo la costa si trovano varie saline e molte coltivazioni di ortaggi. Oggi è il momento della raccolta delle carote e delle rape, però vendono lungo la strada anche cavoli e pomodori freschi.

Interessante il modo in cui lavano le carote: ci sono grandi vasche il cemento (3x3mt), ci buttano un paio di quintali di carote e poi, come noi pigiavamo il vino 80 anni fa, loro entrano in 6-8 sulla vasca e con i piedi girano e smuovono le carote finché si puliscono poi le stivano in casse per il grossista.

Ci fermiamo a El Oulidia e seguiamo il cartello Plage dove troviamo una bellissima insenatura protetta da una diga naturale, merita andarci anche solo per fare le foto. Ci sono 6 camper fermi e da quanto ho capito stazionano anche di notte. Mangiamo ed arrivano subito venditori di pesce, uno, più organizzato degli altri arriva anche con il fornello a carbonella accesa per vendere pesce gia cotto.

Ho capito che sono specializzati in grossi granchi (gransegole) o in ostriche locali.

Dopo pranzo procediamo per Safi, costeggiamo sempre lungo il mare, bello il panorama delle falesie prima di arrivare. Si scende poi un paio di tornanti verso il mare, quando si arriva all'ingresso del paese c'è un grande rondò. Controllate la segnaletica e troverete sulla sinistra la freccia per il camping, quindi risalite a sinistra per un 300 mt e troverete il camping sulla destra.

Il camping è in totale rifacimento, comunque c'è acqua calda (1€ per doccia) e spazio sufficiente, ( con corrente = 6€)

23^-Sabato 31 Gennaio Km 178

Giornata di trasferimento da Safì a Marrakech. Da Safì si raggiunge Bouguedra all'interno. Soliti mercati dove ci fermiamo a fare spese e foto. Bouguedra è un grande crocevia che porta a sud a Essaouira e a nord a El Jadida. Noi andiamo verso l'interno per Marrakech. La strada è buona e belli i panorami. Inizialmente si trovano sterminate coltivazioni di ulivi molto ben tenute. A metà strada il terreno offre solo pascolo e diventano caratteristiche quelle case isolate in campagna che sembrano piccole fortezze, tutte rosse e tutte recintate da muri a secco immaltati con il fango rosso.

Si passa un altro grosso crocevia a Chemaia ed un altro a Oulad Dlim. Dopo questa zona si notano le miniere (penso fosfati) alcune vecchie altre moderne.

Un 10 Km prima di Marrakech, sulla destra si nota il solito cisternone sferico, tipico dei depositi di gas, ci fermiamo e ci riempiono le bombole senza problemi (4,5€ 10 Kg) purché abbiano l'attacco laterale (come quelle grosse da 10, 15 Kg) non riescono a caricare quelle piccole (da 2 Kg) perché hanno l'attacco filettato in verticale.

Altri 10 Km e siamo nelle vicinanze di Marrakech, e sulla destra si nota il campeggio Sidi Rahal Herbil. Andiamo oltre, fino in città perché è presto e ci sembra un pò lontano, si comincia a vedere le palme, poi gran blocchi di condomini, classica periferia di città. La attraversiamo tutta, ci giriamo attorno e poi decidiamo di ritornare sulla nostra strada per andare al camping Rahal Herbil che, secondo il libretto è a 7Km mentre l'altro camping (Ferdaous) a 11 Km verso Casablanca.

24^-Domenica 1 Febbraio Km 0

Giornata fermi a Marrakech. Oggi è la grande festa del montone, passa il Bus alle 9 poi non passa più. Prendiamo un gran-taxi e con 7 € arriviamo in centro città in piazza Jemaa el-Fna, la famosa piazza di Marrakech, solo che essendo grande festa è quasi vuota. Visitiamo i dintorni della moschea Koutoubia, passa il tempo e la piazza si anima. Ci fermiamo a mangiare in un locale in piazza, non tra i migliori, in pratica una bettola, e con 7 € mangiamo cous-cous e Tajin e acqua minerale gassata.

Andiamo sul retro della piazza dove con delle griglie improvvisate (reti da letto o ringhiere o cancellate) stanno cucinando le teste e le gambe del montone. Si tratta dei resti offerti ai poveri che apprezzano e fanno festa. Girato l'angolo trovo una corriera del Club Mediterranee che sta scaricando una comitiva scortata da cantori e da musici in costume, mentre portatori locali si occupano delle loro sacche per il golf.

Il tutto è grottesco, contrasti sono notevoli, sono forti, a volte sono insopportabili, due minuti prima avevo visto i poveri cucinarsi le teste di montone.

Rientro in campeggio con un gran-taxi personale e pago 10 €

Qui i taxi si dividono in Petit-taxi (classica palio o renault ) che non possono uscire dalle mura della della città ed in gram-taxi (classica mercedes) che escono dal comune, entrambi possono caricare più persone lungo il tragitto fino il massimo della capienza (a volte oltre), ovviamente nel caso di un taxi personale paghi di più.

Ci godiamo il sole pomeridiano e poi affrontiamo una partita a bocce con dei francei ed arriva sera. Domani ripeteremo l'esperienza ma speriamo di arrivare a Marrakech in bus, per fare nuove esperienze e anche perché il costo è di solo 0.4 €.

25^-Lunedì 2 Febbraio Km 0

Giornata fermi. Andiamo in centro in autobus, Linea 44 per B.Doukkala all'andata e sempre L.44 per Harbil al ritorno, impossibile sbagliare. Si scende nei pressi della Stazione Bus a est della città sotto le mura di cinta. Il biglietto si fa a bordo.

Ci si muove facilmente a piedi ma con i petit-taxi è più facile. (se non ha il tassametro trattate). Non abbiate paura ad entrare nella medina fate una certa attenzione ma non più di tanto. Ci si perde facilmente ma niente panico, camminate finchè trovate una strada con auto e fermate in petit-taxi per farvi portare al centro. Oggi ci siamo persi convinti di arrivare alla Medersa siamo invece sbucati nuovamente in piazza Jemaa, era più animata di ieri ma sempre, e troppo, turistica. Abbiamo pranzato in due con 7€ in una bettola dove abbiamo trovato un altra coppia di italiani di Vimercate che già conoscevamo. Loro sono nel secondo campeggio a 11Km. Chiariamo che a Marrakech i campeggi sono 2 :

Il primo a 7 Km camping Sidi Rahal Herbil con servizio di autobus linea 44 (0,3 €), scadente di qualità ma sufficiente, in gran-taxi circa 7€ sulla strada per Safì (P.9) tra il fornitore di GPL (AfriquiaGPL) e Marrakech (2p+camper+luce = 4,8€)

Il secondo a 11 Km camping Ferdaous, sulla strada per Casablanca (P.7), niente bus quindi solo gran-taxi, è decisamente migliore. (2p+camper+luce=6,5€) è però più lontano

Esiste poi un parcheggio a pagamento (4€, ci sono anche i lavandini con carico e scarico fatti nel 2004) sicuro e notturno, che collauderò domani, forse, vicino alla piazza Jemaa giusto dietro la moschea Koutoubia

Oggi abbiamo visitato la Medersa Ben Youssef (la vecchia scuola coranica) oggi trasformata in museo (ingresso 1€ p) merita per vedere come sono lavorate le colonne le ceramiche sulle pareti la fontana d'ingresso le varie stanze per studenti ecc…

Ci siamo poi ripersi dentro la medina per cui abbiamo dato 1€ a una persona per riportarci fuori. Siamo rientrati abbastanza stanchi .

26^-Martedì 3 Febbraio Km 163

Giornata di trasferimento. Si parte da Marrakech per andare in periferia a nord in cerca del supermercato Marjanne sulla strada per Casablanca. Fatta la spesa si ritorna in città per deviare a ovest verso Essaouira. Sono circa 160 Km e via che ci si addentra ci si trova con sempre meno vegetazione. Fino a Chichaoua la strada è larga, poi diventa più stretta ma il fondo è buono ed il traffico nullo. Poco prima di Chichaoua ci fermiamo a mangiare su uno slargo, gli alberi sono assenti, sono 35 gradi al sole e 25 sul lato ombra. Lungo la strada ci sono molti cantieri di lavoro perché stanno allargandola.

Eravamo quasi arrivati a Essaouira, la vegetazione molto più ricca, mancavano 20 Km, quando passando per un paese pulitissimo, Ounara, notiamo l'insegna di campeggio. Ci fermiamo perché il campeggio meritava, veramente bello con caratteristiche nettamente europee. Costo 7€ con docce calde bar ristorantino, gioco bimbi piscina a pagamento ecc…. non si può chieder di più per cui la giornata finisce anticipatamente al camping des oliviers

27^-Mercoleì 4 Febbraio Km 96

Partiamo tardi, dobbiamo fare pochi km. Arriviamo a Essaouira e troviamo subito il campeggio, basta scendere fino a vedere il mare e poi continuare per un km verso sud fino al faro, proprio dietro il faro c'è il campeggio. Non andiamo subito in campeggio ma andiamo in città al porto dove comperiamo del pesce ripromettendoci di tornare domani con calma. Al porto c'è un parcheggio (un po' affollato) e quando mi hanno chiesto di pagare mi hanno proposto di dormire anche alla notte.

Ritorniamo indietro di circa 7 Km per prendere la strada costiera verso nord per andare a mangiare in riva al mare. Solo dopo 20 Km provo una laterale non asfaltata ma ben battuta che porta a Moulay Bouzerktour, una caratteristica borgata di pescatori, belle foto ma ma non vedi spazi che non intralcino la vita della borgata. Procediamo a nord per altri 5 km e troviamo delle spiagge infinite, rosse, con dune lunghe che sembra essere sul deserto. Ci fermiamo a mangiare tranquilli, pur essendoci pastori in giro nessuno ci ha disturbato, anzi un locale, pagando, aveva chiesto un passaggio in città.

Rientriamo nel pomeriggio a Essaouira e ci accampiamo al camping Sidi Magdoul

28^-Giovedì 5 Febbraio Km 0

Restiamo fermi a Essaouira. Oggi visita alla citta vecchia, andiamo a piedi (2km) lungo il mare. Ci sono i dromedari e i cavalli per turisti. La spiaggia è molto grande, bella e pulita. Parecchi ragazzi fanno il bagno.

La città vecchi e molto turistica, troppi negozietti per turisti pochi per i locali. Bello i bastioni e la vista sul mare.

Andiamo a mangiare al porto (10€ in due tutto pesce) ma lo consiglio solo ai forti di stomaco sia perché non puliscono il pesce e nemmeno lo squamano sia per tutto il resto. Sempre al porto compero un connetto da 1 Kg per 1 euro

Ritorniamo in campeggio con il taxi per 0.5 euro e alla sera ci mangiamo il pesce fatto come di solito siamo abituati, pulito, e servito bene.

29^-30^ -- 6 7 Febbraio Km 0

Restiamo fermi a Essaouira ritornando in paese a comperare il pesce

31^-Domenica 8 Febbraio Km 148

Trasferimento da Essaouira a Taghazout. Prendiamo la statale costiera P8, bella strada. Si passano alcuni paesi come Smimou e Tamanar in cui ci si ferma per vedere i mercati e le varie merci che vendono.

Quando si arriva in vista del mare i panorami sono molto belli da Cap Rhir fino ad Agadir. Noi ci fermiamo prima al campeggio di Taghazout perché abbastanza libero ed in riva al mare.

Non è un gran campeggio ma sempre meglio che campeggio libero per 5 euro c'è la corrente, l'acqua da cisterna, un buco dove scaricare, in teoria anche le docce calde.

32^-Lunedi 9 Febbraio Km 0

Restiamo fermi a Taghazout in campeggio. Un omino passa col pesce fresco al mattino. Andiamo a piedi in paese lungo la spiaggia a fare le spese e prendiamo tutte le informazioni per muoverci domani verso Agadir in autobus. Ci sono almeno 6 camper di italiani tutti con molta esperienza marocchina

33^-Martedi 10 Febbraio Km 0

Oggi siamo andati ad Agadir in BUS. Sono più di 20 Km ma si paga 0.4€. Bus comodo e frequente (20m') numero 60 oppure 12 (andando è l'unico ma tornando ci si deve ricordare il numero). Agadir è una gran bella città, moderna e pulita da dei punti a Casablanca. Abbiamo visto solo alcuni supermercati (Uniprix ed il Municipal) ed abbiamo visto, passando, il campeggio della città (molto pieno con i camper in fila per 2). I prezzi sono più alti che nei souk dei paesi (comunque sempre che da noi) ma si trova di tutto e di qualità superiore

34^-Mercoledi 11 Febbraio Km 0

Oggi siamo andati ad Agadir in BUS con la linea economica (0.33€ linea 12). I bus sono uguali ma cambiano i passeggeri, vedere un berbero con turbante e tonaca azzurra che prende un bus fa strano.

Oggi siamo andati al Souk, bello ma orientato al turista, per la quarta volta ho comperato un paio di ciabatte ma ho visto bei borsoni in pelle per 17€ molto belli.

Dal souk ci siamo spostati in taxi al porto (1.2€) dove abbiamo mangiato un favoloso fritto misto per due a 12€. Nel porto ci sono una trentina di Stand con pesce fresco da cucinare, sono in molti a mangiare, in prevalenza turisti ma anche locali. Gli Stand sono numerati,noi abbiamo mangiato allo stand 7,8,9 consigliato da italiani in patria. Rientrato in camper altri italiani mi hanno consigliato il 36 dove si paga 8€ in due e si mangia bene, vorrà dire che andremo a provare anche quello.

Nel pomeriggio sole e bagno, fa caldo ma l'acqua dell'oceano è fredda.

35^--45^ 12-22 Febbraio Km 230

Siamo fermi al campeggio di Taghazout. Ogni giorno ci si muove in autobus per Agadir o per Taghazout. Conosciamo tutti i locali dove si mangia pesce fritto che da un minimo a Taghazout (come entri a sinistra prima della piazza) a 4 € in due al più caro al porto di Agadir che fa 12 € sempre in due. Al porto comunque c'è del buon fritto al n.36 al prezzo di 8 € in due.

Le spese migliori si fanno al souk se sai trattare, altrimenti rinuncia e vai all'UNIPRIX in centro. Ai mercati generali (in centro dietro all'UNIPRIX) a piano terra trovi carne e pesce di qualità, c'è una delle rare macellerie di maiale per turisti (braciola a 9€, filetto a 12€, pancetta a 8€, e ci sono salsicce, salami e wurstell) prezzi europei.

A sud di Taghazout c'è l'iper Marjane, moderno, con tutto quel che può servire.

Da non trascurare il souk di Inezgane, 15 km a sud, più bello di quello di Agadir, con più negozi interessanti: lì ho trovato l'inverter, un riparatore mi ha aggiustato il vecchio inverter, ho trovato pannelli solari da 75W usati ma provati a 200€ e dei regolatori per pannelli come i nostri da 14 a 25€ a seconda della potenza.

46^-Lunedi 23 Febbraio Km 126

Oggi partenza per Tiznit. Usciti da Agadir verso sud ripassiamo per Inezgane e procediamo per la stataleP.30. Arrivati a Tiferhal trovo il cartello sulla destra per Sidi Rbat, si tratta di una oasi naturalistica sulle foci del fiume Massa. Un 10 Km ci porta alla fine della strada asfaltata dove parcheggiamo, e troviamo un paio di ragazzi i quali una ci fa da guardia al camper ed uno da guida lungo la strada sterrata spiegandoci tutto su flora e fauna. Abbiamo visto parecchie tartarughe d'acqua e vari uccelli di palude (costo dell'operazione ricca mancia di 2€ perché erano simpatici, bastava comunque 1€).

Il rientro in statale lo facciamo per sud passando il paese Massa e Tassila.

Arrivati a Tiznit si trova subito il campeggio appena entrati in paese sulla destra, è segnalato. E' piccolo, abbastanza curato e pieno, con almeno 30 camper sul piazzale all'esterno. Ci accontentiamo di un angolino dentro il campeggio (4€) per lasciare il camper custodito ed andare il giro per la città. E' bella e tutta racchiusa dalle mura, tutto negozietti ed una bella piazza. Ho trovato oggetti comperati ad nord a prezzo decisamente inferiore

47^-Martedi 24 Febbraio Km 81

Oggi partenza da Tiznit verso il mare a Sidi Moussa di Aglou. Strada tutta dritta che da Tiznit porta ad Aglou mare dove c'è pure un bel campeggio. Da Aglou parte a sud lungo il mare una nuova strada non segnalata sulle carte che si unisce a Mirleft alla vecchia strada. La scogliera è molto bella sopra tutto dopo Mirhleft, ci sono dei bei angolini dove fermarsi per mangiare. Arrivati a Sidi Ifni andiamo direttamente al mare dove c'è un campeggio ben curato. Ce ne è un secondo in paese che si trova sull'alto della scogliera. Molti lo preferiscono perché meno ventilato, infatti qui il mare è quasi sempre mosso e ventilato è comunque un paradiso per i pescatori.

48^-Mercoledi 25 Febbraio Km 186

Oggi partenza da Sidi Ifni ci dirigiamo ancora a sud verso Goulimine on po all'interno. Il panorama continua a essere molto brullo, niente alberi, tanta terra rossa che rende rosso tutto. Pochi Km prima di Goulimine, sulla sinistra si vede un aeroporto non segnalato, probabilmente militare, e 100 mt prima un cartello con scritto camping e bagni termali. Io sono curioso per cui devio (sono 10 Km) per Abaynou.

La strada è ampia ma la carreggiata asfaltata è stretta, nessun problema per assenza di traffico. Si arriva in questo paese, 4 case, con un albergo e tre aree di parcheggio-campeggio e due bagni termali (uno per donne e uno per uomini, pero dopo le 18 diventano misti). Ci sono una decina di camper e noi ci fermiamo per mangiare il cous-cous nell'albergo che ha una architettura molto originale, si mangia in tavoli bassi e dopo si guarda la TV sui divani contro il muro (in due 84€). Volendo c'era anche il vino.

Nel pomeriggio ripartiamo, passiamo Goulimine (famosa per il mercato dei cammelli) abbastanza moderna, e prendiamo la SS90 per ritornare a Tiznit. Sono 100 Km di montagna con un passo a 1000 mt. Montagna brulla, rossa, seminata di villaggi di pastori difficili da vedere, ho fatto delle ottime foto.

Nel pomeriggio arrivo a Tiznit e parcheggio in camping sempre affollato. Alla sera avendo rotto gli occhiali da sole, su consiglio di alcuni italiani, vado da un ottico che in due giorni mi fa occhiali da miope da sole il tutto per 75€. Decido quindi di fermarmi un paio di giorni e fare gli occhiali ad un prezzo decisamente conveniente (lenti miopia+oscuramento per sole 20€ , montatura 55€)

49^-54^ fermi 26 Febbraio - 2b Marzo Km 0

Fermi a Tiznit sia perché anche mia moglie ha ordinato gli occhiali, sia perché la batteria del motore mi ha piantato sia perché piove sia perché si sta bene. Per la batteria i prezzi sono italiani nel senso che un 70Ah fa 65 € , per ora la ho ricaricata se devo comperarla cercherò a Inezgane o Agadir. Ottimo il pesce, ci sono tre mercati da fare di pomeriggio, ci sono sarde da 200gr, sembrano sgombri. Quando è arrivato il sole ho visto gente che essiccava pomodori. In pratica qui c'è una comunità di italiano che svernano per 4-6 mesi da molti anni, se serve qualcosa basta chiedere a loro che sono esperti, ci si sente sicuri.

Molti si fanno le protesi dentarie a prezzi decisamente dimezzati, ho visto i lavori fatti e sono eccellenti.

55^ mercoledì 3 Marzo Km 109

Partiti da Tiznit con obiettivo le montagne interne di Tafraout. Tutta strada di montagna , si passano i 1100 mt su strada normale, un po' stretta ma con pochissimo traffico. Ci fermiamo in un paese intermedio perché c'è il mercato. Il panorama cambia notevolmente, gli alberi si fanno nuovamente rari, molta roccia di colore rosa pochi le costruzioni che si raggruppano nei punti dove si trova acqua.

Tafraout è un paese caratteristico, su una piccola valle (una ex oasi) contornata da roccia di granito rosa.

Piccolo ma sufficiente il campeggio, mentre sono numerosi i camper liberi all'ingresso del paese.

56^ giovedì 4 Marzo Km 189

Partiti da Tafraout affrontiamo la vallata per andare ad Agadir. La vallata è molto bella, la strada abbastanza stretta si sviluppa tutta sui 1000 mt ma il traffico è praticamente nullo, sono 140Km di montagna.

Arrivati a Inezgane ritiro l'inverter che avevo portato a riparare e che ora funziona poi di corsa al Marjane per fare scorta di vino e poi in campeggio a Taghazout che già avevamo conosciuto all'andata.

57^-58^ 5-6 Marzo Km 61

La mattina a fare gas (bombola da 10Kg più una da 1Kg 13,6€, propano, l'altra volta ho pagato 4,5€ ma forse era butano), poi in centro per prelevare soldi. Io i codici non li ricordo ma pur avendo la Visa diventa drammatico ritirare soldi anche in banca, molte banche non hanno il macchinino che invece hanno i supermercati e i commercianti. Comunque vi avviso che la Visa non è una panacea, spesso manca la linea e spesso si trova solo ed unicamente nei negozi che io non frequento (per turisti e souvenir) mentre manca in quelli essenziali, non parliamo poi dei distributori in mezzo alle montagne o nei campeggi.

59^ domenica 7 Marzo Km 213

Partiti da taghazout per l'interno statale P.32. passiamo vari paesi molto animati perché è domenica. Dopo circa 90 Km arriviamo a Taroudannt dove ci fermiamo lungo le mura su un parcheggio sorvegliato vicino ad un lussuoso albergo. Visitiamo la città che risulta totalmente cintata da grosse mure. Sempre in quel parcheggio (0,5€) ci fermiamo per mangiare poi, verso le 3 del pomeriggio, partiamo per Taliouine dove arriviamo dopo un paio d'ore e ci fermiamo proprio in centro presso un albergo camping tutto fare. Ha solo 8 piazzole ma siamo in due. Visita del paese, che è piccolino, e poi parecchi negozi sono chiusi essendo domenica.

60^ lunedi 8 Marzo Km 189

Partiti da Taliouine si procede per una prima vallata fino a Tazenakht. Si tratta di una vallata tutta in quota da 1500 a 1800 mt abbastanza desolata, niente alberi ma colori vivaci dal rosso all'ametista. Arrivati a Tazenakht si fa benzina, spese varie, e si visita qualche venditore di tappeti berberi veramente belli originali ed al di fuori del turismo.

Si affronta subito la seconda vallata per Tabula (grande bivio per Marrakech), si sale un po' fino a 1700 mt per poi scendera gradualmente fino alle miniere di ferro; molto belli i panorami con l'Atlante innevato mentre noi soffrivamo il caldo con 30 gr all'ombra.

Arrivati al bivio prendiamo la statale per Ouarzazate ma dopo 5 Km, sulla sinistra, andiamo a visitare il villaggio Ait-Benhaddou (sito dell'Unesco) che dista 10 Km di buona strada. Parcheggiamo in un piazzale (0,5 €) ed andiamo a visitare questo villaggio che è ormai diventato un museo-monumento. Sono molto poche le persone che lo abitano, numerosi invece i turisti che arrivano con le jeep delle gite organizzate. Questo villaggio è famoso soprattutto per i film che sono stati girati.

Ritorniamo in statale dopo aver mangiato in camper ed arriviamo nel pomeriggio a Ouarzazate. Per trovare il campeggio bisogna passare tutto il paese verso est. Campeggio buono ed alla sera abbiamo ordinato un piatto speciale locale "la pastilla" che viene servito in camper, the compreso.

61^ martedi 9 Marzo Km 0

Fermi a Ouarzazate per la visita alla Kasbah

62^ mercoledi 10 Marzo Km 228

Partiti lungo la sttale per la visita alle gole. La strada è bella e tutta in quota con sulla sinistra l'Atlante pieno di neve, ciononostante siamo sopra i 25 gradi. I panorami si fanno sempre più colorati di rosso intenso, vegetazione nulla. Prima tappa al paese delle rose El-Kelaà des Mgouna. Si trotta di un paese che è nato su una piccola valle fortunata (c'è acqua) pieno di alberi e di siepi di rose selvatiche da cui ricavano quintali di petali di rove. Paese troppo turistico per noi, non comperiamo neppure l'acqua di rose che sapeva molto di acqua e poco di rose e pensare che chiedevano più di 50 dirham per un foular uguale a quello comperato a Ouarzazate per 15.

Arriviamo a Boumalne des Dades dove inizia la vallata con le gole del Dades, dicono belle, ma io dopo 4 Km devo rinunciare per brutto fondo stradale, asfalto quasi assente ma soprattutto troppe buche, ed io ho già una fessura di 1 metro sul parabrezza anteriore. Non mi consola il fatto che una impresa sta rifacendo la strada, però può essere una buona notizia per i visitatori del 2005.

Procediamo per la seconda vallata che dista altri 50 Km la vallata del Todra. Prima ci fermiamo al souk settimanale del paese per fare spese.

Giunti a Tinerhir ci addentriamo in vallata che risulta avere buona strada, arrivati alle gole (6Km) si paga 0,5€ per passare ma merita, la strada è bellissima, larga, e lo spettacolo delle gole è unico. Passate le gole procedo per altri 20 Km fino al paese Tamtattouchte che merita in quanto ha moltissime costruzioni simile a piccole Kasbah, molto belle, per chi vuole si può sostare anche con il camper, alcune trattorie si sono organizzate con delle mini aree di sosta a pagamento.

Torniamo all'inizio della vallata, paesino Ait Guaritane, dove ci sono 4 piccolissimi campeggi e noi scegliamo quello con la piscina, si paga di più (6€) ma è molto pulito, bello e con le docce calde gratis.

63^ giovedi 11 Marzo Km 150

Partiti dal campeggio ci fermiamo all'incrocio, in vallata a Tinerhir per fare benzina poi procediamo verso est passando Tabesbeste e Tinejdad. In questo paese lasciamo la statale P32 per prendere una strada 3451 per Erfoud (sul cartello stradale è scritto Arfoud). La strada è buona tutta asfaltata tranne l'ultimo tratto (5 Km) perché una impresa sta rifacendo il fondo.

Si passano paesini che merita fermarsi a vederli, Igli, Touroug, Jorf. Qui il livello di vita è più basso, quindi fornitevi di tante caramelle per i bambini, comunque ho notato molte scuole e tutti i bimbi di tutte le età che andavano a scuola, magari facevano 10 km a piedi ma andavano.

Si incontrano molte aree desertiche non più sassose ma sabbiose, ma anche molte oasi di verde e palmeti con delle kasbe in disuso.

Giunti a Erfoud ci fermiamo nel campeggio comunale ben segnalato.

Alla recepsion ci propongono un giro in jeep fino alle dune di Merzouga lungo la pista del deserta per vedere le grandi dune dal retro (a mergouga si arriva anche in camper) prezzo 100€ per jeep e 10 € per il pasto, molto interessante.

64^ venerdi 12 Marzo Km xx

Partiti da Erfoud sulla P.21 verso sud si arriva a Rissani che è un paese più grande e più moderno di Erfoud con distributori banche e negozi. Direi che Erfoud non è piu la porta sul deserto ma ora lo è Rissani.

Poco prima di Rissani sulla destra parte una strada asfaltata la 3454 che porta al passo Ouchchane segnalata in direzione Zagorà, chi ama l'avventura potrebbe fare i 55 Km che portano al primo paese, poi, che sappia io, non è più asfaltata.

Lasciato Rissani, sempre verso sud, c'è una sola strada asfaltata bella a due corsie (non segnalata sulle carte) che porta a Merzouga con sul cartello indicato Merzouga e Taouz (confine). La strada è bella ma si è veramente nel deserto, vento e sabbia che entrano dappertutto, spesso la sabbia invade la strada ma comunque è abbastanza trafficata da turisti.

Merzouga non è un vero paese, è una borgata sorta ai piedi delle grandi dune e punto di appoggio per le varie miniere e per coloro che costruirono l'invaso che dista 3 km. Lungo la strada, che fiancheggia la grande duna, si troveranno numerose indicazioni riferite ad alberghi motel camping tuttofare che distano 2-3km, io consiglio di andare fino in piazza a Merzouga dove finisce l'asfalto, e li chiedere dell'hotel KSAR SANIA che dista 200 mt dalla piazza a destra, ve lo consiglio perché è gestito da una francese, molto curato con acqua calda gratuita, bei bagni, qualche albero, e pulito! (site web ksarsania.com).

Da questo campeggio si va nelle dune a piedi perché sono proprio dietro il muretto di cinta, ci sono poi varie opportunità come giri in cammello o in jeep di cui non mi sono informato.

65^ sabato 13 Marzo Km xx

Partiti da Merzouga un po' in anticipo, tira vento e troppa sabbia che entra dappertutto. Risaliamo a Rissani, poi a Erfoud e procediamo a nord lungo la valle dello Ziz. Praticamente di costeggia il fiume e quindi tutte le oasi che stanno sulla sinistra. Ci fermiamo a Aoufossus per fare spese e ci fermiamo a mangiare in uno slargo-belvedere a Oulad-Aissa (se fa caldo, c'è una strada in discesa che va nell'oasi dove c'è un camping molto alberato che ho scoperto dopo aver mangiato al sole, camping non segnato nelle guide del marocco).

Dopo 10 km ci fermiamo a Meski dove c'è una bella area di parcheggio-campeggio vicino a una fonte con piscina, molto alberato e rilassante. (4€)

66^ domenica 14 Marzo Km 154

Partiti da Meski arriviamo a Er Rachidia costeggiando il fiume e quindi tutte le oasi che stanno sulla sinistra.

Passiamo la città che è bella grossa e prendiamo la P21 per nord fiancheggiando il lago artificiale ed entrando nelle gole del Ziz. I soliti colori rossi molto intensi, passiamo anche una piccola galleria. Il panorama è desertico ma di montagna, passiamo il passo Tairhemt a 1907 per poi scendere a Midelt a quota 1488 dove ci fermiamo nel campeggio municipale, dietro lo stadio.

Non è un gran campeggio e si fatica a chiamarlo tale, ma troviamo acqua corrente gabinetti per 2,4€

Interessante il giro della città, c'era il souk, e molti vendevano minerali. Midelt è una citta con miniere.

67^ lunedi 15 Marzo Km 136

Partiti da Midelt sempre verso nord per la P21 passiamo Zeida, e poi si sale fino al passo Zad a 2178 metri. Da qui si rimane in quota per una cinquantina di Km fiancheggiati dalla neve. Si comincia a vedere alberi, quercie e cedri del libano (come i nostri pini ma più mastodontici). A 10Km da Ozrou gli alberi si intensificano e sembra di passare una foresta. Ci fermiamo a mangiare in uno slargo, spruzzato di neve tra grandissimi alberi quando scendono dagli alberi delle scimmie, prima poche, ma poi, quando diamo da mangiare del pane arrivano a circa 20 tra grandi e piccole.

Dopo pranzato ci dirigiamo per Azrou ma senza entrare deviamo per Fes e ci fermiamo dopo 15 Km a Ifrane. Questo è un paese strano, sembra essere nelle dolomiti, case con tetto spiovente e tutto moderno. Troviamo il camping municipale in un bellissimo parco con acqua e corrente, peccato che i servizi non siano all'altezza dell'ambiente.

68^ martedi 16 Marzo Km 65

Prima di partire giriamo questa strana città, Ifrane, che non sembra assolutamente una città del Marocco. Tutte le case con il tetto spiovente parchi a non finire mercati molto ordinati.

Procediamo a nord sempre per la P24 passiamo alcuni grossi paesi dove facciamo la solita spesa (pane, verdura fresca ed arance). Ad una decina di Km da Fes lasciamo la statale per andare sulla statale P20 che viene da Sefrou, questo sia per vedere la rigogliosa campagna di Fes sia per entrare a Fes da quella strada in cui c'è il campeggio (vicino al grande stadio moderno ben visibile da lontano sul libretto del TCI a pg 122-123 si trova fuori carta a sud F3 sulla statale per Sefrou).

Ci accampiamo e riposiamo tutto il pomeriggio e prenotiamo una visita guidata in taxi per l'indomani mattina

So di un secondo campeggio, (camping le diamant vert) a 5km sud della città in un parco di eucalipti (park de loisirs) utile per l'ombra d'estate.

69^ mercoledì 17 Marzo Km 0

Fermi a Fes. Alle 9 partenza con la guida in macchina per Fes.

Prima giro panoramico per fare le foto dall'alto, le città sono tre e sono separate, la città moderna, la città vecchia e la città alta, poi ingresso nella vecchia città.

Prima visita alla fabbrica delle ceramiche, interessante, qui fanno tutto a mano anche le cose più banali come le piastrelle fatte con lo stampino. Visita poi al quartiere dei tintori, molto spettacolare, si tratta di una grande piazza con tutte le vasche di tintura a cui non si accede ma si può vederla dalle varie terrazze monopolizzate dai venditori di pellame.

Visita alla medressa (1€/p), al museo (2€/p) e poi giri infiniti nelle varie zone delle medina tutte interessanti. Guida piu taxi con mancia finale 20€, ovviamente la guida ti porta dai vari mercanti di ceramica, tappeti e pellame che sono suoi amici però penso che questo sia l'unico approccio a Fes possibile, nei giorni successivi è possibile affrontare la città vecchia anche da soli..

Pomeriggio a riposo perché veramente stanchi

70^ giovedì 18 Marzo Km xx

Si decide di muoversi in camper per girare, più che per visitare, le tre città di Fes. Passiamo tutta la parte nuova fino a trovare il grande viale Hassan II che porta all'esterno della parte vecchia (Fes el Bali). Si costeggia le mura a sinistra ed il fiume a destra fino ad arrivare ad un parcheggio (forse l'unico) molto comodo vicino alla porta Jedid. Ci sono tre aree di parcheggio 2 asfaltate ed una no comunque custodite da guardiani quindi sicure. Parcheggiamo (0.5€) e passando per la Bab el Jedid entriamo nella medina attraverso una strada ampia (passano le macchine) quindi facilmente riconoscibile per il ritorno. Si cammina per 1 Km e la strada finisce in una larga piazza. Da qui ci inoltriamo sulla sinistra nella medina rifacendo più o meno le viuzze che ieri avevamo fatto con la guida, esiste una regola ben precisa, siccome la strada principale è bassa e la medina è in salita, basta scendere e si ritorna nella strada. Non ci siamo persi comunque abbiamo visto con calma, cose che ieri non avevamo visto con la guida. Abbiamo fatto spese e poi a nostro rischio e pericolo, ci siamo fermati a mangiare in una friggitoria, 2x3mt, con la vasca dell'olio bollente in strada ed un rientro con una panca ed un tavolo all'interno. Molto folcloristico, sardine in pastella fritte con crochette di patate e salsina al pomodoro per due 3.5€. Sono passate 8 ore e sto scrivendo e sto bene ma non so il mio colesterolo a che livello sia.

Ritorniamo al parcheggio, beviamo un po' di vino e caffè e partiamo per Meknes. Io non sapevo che ci fosse l'autostrada, la prendo più per sbaglio che per volontà e in una ora usciamo a Meknes (2€).

Arrivato vicino alle mura di ingresso comincio a girarci attorno sperando di trovare un cartello indicatore, penso di aver girato attorno a tutto Meknes senza trovare niente allora chiedo ad un vigile ed in due minuti entro in campeggio, non lo trovavo perché è dentro le mura nella zona a sud, se avete il libretto del TCI pg138-139 lo trovate in F4 dove è scritto Scuola di agraria, bisogna passare davanti alla Città Imperiale e passare due portali ed una bella piazza.

E' presto e decidiamo di fare un giro a piedi, la Medina non è lontana sono 2-3Km arriviamo fino alle porte ma poi decidiamo per un rientro vista l'ora tarda (petit taxi 0,5€).

71^ venerdì 19 Marzo Km 0

Si va alla medina di Meknes in taxi (0,6€), interessante come tutte le medine, bello il mercato coperto dove esiste una zona dedicata interamente ai dolcetti ed una alle olive.

Visitiamo dalol' esterno le due moschee ed il palazzo, belli i portoni di ingresso al palazzo reale.

Nel pomeriggio visitiamo i granai

72^ sabato 20 Marzo Km 189

Si ritorna in medina per fare altre spese convenienti, come la carne ed i foulard.

Si parte poi per Volubilis passando per Moulay Idriss, quest'ultimo paese sul colle, comodo da visitare perché in cima c'è un parcheggio contiene i resti del Moulay Idriss che è un punto focale per i mussulamani del Marocco, comunque non visitabile.

A Volubilis nel parcheggio mangiamo e poi visitiamo i resti della città romana del 200 ca. Visita molto interessante soprattutto per i mosaici che però essendo allo scoperto ed alle intemperie non sono ben tenuti.

Lasciato Volubilis partiamo per ilnerd direzione Tetuan e ci fermiamo a CheChaouen, piccolo paese di montagna con un bel campeggio a 90 Km da Ceuta. E' un campeggio che consiglio se fa caldo perché è molto alberato ed in montagna, difficile da identificare comunque, quando si è in centro del paese, un pò più verso nord, seguire la freccia per l' hotel Asmaa che si trova in salita a 100 mt sopra il paese con due bei tornanti da fare.

73^ domenica 21 Marzo Km 374

Si parte per Ceuta con l'intenzione di traghettare. E' domenica, alla frontiera poca gente (circa 1 ora), a Ceuta tutti i negozi sono chiusi per cui ci si imbarca subito dopo il pranzo.

Una ora di traghetto e poi via autostrada si parte tutta una tirata fino a Granada, stesso campeggio che avevamo utilizzato alla andata.

74^ lunedi 22 Marzo Km 669

Si parte da Granada e si procede velocemente sempre in autostrada per Guadix, baza, Lorca Murcia Murcia Elche Alicante Valencia Castellon. E' una bella tirata e tenendo presente che gran parte della autostrada è gratuita nella parte finale ho pagato 16 € ma ho fatto 600Km.

Esco a Castellon e mi fermo pochi km dopo a Benicassim in un campeggio.

75^ martedi 23 Marzo Km 486

Si parte per il confine Francese lungo la statale. A sud di Tarragona prendo l'autostrada fino a nord di Barcellona (è gratuita) poi procedo in statale per Girona, Figueras e Jonquera. Passato Perpignan in Francia vado al mare verso Port leucate dove ci sono dei camper service buoni.

76^ mercoledi 24 Marzo Km 360

Si parte per Narbonne e Bezieres. Qui si devia al mare per Adge e Sete. A Sete si va al porto a chiedere informazioni della linea COMARIT. In effetti quello che si era sentito in Marocco è vero. La Comarit offre il passaggio per camper e due persone e un animale con cabina per dormire andata e ritorno per 600€. Ma solo nel periodo invernale che, in teoria inizia il 1^ Ottobre però per il 2004 è tutto da vedere. Per informazioni sete@clbliner.fr oppure tel.: 04.67.80.75.40 opp. Fax 04.67.80.75.49.

In Francia si chiama CBL LINER zona portuaria Gare Orsetti Cidex 13 34200 sète

In Marocco si chiama COMARIT Angle avenue des FAR , Rue de Marseille Tangeri

Torniamo in statale per Mompelier Nimes Arles Aix ed a Brignoles ci fermiamo in un campeggio in statale (a est di Brignoles)

77^giovedì 25 Marzo Km 560

Si parte per tornare casa. Si entra in autostrada a Frejus in Francia e si esce a Cremona in Italia. I costi autostradali risultano: 33,5€

 

 

 

 

SPESE

spese extra = 298

55€ un inverter perché si è bruciato il mio (si trovano a Inezgane a riparare)

66€ scheda di memoria per foto digitali (in un Marjane)

10€ piccola radio a onde corte (al souk)

75€ occhiali da sole e da miopia completi di montatura (a Tiznit)

20€ cambio lenti a 2 paia di occhiali da miopia

25€ cambio lenti da sole a 1 paio di occhiale da presbite

13€ riparazione inverter

34€ due martinetti idraulici da 3 ton, al posto dei piedini che non ho

25€ un prosciutto crudo spagnolo

20€ una tendina da campeggio e una cesoia

spesa del traghetto

255€ 255€

spese viaggio

2400€ in totale di cui 666€ (28%) di gasolio

clicca sul foglio per vedere i dettagli

LUOGO PARK €/notte GIUDIZIO PERCHE'

1 Lodi park lungo la strada - discreto tranquillo periferia

2 Ovada area attrezzata - discreto servizi chiusi

3 Carro camper service 4.60 ottimo con scarico e acqua

4 Grau Leucate camper service - discreto acqua chiusa

5 Deltebre park supermercato - passabile tranquillo

6 el perello camping 14.00 scadente con servizi e acqua calda

7 cular distr. Benzina - passabile con bar e acqua e docce

8 granada campeggio 14.00 buono docce al caldo

9 granada campeggio 14.00 buono docce al caldo

10 alcegiras park porto - passabile nessun serv. Rumoroso

11 larache area comarit 2.00 buono area di sosta con serv

12 larache area comarit - buono bar e ristorante

13 larache area comarit - buono acqua e scarico

14 sale-rbat camping 8.00 buono docce calde

15 sale-rabat camping 8.00 buono vicino città

16 sale-rabat camping 8.00 buono con luce

17 casablanca camping 8,00 buono con luce docce calde

18 casablanca camping 8,00 buono taxi 1.7€ per centro

19 casablanca camping 8,00 buono taxi 1.2€ al Marjanne

20 el Jadida camping 7,40 buono taxi in città 1.0€

21 el Jadida camping 7,40 buono c'è bar e piccolo market

22 safi camping 6,00 buono in rifacimento

23 marrakech camping 4,80 scadente vecchio, acqua no buona

24 marrakech camping 4,80 scadente docce fredde

25 marrakech camping 4,80 scadente bus per centro 0,3 €

26 ounara campig 7.00 ottimo pulito gestore non maroc.

27 essaouira camping 4,50 buono troppo pieno

28 essaouira camping 4,50 buono 0.5€ taxi in centro

29 essaouira camping 4,50 buono docce calde 0.7€

30 essaouira camping 4,50 buono

31 taghazout camping 4,5 scadente wc impraticabili

32 taghazout camping 4,5 scadente acqua non potabile

32 taghazout camping 4,5 scadente spiaggia comoda

33 taghazout camping 4,5 scadente 0,4€ per agadir bus

34 taghazout camping 4,5 scadente negozietto con tutto

35-45 taghazout camping 4,5 scadente vale per il mare vicino

46 Tiznit camping 4,0 passabile comodo in paese

47 sidi ifni camping 5,2 buono in riva al mare

48-54 tiznit camping 4,0 passabile in paese

55 tafraout camping 4,5 mediocre in paese

56-58 taghazout camping 4,6 scadente ma al mare

59 taliouine camping 5,5 passabile un albergo

60-61 ouarzazate camping 6,0 buono municipal un po' fuori

62 todra hotel-camping 6,5 ottimo hotel con piscina unico

63 erfoud camping 5,5 buono piccolo ma bello

64 merzouga hotel-camping 6,0 ottimo gestione francese

65 meski park-camping 4,0 buono con piscina alla fonte

66 midelt camping 2,4 scadente no docce

67 ifrane camping 5,4 bello servizi scadenti

68-69 fes camping 11,0 buono docce calde

70-71 meknes camping 8,5 buono

72 chechaoua camping 5,5 buono alberato e fresco

Camper e Giramondo Home Page