Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi Estivi:
Irlanda, Norvegia Baltico
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

MAROCCO 2005 (dal 25/01/2005 al 11/3/2005)

Prian Sandro e Nadia - McLuis 262 su ducato 1.9 TD

PREMESSA

Nel 2004 (gen/feb) ho fatto un bel giro del Marocco ed in merito esiste un diario di viaggio assai completo in http://www.camperisti.it/b/maroc4.htm oppure nel mio sito http://prian.freeweb.supereva.it/ . Ora per non ripetermi, in questo diario faccio riferimenti ai prezzi, ai siti dove sostare, alle procedure di confine, ai problemi di nave, tralasciando la parte turistica delle grandi città come Rabat, Casablanca, Fez, Meknes, Marakesch, Agadir per le quali fa testo il mio diario precedente.

L'idea di rifare il Marocco è di mia moglie, io non amo andare in posti già visitati però devo dare atto che la salute di mia moglie, dopo due mesi di Marocco, è decisamente migliorata per cui si è ritornati a svernare sull'Atlantico..

Nave

Quest'anno, 2005, decidiamo di andare in Marocco in nave. Le compagnie marocchine fanno delle buone offerte per cui ne ho approfittato. Le proposte del 2004 erano:

Forfait per Camper + 2 persone + 1 animale + cabina 1^classe per 2 persone più 4 pasti A e 4 al R per 600 euro se si parte da Sete (Francia) con la compagnia Comarit e 750 euro se si parte da Genova con la compagnia Comanav (dopo il 1^gennaio, in Dicembre era a 600).

Poiché la decisione di andare in nave è nata all'ultimo minuto, io non ho prenotato, ed il giorno 9 Gennaio ho trovato delle sorprese:

  • la prima nave disponibile sia da Genova che da Sete era il 25 gennaio
  • il prezzo da Sete era salito con l'anno nuovo da 600 a 700 euro.

Queste informazioni me le ha date una agenzia di viaggi di Milano la Edlane (02_66823051) ma essendo io lontano da Milano, la stessa agenzia mi ha consigliato di rivolgermi alla AMU di Genova, l'agenzia specifica della compagnia marittima Comanav con sede al Terminal Marittimo di Genova. La procedura che ho adottato è stata la seguente:

  • io telefono alla AMU di Genova (tel.010_2462396 fax 010_2517294) che mi manda via fax il preventivo e le modalità di pagamento
  • vado in banca e faccio l'intero versamento
  • rifaccio un fax con copia della ricevuta del versamento fatto
  • la AMU mi ritorna un fax di conferma con orari e date

Risulta ovvio che arrivati a Genova sono andato subito alla agenzia AMU al Terminal Marittimo per ritirare i biglietti ed avere informazioni più dettagliate.

Procedure di imbarco

Documenti necessari per l'imbarco sono:

  • il biglietto, se lo avete fatto via fax ritiratelo al Terminal Marittimo presso la compagnia
  • passaporti con bollo obbligatorio
  • libretto del camper

nessuno mi ha chiesto la carta verde che ovviamente deve essere valida per il Marocco (controllare perché me la hanno chiesta invece all'uscita dal Marocco)

Prima dell'imbarco:

  • una volta accodati sul molo compilate la scheda bianca con i dati anagrafici che vi ha dato l'agenzia al terminal, se non la avete andate a prenderla all'ufficio passaporti sempre sul molo.
  • Due ore prima dell'imbarco andate con la scheda bianca e con il passaporto all'ufficio passaporti per i timbri. Una persona può fare tutto per più persone, anche perché la coda è lunga.
  • Ritornare in camper ed attendete l'imbarco.
  • All'atto dell'imbarco un poliziotto ritirerà le schede bianche compilate e timbrate dalla polizia
  • Nessun controllo al camper

Dentro la nave

Fate molta attenzione, e non scherzo, alla sistemazione del camper. Ogni traghetto fatto ho visto succedere piccole e fastidiose rogne:

  • tirate bene il freno a mano
  • mettete le zeppe di legno sia davanti che dietro non aspettate che a metterle siano i marinai e controllate anche il mezzo che sta davanti e dietro a voi abbia le zeppe altrimenti mettetele voi.
  • Se lateralmente ci sono cavalletti, attrezzi, barre, o altri oggetti che sbandando possano urtare il camper spostateli senza dire niente a nessuno.
  • Se volete la corrente a 220 V. chiedetela perché quasi sempre è disponibile
  • Non usate il gas e chiudete le bombole se non lo fate sete incoscienti.

Ricordatevi che io sono partito con un mare calmissimo e arrivati verso le Baleari il mare era forza 9 con onde da 14 metri

In nave

Durante il viaggio vi daranno un'altra scheda bianca da compilare con i dati anagrafici e da consegnare in reception presentando il passaporto.

Una seconda scheda verde da compilare con i dati del veicolo che consegnerete successivamente allo sbarco (vedi foto più avanti).

Allo sbarco

Dopo aver radunato tutti i camper, un gendarme ritira i foglietti verdi (più avanti nel diario ne vedete la copia) lui stesso li controlla col libretto alla mano e dopo circa 20 minuti le restituisce.

Controllare bene la data di scadenza perché il permesso è valido per 6 mesi ma spesso danno solo un mese come è successo al sottoscritto

CAMPEGGI E BOMBOLE GPL

Chi affronta il Marocco se è la prima volta sente la estrema necessita di avere la disponibilità di un campeggio per avere sicurezza inoltre, dovendo fare un viaggio sicuramente duraturo ha la necessità di trovare le bombole di gas.

In merito a questi due problemi io ho acquistato un piccolo libro (11 euro) in Marocco al supermercato Marjanne (a Tangeri, Rabat, Casablanca, Agadir ecc..) di cui vi consiglio l'acquisto. Questo libro suddivide il

Marocco in sei zone e per ognuna da i campeggi disponibili, qualche commento e dettagli per arrivarci.

Allego, qui sotto due delle sei tabelle che riguardano la costa atlantica che va da Tangeri ad Agadir. Come di vede (i punti arancione) ci sono ben cinque punti ove andare a riempire le bombole. Le bombole marocchine (come quelle francesi) hanno un attacco quasi uguale al nostro ma leggermente più grosso. Tutti i caricatori hanno la riduzione, quindi non preoccupatevi, però ho visto (al souk di Agadir) che vendevano il nipples di adattamento che vi consiglio di comprare.

Le bombole non si cambiano, si riempiono al costo 8-12 euro per 10 Kg se propano 4-6 euro per butano

I piccoli triangolini sono i campeggi disponibili che sono molti.

 

 

CAMBIAMENTI TRA 2004 e 2005-01-29

Un anno è troppo breve per vedere cambiamenti in un paese comunque alcune cose sono certe:

  • il gasolio che variava da 5.70 a 5.80 dirhan ora è a 6.00 o 6.17 dirhan (10 dirhan circa 1 euro) non ho mai usato il gasolio europeo che costa 1 dirhan di più. Se si scende a sud (dopo Guelmine in provincia di TanTan) il gasolio scende a 3,10 dirhan e la benzina a 5,20 dirhan
  • numerosissimi i cantieri edili, circa il doppio dell'anno precedente, sembra che tutti vogliano la casa nuova, ma anche nel campo pubblico, scuole, stadi, strade e acquedotti e ponti.
  • L'autostrada costiera arriva fino a 10 km a sud di Casablanca mentre a nord finisce a Asilha ma è quasi pronta fino a Tangeri.
  • Prezzi della frutta e verdura circa 1 dirhan più elevati ma forse è dovuto alla neve ed al gelo del mese di gennaio

- A Kenitra ho trovato un nuovo ipermercato della linea Geant

 

 

 

 

VALUTA & PREZZI

CAMBIO

1^cambio 1€ = 10.980 dhr tangeri

2^cambio 1€ = 10.885 dhr agadir

3^cambio 1€ = 10.854 dhr tiznit

4^cambio 1€ = 10,924 dhr sidi ifni

5^cambio 1€ = 10,908 dhr marrakech

PREZZI REALI (1 euro = 10,9 dhr circa)

Pomodori mercato al Kg 3 dhr

Pane al Kg 6 dhr

Carne capretto al Kg 60 dhr

Carne manzo al Kg 70 dhr

Acqua min. ferma 5 lt 14 dhr

Acqua min. 6 bott 9 lt 20 dhr

Merluzzo fresco al Kg 40 dhr

Lavaggio biancheria 5 Kg 43 dhr

Tonno fresco bonito al Kg 20 dhr

Caffe bar centrale 70 dhr

Bus Agadir-Tagazout 20km 4 dhr

Una rosa fresca 2 dhr

Vino nero/bianco locale al lt 24 dhr

Latte intero al Lt 8 dhr

Pasta Barilla al Kg 24 dhr

Olio di oliva buono al lt 32 dhr

Coca cola lattina 3,9 dhr

Latte intero al Lt 8 dhr

Lenticchie al kg 3,8 dhr

 

A fianco lista prezzi ufficiali ad Essauria delle trattorie al molo

ACQUISTI PARTICOLARI

Decoder digitale 12V 90 €

Pannello solare usato 75W 180 €

Pannello solare nuovo 75W 280 €

Motore x parabola 13 €

Parabola 100 cm + illuminatore 23 €

Lenti bifocali da sole 50 €

Lenti da miopia normali 10 €

Coppia di mini box per lettore CD 10 €

Cavo scart per decoder 1.5 €

Mazzetta da 1 kg 3.3 €

Stoffa impermeabile cotone per tende 3 €/metro

Fornello da campo in ghisa 5 €

 

 

 

 

 

 

DIARIO

Lunedì 24/01/2005

Arriviamo a Genova verso le 16,00 . Prima impresa trovare il Terminal per ritirare i biglietti. Il Terminal è in una posizione infelice, all'inizio di via Milano venendo da ponente, ma verso il mare proprio in una rotonda sotto la sopraelevata. Dopo aver girato due volte la rotonda ho parcheggiato proprio davanti in pieno divieto.

In pochi minuti ho ritirato il biglietto e le indicazioni minime necessarie.

Uscito dalla zona vietata ho notato un grosso parcheggio COOP poco più in là.

La seconda impresa è stata quella di infilare il molo 11. che è siglato TANGERI. Dopo aver infilato il molo per TUNISI, dopo alcune sterzate sono arrivato al molo 11 e mi sono accodato ad altri 5 camper già pronti per dormire.

 

Martedì 25/01/2005

Sveglia alle 7.00 per compattare la coda dei mezzi. Ricerca di una tabaccheria per comperare i bolli del passaporto che per fortuna si trova proprio a 100 metri dal molo, uscendo a destra .

Compilazione dei dati anagrafici su di un cartoncino bianco ed alle 8.30 fila chilometrica all'ufficio passaporti per il timbro (più di una ora)

Imbarco sulla nave Ouzud alle ore 10.00 e sulla rampa di imbarco consegna dei bigliettini bianchi con i dati anagrafici. Tutta la procedura nel dettaglio è descritta in PREMESSA NAVE qui sopra.

La nave parte abbastanza puntuale alle 12.00 Ore di nave previste 48.00 Si prende famigliarità con la cabina assegnata e si va a mangiare in salone tenendo presente che l'ora marocchina è -1.0 della nostra. Ci assegnano un tavolo e la giornata trascorre bene fino alla sera quando si alza un mare grosso che non ci farà dormire.

 

Mercoledì 26

Sempre in nave, soliti pasti il mare si è calmato

Giovedì 27 /01/2005

Sbarco verso le 13.00 e due ore di frontiera per consegnare e vidimare il bigliettino verde per l'autoveicolo, quello che si era compilato in nave con gli estremi del veicolo e che poi accompagnerà il veicolo in tutta la sua permanenza marocchina. Poiché ho lo scanner, dopo velo riporto qui sotto per capire come si compila.

Ci hanno radunato tutti in un angolo (11 camper), Hanno ritirato il bigliettino verde, dopo 20 m' lo hanno riconsegnato ma c'era un errore, quindi anche voi fate attenzione, avevano messo come data di rientro (VALABLE JUSQU'AU 26/02/05) un mese dopo l'arrivo. Dopo aver reclamato hanno ritirato tutti i biglietti e dopo 20 m' sono ritornati modificati con il massimo della permanenza possibile: sei mesi (24/07/05). Infatti mentre le persone hanno un massimo di 3 mesi (rinnovabile alla gendarmeria) i veicoli hanno un massimo di 6 mesi.

Appena fuori dei cancelli ci si ferma per il cambio valuta (1 euro = 10,98 dinari) in pratica nessuna differenza rispetto all'anno precedente.

Sono ormai le 17,00 e non ho voglia di fare strada allora mi butto al mare per fermarmi ad ASSILAH, bellissimo paesino, turistico abbastanza, due campeggi all'ingresso in città, (camping AS-SADA e camping ECHRIGUI sono contigui) costo 6 euro con la corrente. (io voglio sempre la corrente per il computer le cui batterie sono da cambiare).

Pur essendo buio facciamo un giro per la città, merita una tappa, c'è un bel forte sul mare un bel viale con vari ristorantini a buon prezzo (pesce 4 €, zuppe 2 €, verdura 2€) ed una medina moderna con vari negozi, il tutto molto pulito, direi che siamo assai lontani dalle medine del sud.

Per chi non ama il campeggio, All'ingresso del paese può seguire la via che costeggia il mare e che finisce contro il Forte in un bel piazzale dove ci sono sempre dei camper che soggiornano a pagamento (un parcheggio) penso da 1 a 2 euro .

Venerdì 28/01/2005

Alzati molto tardi. Gli amici conosciuti in nave sono gia partiti e noi programmiamo una discesa almeno fino a Casablanca. Stanotte la temperatura è scesa a 0 gradi quindi più velocemente si va a sud meglio è, Vorrà dire che le zone trascurate ora le vedremo con calma al rientro in Aprile.

Pochi Km a sud di Assilah c'è l'ingresso autostradale e ne approfittiamo. La prima tratta porta a Kenitra poi una seconda a Rabat, una terza a Casablanca una quarta, incompleta verso ElJadida. Il sistema di pagamento è misto come in Francia, una tratta si paga alla uscita le altre all'ingresso in totale ho pagato 10.3 euro per fare 300 Km

Ho fatto gasolio 2 volte a 0.60 euro, esiste anche un gasolio europeo a 0.70 che non ho fatto in quanto esperienze fatte l'anno scorso hanno dimostrato che non c'è differenza (per il mio motore Ducato 1.9 TD)

Mi fermo per dormire a ElJadida al campeggio international che già conosco a 7 euro con la luce. E' un campeggio sopra la media per chi sosta c'è un bel lungomare

Sabato 29 - Domenica 30-Lunedì 31/01/2005

persona

9 dhr

camper

15

Elettricità

10

Fermi a Essauria al campeggio vicino al faro (a sud della città) circa 2 Km dal porto. Ci sono varie possibilità di parcheggio anche in città sul lungomare o vicino al porto pagando 1 - 1,5 € a notte. A lato i prezzi del campeggio (10 dhr circa 1 €)

Questa è una delle città costiere che meritano la visita di almeno 3 giorni, sia per il porto del pesce, per i suoi cantieri e il suo mercato di tutti i generi.

Martedì 1/02/2005

Partenza per il sud lungo la costiera. I primi 80 km sono interni. Si passa Smimou,Tamanar dove ci sono mercati e distributori di benzina.

I successivi 80 Km sono tutti in costa al mare con bellissimi panorami e punti di sosta.

Ci fermiamo al camping di Tagazout a 15 Km nord di Agadir. Si fa presente che due Km prima hanno aperto un nuovo camping, ed essendo nuovo sarà decisamente migliore; in effetti qui a Tagazout il camping è molto "rustico"

Persona

5 dhr

Camper

15

Acqua

6

Elettricità

12

Tasse

2,5

 

Mercoledì 2 - Giovedì 3 - Venerdì 4 - Sabato 5 - Domenica 6 - Lunedì 7 - Martedì 8 - Mercoledì 9/02/2005

Fermi a Tagazout perché a sud il clima è peggiore, freddo e ventoso ed anche perché mi sono preso l'influenza. Questo non mi impedisce di mangiare pesce tutti i giorni

Quasi ogni giorno si va ad Agadir in autobus (0.4 €) sia per mangiare il pesce sia per negozi. A lato i prezzi del campeggio

 

Giovedì 10/02/2005

Giorno di trasferimento da Tagazout a Tiznit lungo la costa (sono circa 110 km), Ci si ferma all'ipermercato Marjanne (Agadir sud ) e poi anche al souk di Inezgane (10 km a sud di Agadir) per fare acquisti di elettronica: parabola, motore per parabola, ecc…

Venerdì 11 - Sabato 12 - Domenica 13 - Lunedì 14/02/2005

Persona (2g)

10 dhr

Persona (>2g)

7

Camper

16

elettricità

6

Fermi a Tiznit. Inizia il caldo vero 30 gradi di giorno 13 di notte. Ci si ferma più giorni perché è bello e comodo sia il campeggio che la città a due passi. Qui decidiamo di rifarci gli occhiali, come l'anno

precedente ma da sole:

  • bifocali bruniti per il sole solo lenti 50 euro
  • Doccia calda

    6 dhr

    Auto

    10

    Tenda

    7

  • da miopia 2 diottrie solo lenti 10euro
  • montatura economica 10 euro
  • montatura italiana 20-30 euro

Martedì 15/02/2005

Giorno di trasferimento fatto in due tappe per un totale di 140 km. Al mattino abbiamo fatto il pieno della bombola di gas (10 kg 4 euro) e poi lungo la costa verso sud.

A mezzogiorno abbiamo mangiato a Sidi Ifni dove ci sono due campeggi ed un buon mercato del pesce. Nel pomeriggio siamo scesi verso Goulmim ma prima di entrare ci siamo fermati ai bagni di Abaynou dove di sono 3 piccoli campeggi, ma soprattutto dove ci sono dei comodi bagni termali (1 euro di ingresso) misti (alla sera dopo le 19) dove abbiamo fatto una ora di ammollo. Questa è la lista prezzi di Abaynou:

Camping 1

40

Tagine de vivande 1/2kg

65

Acqua minerale 1/2lt

4

Camping 2 e 3

20

Tagine de pollo 1/2Kg

50

Acqua minerale 1,5lt

7

elettricità

20

Brachette Kg

70

Limonata 1/2lt

5

Piscina giorno

8

Vivande hache 1/2Kg

70

Limonata 1lt

8

Piscina sera

10

Couscous

40

Café

5

Massaggio 30 m

60

Salata verde

15

omelette

20

dove 10,8 dirhan sono sempre pari a 1 euro

 

 

 

 

 

Mercoledì 16/02/2005

Continua il trasferimento verso il sud. Passiamo Guelmin e prendiamo la statale verso Tan Tan. Prima della città, sul torrente Draa (vecchio confine) c'è un posto di blocco di quelli seri con controllo documenti, in pratica al cambio della provincia (da Guelmine a Tan Tan) corrisponde quasi un cambiamento di stato (dal Marocco all'ex Sahara spagnolo). Qui le città sono rare e sono rari anche i distributori dove però il gasolio scende a 0.300 euro al litro (e la benzina a 0.500).

Tenete presente che 200 mt prima del posto di blocco, sulla destra venendo da nord, c'è una pista di 2 km che porta ad un campeggio.

A Tan Tan facciamo spese e proseguiamo verso il mare. Al bivio verso Tan Tan plage (dove c'è il monumento con i 4 delfini) c'e un distributore ce n'è un successivo dopo 40 km ed un altro al paese Akhfennir dove ci fermiamo per fare i permessi in gendarmeria per entrare nell'oasi naturalistica (laguna) di Najlà (sidi Lemsid), comunque ho notato altri 3 distributori in costruzione.

In questo paesino c'è un nuovo campeggio da tener presente per acqua docce e corrente che da queste parti sono rare (anche ristorante).

Prima di sera siamo sulla laguna di Najlà, ci sono altri 10 camper, la vista è meravigliosa.

Giovedì 17/02/2005

Fermi a Najlà. La laguna è punto di arrivo dei pescatori per cui pesce vario e fresco tutti i giorni. I camperisti fermi sono tutti appassionati di pesca. Il posto è molto bello e si presta per visite in barca organizzabili con i pescatori, questi organizzano anche battute di pesca. Nella laguna c'è anche una coltivazione di ostriche.

Come uccelli,oltre ai vari aironi ci sono i fenicotteri.

Venerdì 18, Sabato 19/02/2005

Camper

0

Salata mista

18

Persona

25

Salata pomodori

13

Birra 33cc

20

Cammello ai datteri

75

Vino 1/2lt

50

Pollo all'arancio

65

Vino bottiglia

95

Mousse cioccolato

13

Coca cola

10

Formaggio capra

17

wisky

30

Colazione mattino

30

Si decide di andare ulteriormente a sud. Si lascia la Laguna di Najlà e si scende a Tarfaya. Numerosi i cantieri stradali e le conseguenti deviazioni, la strada è in rifacimento, questo non crea molti problemi perché la strada è trafficata. Dopo altri 100 km si arriva a Daura e dopo 2 Km sulla destra c'è una pista discreta di 5 Km che porta ad un campeggio. Si tratta di un campeggio nato per i 4x4 ma interessante. Grande tenda berbera che permette di socializzare e mangiare. La corrente non c'è ed il generatore serve per la cucina e la illuminazione generale. L'acqua non è buona, un po' salata, per trovare acqua buona bisogna andare circa 14 km a sud verso Layoune. Ci sono i servizi e le docce nel pomeriggio. La signora fa da mangiare e vendono anche il vino (i prezzi a lato in dirhan) , sono prezzi elevati ma si deve pensare anche che si è in mezzo al deserto. Il campeggio si paga a persona (2,5 €/pers. Il camper non paga)

Domenica 20/02/2005

Giornata di trasferimento verso nord. Abbandoniamo la compagnia di italiani che proseguono per Dakar mentre noi risaliamo per TanTan. Prima di Tan Tan, lungo la costa ci sono vari punto sosta con camper sulla punta delle falesia a 50 mt sul mare. Sono posti molto frequentati dai pescatori locali con canna che pescano dall'alto e vivono in capanne o tende.

A Tan Tan plage ci fermiamo per mangiare. Questo è un posto frequentato da camperisti, non c'è campeggio ma ci sono due posti che possono ospitare un totale di 50 camper. Sono entrambi in riva al mare. Uno dei due è prossimo ad albergo-ristorante. Il paese è a due passi.

Nel pomeriggio procediamo verso Guelmine ed arriviamo prima del tramonto ai bagni di Abanyou. E' stata una bella tirata (400 km) ma ne è valsa la pena soprattutto quando ci si è immersi nell'acqua calda dei bagni termali.

Lunedì 21, Martedì 22, Mercoledì 23,Giovedì 24,Venerdi 25/02/2005

Persona

7 dhr

Camper

15

elettricita

15

Si lascia Abaynou per andare a Sidi Ifni (sono solo 60 km) dove ci si piazza nel campeggio del paese (parte alta vicino all'ospedale con vista sul mare). Ci sono altri due campeggi proprio in riva al mare di cui uno nuovo ma se da un lato sono in riva al mare dall'altro sono lontani dal mercato del paese dove noi giornalmente acquistiamo il pesce. Qui a Sidi Ifni c'è uno dei migliori mercati del pesce fresco. Pesce grosso appena pescato come la Corbina, il Tonno, Verdesca, pesce cane:circa 5€ Kg. Pesce piccolo circa 1 € Kg. Molti camperisti si fermano in questo paese per comperare il pesce e conservarlo sotto olio e/o sotto sale, io preferisco mangiarlo fresco.

Sabato 26/02/2005

Si parte per Agair perché in due giorni dobbiamo essere a Marrakech aeroporto perché si unisce a noi la figlia per una quindicina di giorni.

Piccola tappa a Tiznit per ritirare gli occhiale da sole che avevamo ordinato, poi ci si ferma all'ingresso di Agadir all' ipermercato Marjanne, sia per mangiare che per fare scorta di: vino, olive, frutta e verdura.

Conoscendo già tutti i punti sosta di Agadir ed a nord di Tagathou si va ulteriormente a nord (altri 10 km) per sondare il nuovo campeggio aperto quest'anno, Atlantica Park ad Aghroud (Imi Ouaddar).

 

1-3 gg

4-30 gg

> 30 gg

Camper+2p

66 dhr

55 dhr

44 dhr

+ 1 adulto

20

20

20

+ 1 bimbo

13

13

13

Elettric. 5 Amp

15

15

15

Elettric. 10 Amp

20

20

20

Ci si trova di fronte ad un campeggio super moderno a livello europeo con piazzole numerate tutte con corrente servizi igienici perfetti docce calde gratuite bar, lavabiancheria per 30 dhs, market e pescatori che al mattino fanno il banchetto col pescato della giornata, servizio di lavaggio camper per 40 dhs ecc….Pulman del campeggio che al Martedì. Giovedì e Sabato porta al Marjanne di Agadir (dalle 13.30 alle 17.00) per 15 dhs

Prezzi superiori alla norma ma non eccessivi per i servizi resi, l'unico difetto che è lontano dal mare, 1 Km circa.

Domenica 27/02/2005

Camper

15 dhr

Auto

10 dhr

Persona

13

Moto

5

elettricità

10

doccia

2

Partenza per Marrakech via Essaouira. Arriviamo verso le 15.00 Controlliamo come e dove è l'aeroporto. Non male: parcheggio 0-4 ore per 0,5 € parcheggio 24 ore per 1 €.

Ritorniamo in città ma c'è una confusione incredibile (oggi è domenica) e sarebbe l'ideale per una visita, al parcheggio della Kotubia ci sarebbe posto ma io preferisco andare in un vecchio campeggio a 15 km verso Safi che già conosco, Camping International Sidi Rahal-Herbil. Avrò tempo per visitare Marrakech (che già conosco bene) con mia figlia nei giorni successivi.

Lunedì 28, Martedì 1/03/2005

Oggi meno confusione. Parkeggio alla Kotubia (dietro al minareto, presso la piscina) il costo giornaliero è di 4 euro e c'è la possibilità di scaricare (in WC) e di avere acqua. Arriva la figlia all'aereoporto e ci fermiamo a Marrakech un paio di giorni. Mia figlia ha trovato un volo milano-marrakech a/r per 264 euro, Non male se si pensa che analoghi voli per Agadir costano sui 500 euro.

Mercoledì 2, Giovedì 3/03/2005

Non è bel tempo allora partiamo per il mare ed andiamo a Essaouira. E' un gran bel paese che merita una visita di almeno 2 giorni. Andiamo al campeggio dietro al faro, circa 2 km dal centro per chi ha buone gambe oppure 0,5 euro in taxi.

Bel porto di pescatori, e buono il pesce.

Venerdì 4, Sabato 5, Domenica 6/03/2005

Ci spostiamo a sud verso Agadir. Ci fermiamo al campeggio di Tagazout dopo aver fatto un giro al supermercato Marjanne ed aver mangiato del pesce al porto.

Al sabato si va al souk di Agadir. Alla domenica passeggiata.

Lunedì 7, Martedì 8/03/2005

Ci siamo spostati a Tiznit. E' un gran bel paese in cui si vive bene e dove ci sono i più bei negozi di oreficeria ed argenteria.

Alla sera andiamo alle terme di Abaynou

Mercoledì 9/3/2005

Risaliamo verso Sidi Ifni per mangiare del buon pesce fresco.

Giovedì 10/3/2005

Siamo di nuovo a Tiznit per ritirare gli occhiali

Venerdì 11/3/2005

Ci spostiamo a Tafraute. Un paese che non può essere trascurato da un turista se non altro per i colori delle rocce che lo circondano. Meriterebbe più giorni ma non abbiamo tempo.

Sabato 12/3/2005

Ci spostiamo ad Agadir e parcheggiamo in città nel campeggio per essere più comodi.

Il campeggio è più caro ma ovviamente ci sono servizi migliori.

Domenica 13, Lunedì 14/03/2005

Partiamo per Marrakech per accompagnare la figlia all'aereoporto. Facciamo l'ultimo giro della città e gli ultimi acquisti.

Martedì 15/03/2005

Decidiamo di andare a sud attraversando le montagne dell' Atlante, è una bella giornata di sole.

Sono 200 Km di montagna sali e scendi, con punta massima a 2200 metri. La strada è bella quindi nessuna difficoltà ed i panorami meritano il sacrificio di 5 ore di guida.

Arrivati ad Ouarzazate (che rimane a quota 1000) andiamo subito in campeggio che si trova alla fine del paese a destra ben segnalato.

Mercoledì 16/03/2005

Giornata di riposo e bucato, taglio dei cappelli e doccia calda.

Giro della città vecchia e puntata in un ciber-coffe per contattare i figli.

Giovedì 17/03/2005

Lasciamo il campeggio di Ouarzazate per visitare gli studios cinematografici. Si spende 3 euro di ingresso e si posso vedere le scene di alcuni films famosi come Il Gladiatore, Asterix Obelix, Mosè, Piccolo budda, ecc..

Nulla in paragone a Cinecittà ma interessante l'ambiente.

Procediamo per la vallata che porta a sud verso Zagorà.

Ci fermiamo a Agdz, perché è un paese che merita una tappa. La parte moderna non dice nulla più degli altri paesi però oggi c'è il souk che risulta diverso, più genuino, più in piccolo delle grandi città.

Per vedere qualcosa di straordinario bisogna andare al campeggio Le Palmerie che si trova in una borgata a 2 km dalla piazza centrale (è segnalato). Come tutti i campeggi fuori dalle grandi direttrici, si tratta di un albergo con ampio piazzale dove si parcheggia sotto le palme. Molto bella la borgata, roba da cinematografo, se volevano girare Mosè, non servivano gli studios bastava venire qui.

Venerdì 18, Sabato 19, Domenica 20/03/2005

Lasciamo Agdz per scendere a sud verso Zagorà lungo la vallata del Dra. Il fiume Dra è pieno probabilmente per le piogge e la neve che si sta sciogliendo.

Persona

15 dhr

Camper

10

elettricità

20

La vallata è un insieme continuo di oasi e di palmeti. I paesi sono tante piccole Kasba, molte tenute bene e rifatte ed ancora usate.

Ci fermiamo al campeggio Les Jardin di Zagorà, bel attrezzato docce calde comprese nel prezzo, in pratica è in città, come si passano le porte a sinistra. Alla Domenica c'è il souk ed allora decidiamo di fermarci fino a domenica 20. Un ottimo pranzo nel ristorante del campeggio ci è costato 18,5 euro di cui 8,5 erano relativi ad una bottiglia di vino

Lunedì 21/03/2005

Lasciamo a malincuore Zagorà per andare ulteriormente a sud con obiettivo Mhamid dove penso finisca la strada asfaltata.

I panorami cambiano totalmente, sparisce le vegetazione tranne che in certe oasi in cui si formano i paesi, in pratica si continua a costeggiare il Dra che però non ha più acqua.

Si passano due paesi di notevole consistenza ed in uno dei due (Tagounite) c'è un moderno distributore di benzina. Fa caldo e non abbiamo voglia di fermarci ma credo che Tamegroute meriti una fermata.

Arrivati a Mhamid, dove finisce la strada ci sono numerosi posti da sistemarsi. Questo paese (piccolo) non è

Persona

20 dhr

Camper

30

Elettricità

0

altro che la base di partenza dei 4x4 per fare tour di uno o più giorni nel deserto, comunque anche qui c'è il souk al lunedì fuori delle mura prima di entrare e nel pomeriggio in piazza del paese.

Noi ci siamo sistemati al camping HAMADA du Dra che consiglio a tutti, gestito da un francese, pulito e si mangia bene docce calde comprese nel prezzo

Martedì 22/03/2005

Ci rimettiamo in marcia per risalire la vallata, ripassiamo Zagorà ed andiamo a dormire al campeggio di Agd che già conosciamo.

Mercoledì 23,Giovedì 24/03/2005

Si parte con obiettivo Tata, città sperduta a sud dell'Atlante, sono 280 km garantiti di tutto asfalto. Non sono partito da Zagorà perché non mi avevano garantito l'asfalto.

Partiamo verso ovest seguendo la segnaletica di Tazenakht che si trova sulla statale per Agadir. La strada risulta asfaltata e buona anche se sulla carta è segnata come pista. Si passano le miniere di Cobalto e dopo 40 km si trova un bivio dove viene segnalato Foum-Zguid. Altri 50 km di strada stretta ma asfaltata con niente traffico. Arrivati a Foum-Zguid la strada si allarga (ci sono distributori). Si procede su altipiani brulli con panorami e colori spettacolari fino al paese successivo Agadir Tissinnt. Per 10 km dopo Tissinnt ci sono dei panorami particolari fatti di gole (tipo canion) scavati dal fiume che non esiste più.

Persona/e

20 dhr

Camper

20

elettricità

10

Nel pomeriggio arriviamo a Tata, città abbastanza grossa con un campeggio comunale ben organizzato proprio in centro per cui molto comodo per le spese e per visitare la città.

Decidiamo di fermarci anche giovedì

Venerdì 25/03/2005

Si decide di avvicinarsi al mare scendendo verso Goulmine perché domani, in quel paese c'è il mercato del bestiame ed il souk.

Partenza da Tata per Akka, a differenza delle carte la strada da qui va a Touzouine e poi rientra a Oua-Belli fino al grosso crocevia di Foum-el-Hassan. Sono 140 km di savana in altopiano con traffico 0 e strada buona. Rari i paesi, distributore ad Akka.

A Foum-el-Hassan a destra si va verso la statale Tiznit-Goulmine mentre a sinistra (anzi dritto) si va ad Assa. Noi scegliamo quest'ultima anche se più lunga, perché sulla tratta che unisce Assa a goulmine c'è un buon punto sosta, e poi si fa una strada nuova.

La tratta Foum-el-Hassan non è segnalata sulle carte ma è nuova e larga.

Ad essere precisi il crocevia si trova a Icht mentre Foum-el-hassn è un lungo paesino caratteristico che trova a pochi km lungo la strada che va ad Assa.

Ad Assa si prende la statale che viene da Zag (e da Ek-Mahbas) e si procede per Fask, dopo 10 Km c'è un buon punto sosta Le Chameauu Vert con una bella piazza per caravan e tutto in necessario, docce calde comprese. Trattandosi di una specie di agriturismo si può mangiare e chi arriva in macchina anche dormire.

Dico agriturismo perché il titolare, come ci ha dimostrato, è totalmente autonomo: dall'orto ai polli ed a tutto il necessario per la cucina. Disponibili sala TV sala fresca per chi ha caldo ecc…

Sabato 26,Domenica27,Lunedì 28 /03/2005

Partenza per Goulmine dove riusciamo a visitare il souk dove esiste uno dei pochi mercati del bestiame che tratta anche i cammelli. Molto interessante ma soprattutto belle fotografie.

Dopo aver fatto le spese ci rifugiamo per passar e la pasqua ad Abanjau dove ci sono le terme e dove troviamo gli amici che avevamo conosciuto in nave e che erano andati a Daklà.

Pranzi pranzetti e libagioni ci hanno permesso di passare le feste in compagnia.

Martedì 29/03/2005

Partiamo per Sidi Ifni, dove facciamo spesa, lavaggio del camper (6 € è caro perché ad Agadir lo fanno con 5 €) cambio soldi e poi invece di andare al campeggio di Ifni andiamo a 8Km a nord, sulla scogliera, dove esiste un ottimo parcheggio a pagamento (1,5 € al giorno) con un panorama unico. Una lunga scalinata porta al mare dove si possono ammirare degli archi naturali (sono tre) ed isolotti vari che a seconda delle maree sono raggiungibili a piedi. Il guardiano che passa alla sera per ritirare i 15 dirhan ha anche una canna di acqua decente per fare il pieno. Non si può scaricare.

Questo posto chiamato Sable d'or (dal nome dell'albergo che sta sulla scogliera) ma che è indicato sulla statale con un nome differente (Gzuid ???) merita una tappa di almeno due giorni.

Mercoledì 30, Giovedì 31/03/2005

Partenza per Tiznit. Altre spese ci aspettano, in fondo siamo in fase di rientro ed in questi paesi non si ripassa. Tiznit è uno dei paesi dove si compra meglio.

Le spese consistono nel comperare un telone da 8 metri per fare il paravento (sia cotone che sintetico a strisce bianco-blu 3 €/mt alto 150 cm) . Una enormità di filo da ricamo, filo da cucire, cotone per uncinetto, cordino colorato per tende, ecc….

Una ultima visita al souk degli orefici, per fortuna senza spese.

Venerdì 1, Sabato 2/04/2003

Partenza per Agadir. Si arriva presto giusto per fare una enorme spesa al supermercato Marjanne, la lista non finiva mai.

Ci fermiamo due giorni al campeggio di Tagazout che già conosciamo. Andiamo sabato al mercato di Inezgane per comperare un pannello solare da 75 W per 180 €. Era usato ma apparentemente nuovo, ovviamente lo ho provato a vuoto e con carico e andava bene.

Domenica 3/04/2005

Ci spostiamo a nord per il lento rientro. Andiamo ad Essauria. Pomeriggio in paese (dal campeggio al paese, tutto il lungomare sono 0.5 € di taxi)

Lunedì 4/04/2005

Ci spostiamo a Safi. Il campeggio è ai margini sud della città. Siamo andati in centro a piedi ma è troppa

persona

20 dhr

camper

20

Elettricità

15

strada, rientrando in taxi si spende 1 €. Campeggio buono e rinnovato quest'anno. Un po' caro per gli standard marocchini

Safi è una città a cui si dovrebbe dedicare più tempo. E' considerata una città di passaggio per andare a sud o per andare nelle grandi città invece non solo è bella con le mura della fortezza ma è tipica sia nella sua medina che nella produzione di vasellame.

Martedì 5/04/2005

Ci spostiamo a El_Jadida Camping International a pochi Km dal centro.

Persona

14 dhr

Camper

22

Elettricità

18

tassa

10%

Anche questo campeggio ho un costo superiore alla media marocchina, però è comodo, con 0,7 euro di taxi si è in centro. La città è completamente in rinnovamento, nell'arco di un anno si può dire che ha cambiato faccia, comunque cambia la architettura ma i negozietti sono sempre uguali.

Acquistato l'ennesima tovaglia in damasco e relative guarnizioni. In effetti si trovano stoffe pesanti per copriletto o copritavola a 2,5 - 3 euro al metro veramente belle.

Mercoledì 6/04/2005

Ci spostiamo a Rabat tralasciando Casablanca già visitata nel 2004.

Prima di partire ci accorgiamo di avere una gomma a terra. In effetti due giorni or sono l'avevo fatta gonfiare perché era a bassa pressione, poiché la valvola non perdeva dovevo essere più furbo e controllare la gomma, in effetti c'erano due bei chiodi infilati come rivetti. In effetti con tutta la strada bianca fatta non mi meraviglia

Due ore per cambiare la gomma. Ricordatevi che sono necessari sempre 2 crick; uno per sollevare il camper ed uno per sollevare la balestra. Solo così riuscito a cambiare la gomma, con il solo crick in dotazione non ci riuscite (almeno sulle posteriori).

Ad un distributore in pieno centro, faccio riparare la gomma (2 buchi, 2€) e si riparte.

A 20 km da Casablanca prendiamo la autostrada fino a Rabat. A Rabat passiamo la città fino al ponte che porta a Sale dove ci fermiamo al super mercato Marjanne. Fatta la spesa andiamo in campeggio. E' un pò cambiato ma non nei servizi che sono come l'anno scorso, cioè scadenti.

Giovedì 7/04/2005

Giornata dedicata alla visita del mausoleo di Mohammed V e la torre di Hassan. Ci si arriva a piedi. Dal campeggio si va al molo dove vendono il pesce e si traghetta in barca (prezzo ufficiale 1,5 dirhan ma per i

Persona

15 dhr

Camper

30

elettricità

15

turisti sempre un po di più) arrivati all'altra sponda a sinistra si vede la grossa torre quadrata di Hassan. Merita la visita soprattutto al mausoleo. Ci sono le guardie a cavallo e si vede una architettura un po' fuori dalle nostre abitudini.

Rientro alla riva del fiume attraversando la medina piena di negozietti, facile da farsi perché basta andare sempre dritti per non perdersi. Ovviamente ci sono molte altre cose da vedere a Rabat ma per noi è già la seconda visita e siamo con il piede in partenza.

Venerdì 8/04/2005

Partenza verso il nord lungo la statale passando Kenitra. A Kenitra troviamo un iper (GEANT) tipicamente francese, nuovo appena aperto, vendono di tutto ma niente vino.

Entriamo in autostrada e facciamo tutta una tirata fino ad Assilha, dove in effetti finisce l'autostrada per Tangeri. (costo: Kenitra-Assilha 6 €; Kenitra-Larache 4,5 €)

Ci fermiamo in campeggio per avere la corrente ma come gia detto all'inizio di questo diario, c'è una ottima sistemazione in riva al mare vicino al forte.

Sabato 9/4/2005

Partenza per Tangeri. Un 10 Km prima di Tangeri, sulla sinistra c'è una deviazione per le grotte d'ercole. Non sono andato a visitarle però merita una visita a quel tratto di costa che dalle grotte porta al Capo (faro).

Volendo si può proseguire lungo il mare per Tangeri ma noi ritorniamo in statle per andare al supermercato Marjanne a fare spesa ed a mangiare.

Nel pomeriggio andiamo al porto per verificare gli orari ed il biglietto. Tutto a posto ma si parla di ritardi

Persona

20

Camper

20

elettricità

15

notevoli. Andiamo alla ricerca di un campeggio e troviamo il Miramonte. Una avventura trovarlo ma ancora più avventura arrivare alle piazzole. Questo camping ha due ingressi uno in alto vicino alla Kasba ed uno in riva al mare. Il dislivello è circa 100 mt per cui entrando dalla Kasba si fanno un 20 tornanti di strada privata in cemento stretta 2 metri ed alberata. Se invece si accede dal basso sono solo 3 tornanti più un 200 mt di pista che porta al mare. Questo è il lato migliore per entrare, in pratica guardando la cartina del libretto verde del touring il camping si trova all'apice in alto a sinistra della carta grande (la II). Il campeggio è piccolo ma bello ed alberato con molti fiori.

Domenica 10/04/2005

Visita di Tangeri in camper, ci si spostava di posto in posto parcheggiando dove capitava. Vista la moschea grande e quella araba, La nuova stazione ferroviaria, gli alberghi storici del porto e poi, nel pomeriggio siamo stati in riva al mare fino al tramonto.

Alla sera andiamo direttamente al porto per dormire sul molo dell'imbarco.

Lunedì 11/04/2005

Giorno di imbarco. La Comarit e la Comanav sono due compagnie navali marocchine che usano lo stesso molo per cui i ritardi dell'una si ripercuotono sull'altra.

Le pratiche sono le seguenti: un 3-5 ore prima della partenza bisogna andare agli uffici della compagnia con : passaporti, carta verde e biglietto vecchio di andata. Qui fanno il nuovo biglietto per il ritorno e danno i cartellini gialli da compilare con i dati anagrafici. Generalmente c'è o in addetto della compagnia o altre persone comunque con cartellino di identificazione che fanno questo (ovviamente qualche euro di mancia).

Compilato il cartellino giallo con i dati anagrafici si va alla polizia portuale, che di solito è sempre li vicino, per timbrare il passaporto, loro si tengono il cartellino giallo. Di solito ci sono lunghe code, e bisogna aver pazienza in quanto bisogna farlo di persona. C'è il vantaggio di poterlo fare per più passaporti per cui la moglie sta in camper. Una volta ritornati in camper si procede per l'imbarco però prima passerà la polizia a ritirare i due fogliettini (quello verde e la copia bianca) relativi al mezzo (camper, vedi inizio di questo diario) nel farvi passare devono restituirvi il fogliettino bianco. Si tratta di una operazione importante perché in pratica è una dichiarazione che il mezzo è ritornato in Italia. Successivamente c'è un secondo posto di blocco che controllano se i passaporti sono stati timbrati ed un ultimo posto dove ritirano la copia del biglietto di imbarco.

L'intera procedura dura più di tre ore. Comunque noi dalle 9 del mattino siamo saliti in nave alle 17 non tanto per le pratiche ma quanto perché i camper salgono per ultimi, le macchine erano una quantità enorme e sono state controllate ad una ad una in modo meticoloso. In effetti ne hanno fermate due con relativo arresto per droga entrambi sulla ruota di scorta. Nei camper nessun controllo.

Una raccomandazione: cercate di non abbandonare mai il camper, non per i furti ma per i clandestini, soprattutto se avete un camper a pianale molto alto. I camper sono i meno controllati e spesso si aggrappano sotto per entrare in nave (è successo ad un italiano e se ne sono accorti in nave). Se qualcuno vi chiede di salire con voi in nave a pagamento, rifiutate, spesso è uno della gendarmeria che tasta il terreno. Ogni tanto controllate sotto il camper, a volte ci incollano pani di droga che ritirano in tempi successivi, a Tangeri non ci sono cani anti droga.

 

 

 

 

 

 

Camper e Giramondo Home Page