Balcani in camper

Camper e Giramondo viaggi Viaggi in camper in gruppo
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

Metti un link a Camper e Giramondo

camper gruppo
Grandi viaggi aereo + camper: Australia, USA west
Primavera 2019: Albania, Olanda, Balcani, Irlanda

fortezza di Gjirokastra

Balcani tour
Croazia, Bosnia, Montenegro, Macedonia, Albania

con il tuo camper nei Balcani ...

Le nostre proposte:
- Viaggio in gruppo di camper.

Prossime partenze

 
4 - 26 maggio 2019 
Per i prezzi richiedete l'invio immediato dell'informativa completa tramite il pulsante "Informazioni".

La destinazione:

L'Albania, una terra fino a qualche anno fa praticamente sconosciuta al turismo ma che molto ha da offrire ai visitatori. Stiamo facendo diversi itinerari che toccano diversi paesi nei Balcani.
Questa volta prevediamo di scendere da Trieste lungo la Croazia, attraversare la Bosnia, il Montenegro, la Macedonia con tappe nelle più belle città della costa. Raggiungiamo infine l'Albania dove l'itinerario, anche se breve, toccherà le località di maggiore interesse del paese: Girokastara, Berati la città dalle mille finestre, l'antica Butrinto immersa in un'affascinante cornice naturale, Tirana, Kruje città natale dell'eroe nazionale, la costa mediterranea punteggiata di tranquille calette ed isolotti.
Si tratta di un viaggio facile, le strade sono state notevolmente migliorate anche se permangono alcuni tratti da risistemare.
Quota di partecipazione per 2 persone in camper: 2290 euro
Richiedi l'invio dell' informativa completa per sapere come iscriversi, cosa comprende questa quota e tutte le informazioni utili.

Programma Croazia-Bosnia- Montenegro-Albania

4 - 26 maggio 2019

1° giorno(4 maggio)

Monte Grisa (TS) - Plitvice (km.200)

Dalle ore 7:30 ritrovo dei partecipanti al viaggio presso il parcheggio di Monte Grisa (TS), possibilità di arrivare la sera prima ed incontrare l'incaricato tecnico dell'agenzia per pernottare in sosta libera presso il parcheggio adiacente il santuario di Monte Grisa. Nel pomeriggio visita facoltativa al parco nazionale di Plitvice, dichiarato parco nazionale nel 1949 e dal 1979 è Patrimonio Naturale dell'Unesco. Straordinario complesso di laghi, stagni, ruscelli, pozze e zampilli, formato da fiumi e correnti che scorrono e s'incontrano in un territorio carsico. Pernottamento in campeggio.

i laghi di Plitvice I laghetti di Plitvice

2° giorno

Plitvice - Trogir - Spalato (km.260)

Trasferimento verso Spalato. Nel pomeriggio visita guidata con trasferimenti in bus del nucleo storico inglobato dentro le mura del palazzo di Diocleziano, testimonianza della presenza romana in Dalmazia. In serata passeggiata e cena facoltativa a Trogir, piccolo gioiello della Dalmazia . Pernottamento in campeggio a Trogir.

3° giorno

Spalato - Dubrovnik (km.250)

Raggiungiamo Dubrovnik. Pomeriggio libero per relax al mare. Pernottamento in campeggio.

4° giorno

Dubrovnik (sosta)

Visita a piedi, accompagnati da una guida locale, di questa bellissima città della Croazia che dal 1979 è iscritta dall’Unesco nel patrimonio culturale mondiale. Il nucleo storico della città, costruito a partire dal X sec., è uno spettacolare sistema fortificato tra i più belli e meglio conservati di tutto il Mediterraneo. Pomeriggio libero per relax al mare. Pernottamento in campeggio.

5° giorno

Dubrovnik - Blagaj - Mostar (km.170)

Partenza in direzione Mostar con deviazione alla cittadina medievale di Blagaj. Sulla riva destra del fiume, in uno scenario naturalistico di rara bellezza, possiamo ammirare, dall'esterno, la cinquecentesca Tekija, la casa dei dervisci sospesa tra acqua e roccia: da secoli luogo di meditazione e di preghiera. Nel pomeriggio raggiungiamo e visitiamo Mostar, antica città turca, divisa in due dal fiume Neretva, famoso per il suo "Ponte Vecchio". Pernottamento in parcheggio privato.

6° giorno

Mostar - Sarajevo (km.130)

Mattinata libera. Dopo pranzo trasferimento a Sarajevo. Pernottamento in campeggio.

7° giorno

Sarajevo (sosta)

Dedichiamo l’intera giornata alla visita, guidata e con bus, di Sarajevo, tristemente famosa per l’attentato all’arciduca austriaco Francesco Ferdinando e per l’assedio serbo-bosniaco durante la guerra civile jugoslava. Iniziamo la visita con il "Tunnel della vita" sotto l’aeroporto, simbolo del coraggio e della sopravvivenza per la gente di Sarajevo. Dopo un giro panoramico per ammirare la città dall'alto, scopriamo la Città Vecchia dove sorgono i principali monumenti, luoghi di culto ed edifici storici. Concludiamo la giornata con la visita al museo di Srebrenica, la cittadina teatro del più grave genocidio dell'Europa contemporanea. Pernottamento in campeggio.

8° giorno

Sarajevo - Canyon del fiume Piva - Parco Nazionale Durmitor(km.240)

Ripartiamo per raggiungere Zabljak e la montagna Durmitor in Montenegro. Percorriamo la panoramica strada che attraversa il canyon del fiume Piva, meno famoso, ma non meno bello del canyon del Tara. Il fiume scorre per un lungo tratto in un canyon, profondo fino a 1200 metri, al termine del quale una diga alta 220 metri crea il lago artificiale che alimenta la centrale idroelettica di Mratinje. Pomeriggio libero. Pernottamento in campeggio.

9° giorno

Parco Nazionale Durmitor (sosta)

Escursione a piedi per ammirare il più maestoso spettacolo della natura del Montenegro e di tutta la penisola balcanica. Questa regione custodisce un vero e proprio tesoro naturale per la sua unicità e autenticità, tanto da essere dichiarato Parco Nazionale e anche Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Il ghiaccio ha modellato un suggestivo paesaggio di montagna, effettuiamo il giro del Lago Nero, il più grande di 18 laghi. Pernottamento in campeggio.

10° giorno

P. N. Durmitor - Canyon del fiume Tara - Ostrog - Kotor (km.220)

Percorriamo la strada che costeggia l’affascinante Canyon Tara che, con i suoi 1300 metri di profondità, è il secondo canyon più profondo al mondo dopo quello del Colorado. Successivamente ci dirigiamo verso l’antichissima cittadina di Kotor, patrimonio dell’Unesco. Lungo il percorso visitiamo il Monastero di Ostrog, il più grande santuario ortodosso montenegrino in cui sono conservati i resti di San Basilio di Ostrog. L’impressionante monastero scavato nella roccia è tra le più importanti mete di pellegrinaggio di tutta l’area balcanica. Pernottamento in parcheggio.

11° giorno

Kotor (sosta)

Visitiamo la fortificata Stari Grad (Città Vecchia) che sorge alle pendici di un’alta scogliera. Le sue strade labirintiche vi sorprenderanno per il numero di bar, chiese e ristoranti che sorgono nelle piazzette più nascoste. Nel pomeriggio escursione in barca alle Bocche di Cattaro, una delle meraviglie naturali del Mediterraneo e alla chiesa della Madonna dello Scalpello. Le montagne incorniciano la baia e il mare è di un intenso color indaco. Pernottamento in campeggio.

12° giorno

Kotor - Njegusj - Cetinje - Budva (km.90)

Lasciamo Cattaro e risaliamo lungo la pittoresca strada a tornanti, con panorami spettacolari sulle bocche, verso il villaggio di Njegusj, famoso per aver dato i natali a Pietro II e per la produzione del miglior prsut (prosciutto affumicato) del Montenegro. Da Njegusj raggiungiamo Cetinje, antica capitale del Montenegro, per una visita libera della città-roccaforte. Al termine della visita trasferimento a Budva. Pernottamento in campeggio.

13° giorno

Budva (sosta)

Giornata libera al mare. Pernottamento in campeggio.

14° giorno

Budva - Scutari (km.150)

Imbocchiamo la strada panoramica che costeggia il Lago di Scutari situato al confine tra il Montenegro e l'Albania. Il lago è il più grande di tutta la Penisola balcanica,costituisce l' habitat e rifugio di numerose specie di uccelli. Nel pomeriggio visitiamo con minibus la cittadina di Scutari, una delle più antiche d'Europa. La cittadina ha risentito di una forte influenza italiana, grazie anche alla presenza della Repubblica di Venezia dal 1396 fino alla conquista ottomana. Pernottamento in campeggio.

15° giorno

Scutari - Prizren (km.175)

Trasferimento per la città di Prizren, capitale culturale del Kosovo. Visita guidata al piccolo centro urbano, dominato dalla grande Moschea Sinan Pasha (visita esterna). Pernottamento in parcheggio .

16° giorno

Prizren - Tetovo - Skopje (km.150)

Raggiungiamo Tetovo attraverso una panoramica strada che attraversa il Parco Nazionale Shara. Il parco, con le sue vette alte più di 2500 metri, rappresenta il più grande centro di biodiversità nei Balcani. Sono presenti numerosi laghi glaciali, torrenti di montagna e fiumi. Nel pomeriggio visita alla meravigliosa Moschea Dipinta di Tetovo costruita nel XVII sec. conosciuta anche come Moschea Aladzha. Questo autentico gioiello dell’arte islamica fu costruito nel 1459 con le donazioni di due nobildonne musulmane, Hurshida e Mensure, la cui tomba si trova all’interno del giardino. La moschea si presenta a forma di cubo, interamente decorata sia all’esterno che all’interno con motivi floreali e geometrici. Gli affreschi e i decori in legno, tutti in ottime condizioni, risalgono al 1833 quando l’edificio fu ricostruito ed ampliato da Abdurahman Pasha. Breve trasferimento a Skopje. Pernottamento in campeggio.

17° giorno

Skopje - Bitola (km.175)

Visita guidata in bus e a piedi del centro storico: la fortezza di Kale, la chiesa ortodossa macedone di Santa Salvation, il vecchio bazar , la casa di Madre Teresa. Al termine della visita trasferimento per Bitola. Pernottamento in parcheggio.

18° giorno

Bitola - Heraclea - Sveti Naum - Ocrida (km.120)

Visita guidata a piedi dell'antico centro storico, lungo la famosa strada pedonale "Sirok Sokak" si potranno ammirare i vecchi palazzi, la torre dell'orologio, chiese, moschee ed infine bar e negozi. Visita facoltativa del Museo Archeologico di Bitola dedicato a Kemal Mustafa Ataturk, fondatore e primo presidente della repubblica turca. Nel pomeriggio visita all’antica città romana di Heraklea, fondata da Filippo II, il padre di Alessandro il Grande, verso la metà del IV secolo a.C. Tra i resti più interessanti del sito si possono ammirare: le terme, il colonnato, l'anfiteatro, i resti delle due basiliche, entrambe con gli splendidi e coloratissimi mosaici (V secolo) raffiguranti figure geometriche, alberi, uccelli, fiori ed animali. Breve trasferimento per Sveti Naum. Pernottamento in parcheggio sul Lago di Ocrida.

Sveti Naum Sorgente nei pressi del monastero di Sveti Naum

19° giorno

Ocrida - Tirana (km.140)

Visita del Monastero di San Naum. Al termine breve trasferimento e visita di Ocrida, la più bella città della Macedonia e sicuramente una delle più affascinanti della penisola balcanica, dichiarata patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Situata sulla riva orientale dell'omonimo lago, Ocrida si caratterizza per le sue graziose case bianche con porte in legno, per le sue stradine tortuose e per i prestigiosi tesori d'arte. Visitiamo la Cattedrale di Santa Sofia eretta nel 1037-1056 con interessanti affreschi del XIV secolo, la chiesa di S. Bogorodica Perivlepta del 1259 con forme bizantine e la chiesa dei Ss. Costantino ed Elena della seconda metà del XIV secolo. Concludiamo con la visita della Chiesa, simbolo di Ohrid: S. Kaneo. Nel pomeriggio trasferimento per Tirana. Pernottamento in campeggio sul lago.

20° giorno

Tirana - Kruje - Tirana (sosta)

Visita guidata in bus e a piedi di Tirana: il Bunk'Art, bunker antiatomico costruito ai tempi della dittatura comunista di Enver Hoxha, la moschea di Ethem Bey, la piazza Skanderbeg, il bazar. Dopo pranzo raggiungiamo in bus Kruje città natale di Skanderbeg l'eroe nazionale albanese. La passeggiata tra le viuzze dell'antico bazar, restaurato negli anni '60, e il museo dedicato all'eroe chiuderanno piacevolmente la giornata. Ritorno a Tirana e pernottamento in campeggio sul lago.

La piramide ad Oxa a Tirana La piramide eretta da Oxa a Tirana

21° giorno

Tirana - Berati - Valona (km.220)

Partenza in direzione di Berati, che raggiungiamo in un paio di ore. Giunti a Berati visitiamo il castello e il museo delle icone rosse di Onufri, che per il loro colore particolare, sono dette “Rouge Onufri”. Nel pomeriggio ripartiamo in direzione sud per raggiungere Valona. Pernottamento in area sosta sul mare a pochi km dalla città.

22° giorno

Valona - Porto Palermo - Butrinto - Igoumenitsa (km.230)

Raggiungiamo Porto Palermo percorrendo una suggestiva e panoramica strada sulla costa ionica. Lungo il percorso incontriamo piccoli villaggi arroccati sulle rupi. E' prevista una sosta ristoratrice sul passo di Logara (1.050 mt) per gustarci il panorama delle montagne lambite dal mare e per concederci un momento di relax con degustazione del locale yogurt con miele. A seguire raggiungiamo Porto Palermo dove un piccolo promontorio ospita una fortezza turca. Nel pomeriggio proseguiamo per Butrinto per la visita guidata delle rovine romane poste in bella posizione sulla laguna. Al termine attraversamento della frontiera, arrivo ad Igoumenitsa e partenza per l'Italia alle 23:30.

porto Palermo La fortezza di Porto Palermo

23° giorno (26 maggio)

Ancona o Bari

Arrivo nel porto prescelto e rientro libero.


Foto di alcune passate edizioni

Aprile 2015 (Albania Macedonia)
Luglio 2014 (Albania Macedonia Montenegro)
Aprile 2014 (Albania Macedonia) 
Aprile 2012 
 

Il presente viaggio è organizzato da Il Tropico del Camper s.r.l.


Camper e Giramondo Home Page